Dazi. 3 ragioni per cui quelli americani alla Cina spaventano tanto i mercati | Russell Investments

Nell’ultima edizione della Market Week in Review, il capo strategist degli investimenti Erik Ristuben e l’analista di ricerca Brian Yadao hanno discusso del recente taglio dei tassi da parte della Federal Reserve (Fed) degli Stati Uniti e del potenziale impatto di ulteriori dazi statunitensi sulle merci cinesi.

La Fed taglia i tassi di interesse di 25 punti base, citando le tensioni commerciali e il rallentamento dell’economia globale

Come previsto, la Fed ha abbassato il suo tasso di interesse di riferimento di 25 punti base il 31 luglio, ma l’immediata reazione del mercato a seguito della conferenza stampa del presidente Jerome Powell è stata negativa. Perché? Powell ha affermato che il taglio non ha segnato l’inizio di una lunga serie di riduzioni dei tassi, ha osservato Ristuben, che inizialmente ha sollevato alcuni dubbi sulla probabilità di tagli futuri. “La probabile ragione alla base dell’osservazione di Powell è che, storicamente, la Fed intraprende una serie di riduzioni dei tassi solo quando crede fermamente che l’economia americana si stia trasformando in una recessione, e l’economia di oggi è ancora su basi abbastanza solide“, ha affermato Ristuben, aggiungendo che la banca centrale non voleva trasmettere un tono di panico. Il presidente della Fed è stato in grado di camminare su una linea sottile lanciando il taglio dei tassi come un taglio assicurativo che avrebbe contribuito a proteggere l’economia dalle tensioni commerciali, diminuendo la fiducia del CEO e un rallentamento dell’attività manifatturiera globale, ha osservato. “Credo che la Fed volesse fornire una ragione per gli individui a credere che l’attuale espansione economica potesse essere mantenuta“, ha detto Ristuben, “e la banca centrale ha fatto questo tagliando i tassi“. I mercati alla fine sono tornati indietro la mattina dopo il taglio, cancellando la maggior parte delle perdite del giorno precedente, ha osservato, cioè fino a quando la guerra commerciale Cina-USA  si è fortemente intensificata.

Dazi aggiuntivi possono indebolire la spesa al consumo degli Stati Uniti e la crescita dell’occupazione

L’annuncio del presidente Usa Donald Trump del 1 agosto secondo cui gli Stati Uniti prevedono di imporre una tariffa del 10% su un valore aggiuntivo di $ 300 miliardi di beni cinesi nei mercati in settembre ha scosso i mercati, con l’indice S&P 500 in calo di circa il 3,5% alla settimana, a partire da metà mattina ora del Pacifico il 2 agosto. La reazione negativa del mercato è stata probabilmente dovuta a tre ragioni principali, Ristuben ha dichiarato: Il previsto impatto negativo di ulteriori tariffe sugli utili aziendali. Il potenziale di tariffe aggiuntive a danno della spesa dei consumatori. Il potenziale per un rallentamento delle assunzioni a causa delle tariffe. I dazi indeboliscono gli utili societari perché comportano un aumento dei costi di input, ha affermato, indicando l’impatto negativo che i dazi attualmente imposti hanno già avuto sugli utili statunitensi quest’anno. Potenzialmente altrettanto problematico è che il valore di $ 300 miliardi di importazioni cinesi oggetto di queste ultime tariffe è costituito principalmente da beni di consumo, ha osservato Ristuben. “Ciò significa che la spesa per consumi, che rappresenta circa il 70% dell’economia degli Stati Uniti, potrebbe subire un impatto maggiore“, ha affermato. Ancora potenzialmente più preoccupante, secondo Ristuben, è l’impatto che i dazi potrebbero avere sul mercato del lavoro del paese. “Già, i CEO che hanno perso la fiducia nelle prospettive economiche a causa della guerra commerciale stanno acquistando beni capitali a un prezzo inferiore“, ha detto, “e in genere, il prossimo passo che faranno in situazioni come questa è quello di ridurre assunzioni. ”Quest’anno c’è già stato un cambio di marcia negli Stati Uniti, ha detto, con guadagni mensili di posti di lavoro che sono scesi da circa 225.000 al mese nel 2018 a 175.000 al mese finora quest’anno. “Questo rallentamento dei posti di lavoro era previsto — e attualmente non è un problema“, ha affermato Ristuben, “ma se vedremo un altro spostamento verso il basso, il mercato del lavoro diventerà probabilmente una preoccupazione crescente“.

La Fed taglierà nuovamente i tassi a settembre?

L’ultima minaccia tariffaria degli Stati Uniti aumenta notevolmente le possibilità che la Fed riduca nuovamente i costi di prestito nella riunione di settembre, ha affermato Ristuben. “Powell ha osservato nella sua conferenza stampa che uno dei motivi del taglio dei tassi di luglio è stato quello di compensare i potenziali impatti dell’incertezza commerciale – e ora, pochi giorni dopo, la quantità di incertezza commerciale è aumentata nettamente“, ha osservato. Il dibattito tra i partecipanti al mercato in vista della riunione della Fed del 17-18 settembre verterà probabilmente sul fatto che la banca centrale ridurrà i costi di prestito di 25 o 50 punti base, ha affermato Ristuben. “Alla Russell Investments, riteniamo che un taglio di 25 punti sembra più probabile in questo momento, ma c’è molto tempo – e molti nuovi dati economici da rilasciare – tra oggi e metà settembre“, ha osservato. Tutto sommato, Ristuben e il team di strateghi globali rimangono sul punto di vista del fatto che gli Stati Uniti non si stiano trasformando immediatamente in una situazione di recessione. “Tuttavia, non commettere errori: le cose stanno diventando sempre più interessanti“, ha concluso.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi