Mercati. La guerra commerciale USA – Cina si intensifica. Può essere seguita da una recessione? | Russell Investments

I mercati hanno oscillato mentre la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina si intensifica. La prospettiva si attenua per il settore manifatturiero nel mezzo della battaglia commerciale. Punti critici di controllo per i mercati nelle prossime settimane. Nell’ultima edizione di Market Week in Review, lo stratega senior degli investimenti Paul Eitelman e Rob Cittadini, senior director istituzionale degli Stati Uniti, hanno discusso dell’escalation tra Cina e Stati Uniti, della guerra commerciale e dei potenziali impatti sui mercati e sulle economie.

I rendimenti obbligazionari precipitano con l’intensificarsi della guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti

La minaccia del 1 ° agosto del presidente americano Donald Trump di imporre tariffe del 10% sugli ultimi $ 300 miliardi di importazioni cinesi ha suscitato una risposta rapida dalla Cina, che ha svalutato il suo tasso di cambio e fermato tutti gli acquisti agricoli dagli Stati Uniti, con l’indice S&P 500 e la media industriale Dow Jones che registrano le perdite più elevate dell’anno il 5 agosto. A un certo punto, quel giorno, l’indice S&P 500 è sceso di quasi il 3%, ha osservato Eitelman, poiché i mercati hanno registrato una forte contrazione sulle notizie. “La risposta della Cina alla minaccia tariffaria degli Stati Uniti sembra essere stata mirata ad agitare il presidente Trump”, ha osservato Eitelman, “mentre si è lamentato per qualche tempo della manipolazione della valuta cinese”. Inoltre, il presidente cinese Xi Jinping sembrava essersi impegnato ad acquistare più prodotti agricoli statunitensi durante un incontro con Trump al vertice del G20 di giugno, ha detto. Il fatto che la Cina abbia interrotto bruscamente questi acquisti è abbastanza significativo, ha osservato Eitelman, poiché questa era precisamente la concessione che gli Stati Uniti credevano avessero estratto dalla Cina. La cattiva reazione nei mercati azionari ha innescato un significativo volo verso la sicurezza dei titoli di stato, con il rendimento del titolo del Tesoro USA decennale di riferimento che è sceso all’1,7% circa. “Questo è molto basso da una prospettiva storica “, ha osservato Eitelman, aggiungendo che il calo dei rendimenti è stato ancora più significativo in Germania, dove i titoli di stato a 10 anni vengono scambiati a circa -60 punti base. Tutto sommato, la battaglia commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina è notevolmente aumentata, ha affermato Eitelman, aumentando drasticamente l’incertezza per il settore delle imprese mentre si sta andando verso l’autunno.

La guerra commerciale potrebbe innescare una recessione?

Altri rischi al ribasso sono insorti in Eitelman e nel team delle prospettive di mercato degli strateghi di Russell Investments, in particolare a causa dei probabili impatti sul settore manifatturiero globale. “Dalla fine del 2017 c’è stata una graduale decelerazione dell’attività manifatturiera, poiché questo settore è molto esposto alle tariffe e alle interruzioni della catena di approvvigionamento”, ha spiegato. La situazione di stallo commerciale tra Stati Uniti e Cina, che ha investito l’industria dalla primavera del 2018, ha portato a un marcato rallentamento dei tassi di crescita, ha osservato Eitelman, al punto che alcune parti del settore potrebbero già contrarsi. “Con le tensioni commerciali di nuovo in ebollizione, è probabile che il ciclo manifatturiero continui a rallentare e che abbia anche conseguenze per gli utili aziendali”, ha spiegato, spiegando che l’indice S&P 500 è una rappresentazione di molte grandi aziende multinazionali con esposizione globale. I tassi di crescita degli utili nella prima metà del 2019 sono già stati deboli, ha osservato Eitelman, aggiungendo che una lieve recessione degli utili potrebbe continuare nella seconda metà dell’anno. L’effetto netto di tutto questo? Più fragilità negli Stati Uniti, ha detto, mentre i dirigenti aziendali lottano con il modo di rispondere all’accresciuta incertezza e al rallentamento della crescita. Se i leader rispondono tagliando le assunzioni, è possibile un risultato abbastanza negativo per gli Stati Uniti, ha detto Eitelman. “La guerra commerciale è un punto critico al momento”, ha affermato, “e se la situazione non si sbroglia, non penso che sarebbe irrealistico aspettarsi una recessione”. Eitelman ha osservato, tuttavia, che lo scenario più positivo di un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina rimane in gioco. In questo caso, l’incertezza del business svanirebbe e i mercati sarebbero in rialzo, ha affermato.

Punti chiave: futuri negoziati commerciali e potenziali esenzioni da Huawei

Per la salute a breve termine dei mercati, è importante che i negoziati commerciali tra i due paesi continuino, il mese prossimo, ha affermato Eitelman – e che le tariffe aggiuntive minacciate dagli Stati Uniti sulle importazioni cinesi non entrino in vigore dal 1 settembre. Un altro aspetto cruciale da tener d’occhio è l’approccio americano ad inserire nella propria lista nera il gigante cinese delle telecomunicazioni Huawei, ha affermato. “Se gli Stati Uniti offriranno nuove deroghe alle aziende che vogliono fare affari con Huawei, questo potrebbe essere visto come un ramo d’ulivo che potrebbe incentivare la Cina a ricominciare ad acquistare prodotti agricoli”, ha osservato Eitelman. Ultimo, ma non meno importante, nei prossimi giorni i mercati riceveranno una prima lettura sui livelli di attività produttiva di agosto, ha affermato. “Questi numeri saranno ancora più importanti del solito, alla luce di tutti i recenti sviluppi nel commercio”, ha concluso Eitelman.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi