Mercati. Le vendite creano l’opportunità per un check-up del portafoglio | Morningstar

Con le azioni che affondano prima del giorno del Ringraziamento, Christine Benz suggerisce di utilizzare il lungo weekend dei mercati come un’opportunità per fare un controllo del benessere del proprio portafoglio.

Analizziamo un po ‘la carneficina. La tecnologia ovviamente è stata colpita molto duramente. Quando dai un’occhiata al mercato, cosa vedi come la grande sfida in questo momento?

La tecnologia, come hai detto, è stata l’epicentro della vendita. Un effetto di ricaduta, in particolare per gli investitori in fondi comuni di investimento ed ETF, è che qualsiasi cosa sul lato della crescita è stata piuttosto duramente colpita. Anche le azioni sanitarie sono diminuite. Un altro settore chiave in cui abbiamo assistito a molte vendite è stato il settore dell’energia, in parte perché abbiamo visto un calo dei prezzi dell’energia, quindi il settore è stato colpito piuttosto duramente. In generale, le azioni value hanno tenuto meglio delle growth, finora, nel 2018, sul lato azionario. Dal punto di vista obbligazionario, gli investitori sembrano gravitare verso la sicurezza. Abbiamo visto un po ‘di pressione sulle obbligazioni a lungo termine, in una certa misura le obbligazioni societarie, mentre le obbligazioni governative a breve termine e i fondi obbligazionari hanno tenuto relativamente bene.

Mentre ci dirigiamo verso il weekend festivo, hai suggerito che forse questo è un buon impulso per dare un po’ di controllo al tuo portafoglio. Perché è così?

Questo è un buon periodo dell’anno per fare un buon check-up complessivo del portafoglio comunque. La fine dell’anno è un momento in cui è possibile fare alcune mosse, in cui è possibile migliorare la situazione fiscale fino al 2019. La fine dell’anno è naturale che esorti gli investitori a fare una piccola pausa, ed a passare un po ‘di tempo a esaminare i loro portafogli. L’altra cosa è che molti di noi hanno un giorno o due in più questa settimana, quindi un lungo weekend, e questo ci dà un po ‘di tempo per fare un respiro profondo, esaminare il danno nel proprio portafoglio, e pensare a quali passi si può fare per fare in modo che il portafoglio migliori nel 2019.

Parliamo di come sarebbe. Quale sarebbe il primo passo?

Il primo passo di un controllo del portafoglio, a mio parere, è di fare una specie di controllo del benessere. Se sei qualcuno che è in modalità di accumulo, vuoi controllare il tuo saldo dove è adesso, ma vuoi anche dare un’occhiata a quanto contribuisci a questo equilibrio ogni anno, perché sarà di gran lunga il più grande fattore determinante per raggiungere i tuoi obiettivi finanziari. Guarda qual è il tuo tasso di risparmio. Se sei un investitore a reddito più elevato, vorrai superare la soglia del 10%, che alcune persone hanno ritenuto essere un buon punto di partenza. Vorresti essere più vicino al 15 o addirittura al 20% del tuo stipendio che stai contribuendo ai tuoi conti pensionistici.

È anche un buon momento per fare alcuni contributi 401 (k) dell’ultimo minuto. Se non sei sulla buona strada per massimizzare i tuoi contributi, e hai un po ‘di margine di manovra nel tuo budget, mentre il 2018 si conclude, vedi se non puoi spingere un po’ di più nel piano di pensionamento. Hai tempo fino al 15 aprile per dare ulteriori contributi a un’IRA se volessi finanziare interamente un’IRA per il 2018. Se sei qualcuno che si trova in modalità di decumulazione, la tua metrica chiave per determinare se sei sulla buona strada è quanto spendi da quel portafoglio. Se non lo hai rivisto di recente, dai un’occhiata a se stai spendendo a un ritmo sostenibile. Se sei potenzialmente preoccupato per il tuo portafoglio, vedi se puoi fare un po’ di stringere la cinghia sul fronte della spesa per cercare di ridurre i prelievi di portafoglio. Questo è particolarmente importante se sei qualcuno che sta per andare in pensione, perché può essere davvero pericoloso se stai spendendo troppo da un portafoglio che sta diminuendo simultaneamente di valore.

Parliamo dell’asset allocation. Se questa dislocazione del mercato ha creato alcuni cambiamenti nella nuova allocazione, come fai a sapere quando è il momento di riequilibrare effettivamente, o quando lasci che il mercato faccia di questo riequilibrio per te?

Penso che le persone che dovrebbero essere particolarmente preoccupate per questo dovrebbero essere le persone che si stanno avvicinando o siano in pensione, soprattutto per gli accumulatori di vecchiaia, persone che sono un po’ come post 50enni, ma che potrebbero arrivare tra 10 o 15 anni al pensionamento. È un buon momento per entrare e dare un’occhiata all’asset allocation del proprio portafoglio. È stato molto facile rimanere senza mani dato che il mercato è cresciuto abbastanza costantemente negli ultimi dieci anni. Se non hai apportato alcuna modifica di recente, potresti comunque essere pesante rispetto a un target appropriato. Controlla quello. Fai un po ‘di controllo sulle tue riserve liquide e sulle allocazioni che potresti avere per legare le partecipazioni. Il controllo dell’asset allocation, direi, è relativamente meno importante per le persone che hanno molti anni fino alla pensione. Se hai 30 o 40 anni, e pensi di avere almeno 20, 25 anni prima del pensionamento, dovresti vedere questi periodici svendimenti del mercato perché vuoi tenere un portafoglio per lo più equo in quella fase della vita. Probabilmente non dovresti spostarti molto in termini di esposizioni in classi di attivi del tuo portafoglio. Questo è più importante per le persone che si avvicinano alla pensione o che siano in pensione.

Hai detto prima che la crescita è stata duramente colpita, quindi nella tua allocazione azionaria, hai bisogno di preoccuparti di essere troppo inclinato verso la crescita o il valore?

Mi piace l’idea di utilizzare questa opportunità non solo per controllare le esposizioni delle classi di attivi del portafoglio, ma anche per esaminare le esposizioni in classi di attivi. E penso che la nostra funzionalità X-Ray sia un ottimo modo per farlo. Stai dando un’occhiata al tuo portfolio, in che modo è schierato attraverso lo stile. Anche alla ricerca di qualsiasi grande inclinazione verso determinati settori individuali. Non è necessario essere completamente neutrali rispetto allo stile, ad esempio, ad un indice di mercato totale o all’S&P500. Ciononostante, penso che sia un buon punto di partenza, quindi controlla quelle allocazioni. Il mercato ha fatto un po ‘di ribilanciamento per gli investitori, dove è stato tolto denaro dal lato della crescita del libro mastro e spostato forse verso il valore un po’, ma vediamo se si potrebbe desiderare di apportare alcune modifiche anche lì.

Che ne dici delle aziende? C’è qualcosa di cui hai bisogno – forse preoccupato non è la parola giusta – ma come controlleresti assicurandoti che le tue partecipazioni siano in buona forma?

Non mi fermerei solo alle prestazioni. Penso che questa sia la nostra reazione istintiva: è solo per vedere, OK, qual è il mio peggior titolo nel mio portafoglio? Passa un po ‘di tempo a esaminare i fondamenti delle tue partecipazioni, sia che tu sia un investitore azionario in singoli titoli, o un investitore di fondi. Penso che i nostri rapporti degli analisti siano di grande aiuto in termini di ottenere le view intorno all’intero quadro delle singole azioni, oltre che dei fondi comuni di investimento e degli ETF.

Qualche considerazione da tenere a mente?

Decisamente. Questo è forse un piccolo suggerimento in un ambiente di mercato molto volatile, ed è che se hai partecipazioni tassabili che sono diminuite di valore da quando le hai acquistate, potresti essere in grado di venderle e guadagnare una perdita fiscale che puoi utilizzare per compensare qualsiasi plusvalenza nei tuoi portafogli. Un altro concetto da tenere a mente è quello che si chiama “raccolta delle entrate fiscali“. Questo è per le persone che sono attualmente nella fascia di guadagno di capitale dello 0%. Ho scritto su questo argomento su Morningstar.com. Se ritieni che ciò si applichi a te, controlla se hai alcune partecipazioni che potresti effettivamente vendere preventivamente. Non è necessariamente una strategia di downmarket, ma nondimeno qualcosa da considerare in questo periodo dell’anno.

Potresti essere in grado di fare alcune conversioni IRA se il saldo è diminuito. Queste sono tutte le aree per ottenere un aiuto fiscale. Ho anche fatto riferimento alla virtù di rendere quei contributi last minute 401 (k) nell’ultimo mese e mezzo, o giù di lì, che abbiamo in questo anno. Se sei un pensionato soggetto alle distribuzioni minime richieste dai tuoi account con pagamento differito, utilizzale come un’opportunità per correggere le cose nel tuo portafoglio che volevi comunque modificare. C’è sicuramente la possibilità di lavorare su alcune strategie fiscali su alcune di queste modifiche al portfolio che potresti voler fare.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi