Mercati. Azioni ed obbligazioni saliranno nel 2019 | Morningstar UK

È stato un anno piuttosto impegnativo in tutte le classi di attività. Perché dovremmo essere ottimisti verso il 2019 per le obbligazioni?

Penso che dovremmo, e penso che non sia solo il mercato obbligazionario, ma che sia il genere ambiente di rischio. Quindi, penso che miglioreremo nel 2019. Essenzialmente, la storia di quest’anno è che abbiamo avuto una stretta monetaria globale in un momento in cui la crescita globale è in calo. E così, abbiamo visto l’impatto sui mercati delle attività, che è stato davvero pessimo. Letteralmente, il 96% degli indici azionari e obbligazionari ha effettivamente registrato rendimenti negativi.

Ma, andando avanti, ciò che vediamo da ora è finalmente la Federal Reserve sta cercando di alleviare il loro inasprimento, e la ragione è che ora il tipo di inasprimento che ha influenzato il mondo sta tornando sulle coste degli Stati Uniti. Stiamo iniziando a vedere gli indici di credito iniziare ad allargarsi. Stiamo iniziando a vedere un po ‘di rallentamento negli Stati Uniti. Stiamo iniziando a vedere i mercati azionari staccarsi. E la Fed prenderà nota di ciò, e comincerà a tornare indietro sul loro programma di inasprimento graduale.

Faranno ancora probabilmente altre due o tre rialzi, ma poi sarà così. Ora i mercati possono essere un po’ più rilassati riguardo alle prospettive di rischio grazie a questo. Ed i mercati emergenti dovrebbero quindi riprendersi. Anche i mercati azionari in Europa, i mercati del rischio a reddito fisso in Europa, dovrebbero avere un momento migliore l’anno prossimo.

Perché la Fed sembra essere la cosa di cui siamo tutti preoccupati. Di nuovo, attraverso le classi di attivi, se le tariffe aumentano troppo rapidamente, c’è un impatto per le obbligazioni e per le azioni. L’inflazione è una delle cose che potrebbe spingerlo più in alto, ma sembra che tu non sia troppo preoccupato per questo.

Non proprio; voglio dire, tutti parlano ora dell’aumento dei salari che stiamo vedendo. Il che è assolutamente positivo, visto lo sfondo politico che stiamo vedendo in Occidente. Ma quegli aumenti salariali sono piuttosto bassi al momento. Stanno salendo molto gradualmente, e se i salari aumentano meno della produttività, ciò non significa che l’inflazione stia per iniziare in grande stile. Se l’inflazione sta per salire, ma con molta delicatezza, le banche centrali possono continuare ad aumentare i tassi, ma anche molto gradualmente, e ciò dovrebbe essere positivo per i mercati delle attività. Ora penso che Jerome Powell sia un tipo diverso di banchiere centrale.

È molto pragmatico. Riconoscerà il fatto che negli Stati Uniti non vi è alcun problema di inflazione, e quindi il suo programma di aumento dei tassi può essere piuttosto graduale. E l’ultima cosa che voleva fare è battere forte su questi salari. Perché gli aumenti salariali sono una buona cosa, e tutte queste autorità effettivamente apprezzano il fatto che stanno accadendo.

Finora sembra più positivo, ma ci devono essere particolari opportunità che ti piacciono per il prossimo anno. Dove le stai vedendo?

Assolutamente. Ad esempio ci piacciono molto i finanziari bancari subordinati. Ora, le azioni bancarie e le obbligazioni bancarie hanno avuto un brutto periodo quest’anno in Europa, soprattutto perché abbiamo avuto questo restringimento monetario, soprattutto a causa della Fed, ma anche la BCE ha deciso di frenare il loro programma di inasprimento. Ed anche una crescita vertiginosa praticamente per tutto l’anno, essenzialmente sulla scia della stretta monetaria e anche del rallentamento che stiamo vedendo in Cina. Vediamo che il più ampio tipo di scenario di crescita nell’ovest è piuttosto buono.

È una base ampia, la spesa per investimenti sta avvenendo, i livelli di domanda interna stanno aumentando negli Stati Uniti e anche in Europa. Pertanto, è un buon sfondo per quando si ottiene un po’ di stabilità nella situazione cinese che, a nostro avviso, dovrebbe accadere a tempo debito. Ma poi le prospettive di crescita sembrano buone e questi mercati di rischio, queste obbligazioni bancarie possono iniziare a fare un po’ meglio.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi