Mercati. In che modo le reazioni di mercato possono influenzare i voti della Brexit | Russell Investments

L’analista della strategia di investimento quantitativa senior Dr. Kara Ng e Rob Cittadini, direttore delle istituzioni americane, hanno discusso gli ultimi sviluppi relativi alla Brexit, i dati economici rilasciati di recente dalla Cina e il commento della presidente della Fed Jerome Powell sullo stato dell’economia.

Settimana tumultuosa in U.K. dove continua la saga Brexit

La settimana del 12 novembre è stata un ottovolante politico sul fronte della Brexit, ha detto Ng, a partire dalla pubblicazione di un progetto di accordo di ritiro – tra il primo ministro britannico Theresa May e i leader dell’UE – che espone i termini dell’uscita incombente della Gran Bretagna dall’UE . I rendimenti delle obbligazioni britanniche e la sterlina britannica sono inizialmente saliti il 14 novembre dopo la notizia che May aveva ottenuto l’approvazione del governo per l’accordo, solo per precipitare il giorno successivo quando una serie di ministri si è dimessa per protesta contro l’accordo proposto.

“Come misurato rispetto al dollaro USA, la sterlina a un certo punto è diminuita del 2% rispetto al 15 novembre”, ha osservato Ng, aggiungendo che la volatilità si è estesa anche ai mercati azionari del Regno Unito, con il FTSE 100 sceso del 2% alla fine della settimana, rispetto alla settimana precedente. L’incertezza che affligge i colloqui sulla Brexit è stata piuttosto dirompente per le imprese, ha detto, perché né la Gran Bretagna né l’UE sono preparate per una Brexit senza accordo, eppure un simile risultato rimane possibile.

Dal punto di vista di Ng e del team di strateghi di Russell Investments, tuttavia, lo scenario più probabile è che il Parlamento britannico approverà finalmente l’accordo Brexit – il che significa che il Regno Unito lascerà l’UE il 29 marzo 2019, con un accordo di ritiro in atto. Perché? “Vediamo parallelismi tra la reazione iniziale al Programma di aiuti alle risorse problematiche (TARP) da parte del Congresso degli Stati Uniti nel 2008 e la proposta di accordo Brexit in Parlamento”, ha detto Ng, spiegando che il Congresso ha respinto il TARP all’inizio, solo per approvare la legislazione pochi giorni dopo, in seguito a gravi reazioni negative nei mercati statunitensi.

“In questo senso, pensiamo che anche se il Parlamento inizialmente respingesse l’accordo sulla Brexit, probabilmente sarà costretto a votare di nuovo, perché i mercati probabilmente andranno in tilt se sarà rifiutato”, ha detto. In breve, mentre le cose potrebbero peggiorare prima di migliorare, Ng si aspetta che venga approvato un accordo sulla Brexit, e che la sterlina si rafforzi nei prossimi 12 mesi.

Le tariffe degli Stati Uniti stanno danneggiando l’economia cinese?

Tornando alla Cina, Ng ha detto che ci sono due forze che influenzano la crescita del paese: la politica commerciale, che agisce come un vento contrario, e lo stimolo del governo, che serve come vento favorevole. Gli ultimi dati economici rilasciati dal governo cinese sono leggermente incoraggianti per quanto riguarda la crescita, ha detto Ng, mentre i numeri mostrano che lo stimolo del governo sta iniziando a compensare l’impatto della guerra commerciale cinese con gli Stati Uniti “L’aumento delle spese infrastrutturali in Cina ha favorito la produzione industriale e gli investimenti fissi delle risorse – entrambi sono arrivati prima delle aspettative di consenso”, ha osservato.

Il rovescio della medaglia, i numeri che circondano l’offerta di moneta e la crescita del credito, sono stati deludenti, secondo l’opinione di Ng – e lei non prevede alcuna spinta per il settore del credito del paese in futuro. “Questo perché la Cina si sta concentrando maggiormente sullo stimolo fiscale, piuttosto che sulla politica monetaria, al fine di contrastare gli impatti negativi degli scontri commerciali con gli Stati Uniti e frenare il suo rallentamento economico”, ha spiegato.

L’economia degli Stati Uniti è in gran forma, dice il presidente della Fed

Spostandosi verso la Fed, Ng ha detto che le dichiarazioni del presidente Jerome Powell del 14 novembre alla Federal Reserve Bank di Dallas erano molto più equilibrate – in contrasto con i suoi commenti da falco di ottobre sui tassi di interesse negli Stati Uniti. “Questa volta, Powell ha dichiarato di essere abbastanza soddisfatto dell’attuale forza dell’economia statunitense, e ha notato che il recente selloff del mercato azionario non è stato sufficiente a modificare i piani della banca centrale per continuare ad aumentare i tassi di interesse a un ritmo trimestrale”, ha detto Ng. Il presidente della Fed, tuttavia, ha dichiarato di vedere il rallentamento della crescita globale come un rischio in futuro, ha affermato.

“A Russell Investments, siamo in gran parte d’accordo con le osservazioni di Powell”, ha detto Ng, “poiché l’economia degli Stati Uniti rimane in buona forma”. Ha notato che, a suo parere, il recente rallentamento della crescita globale è stato probabilmente dovuto a fattori più temporanei, come il maltempo in Giappone ed un cambiamento delle norme sulle emissioni, che ha interrotto l’attività manifatturiera in Europa. “Prevediamo che la crescita globale segnerà un rimbalzo in questo trimestre – e che la Fed continuerà ad aumentare i tassi di interesse a un ritmo costante”, ha concluso.

Altri post che potrebbero interessarti