3 titoli per un reddito affidabile | Morningstar UK

Sajiv Vaid di Fidelity sceglie tre obbligazioni che sostiene per un reddito affidabile. Morningstar Guest: Sajiv Vaid, Gestore, Fidelity MoneyBuilder Income Fund

Black: Allora, non hai tre azioni per noi oggi. Ovviamente, lei è un uomo da bond. Quindi, hai tre titoli per noi. Da dove vuole iniziare?

Vaid: Prima di parlare di azioni, forse un settore che credo giustifichi davvero un po’ più di interesse, e questo è il mercato del reddito. Il più ampio mercato investment grade ha ripercorso quasi il 90% dell’allargamento che abbiamo visto. Ma se guardiamo al mercato asset-backed, è solo il 70% circa, ed è un settore su cui credo che il fondo si stia davvero concentrando. Pensiamo che ci sia molto valore in questo. E rispetto al mercato più ampio, è in crescita da 10 anni. Quindi, questa è un’area su cui vedo molto valore.

E se penso che ora, come lei ha detto a proposito delle obbligazioni , l’unica area, non a caso, è quella dei nomi che hanno subito l’impatto di Covid, cioè proprio al centro della tempesta. E l’unico punto culminante è in realtà Heathrow. Quindi, ovviamente, sappiamo tutti perché hanno sofferto. Il volume dei passeggeri è crollato del 90%, e anche le entrate. Quindi, qual è l’attrazione come obbligazionista? Beh, prima di tutto, è una risorsa infrastrutturale chiave, e non ho idea di come il virus possa svilupparsi e quando il viaggio possa tornare. Ma come obbligazionista, posso investire su base senior secured. E questo significa che ho una carica, una carica fissa e una carica fluttuante, sulle sue attività. E questo è davvero importante, dato che non ho visibilità sui venti contrari che affrontano. Ma ho una certa protezione non solo dalla sicurezza, ma anche dalla protezione dei patti finanziari. E queste obbligazioni rendono quasi il 3%, che credo sia molto interessante per gli investitori a medio e lungo termine.

Black: Quindi, se tutto va male, si ottiene un po’ di un aeroporto, è quello che stai dicendo?

Vaid: Noi pensiamo questo.

Black: Allora, cos’è il titolo numero due?

Vaid: Il bond numero due è una multinazionale che si chiama EDF. Commercia in modo molto ampio rispetto ai suoi pari e per una buona ragione. Hanno avuto degli sforamenti di costo e il bilancio è stato fatto a leva. E anche se questi sono i motivi per cui dovrebbero operare su larga scala, penso che ci siano dei veri e propri catalizzatori positivi da superare e che in sostanza si tratti di una riforma dei sussidi all’energia che dovrebbe migliorare il suo bilancio. Ma c’è anche la tendenza a dividere l’azienda tra energia verde ed energia nucleare, e le obbligazioni migreranno verso le parti buone del business, che credo saranno un vero catalizzatore per EDF per superare le performance, e non si tratta di scadenze medie, più che altro di scadenze più datate. Ma penso che ci sia un valore maggiore. E con una cedola del 6% e la sua proprietà dell’85% da parte del governo francese, penso che il rischio/rendimento sia davvero molto interessante.

Black: Ok… E qual è il nostro titolo finale oggi?

Vaid: Il mio ultimo è più che altro uno sviluppo che abbiamo visto all’interno dei mercati dei titoli di Stato, e questo è l’ammontare delle emissioni in obbligazioni verdi. E come investitore in questo tipo di attività, penso che sia davvero uno sviluppo importante, ma credo che dobbiamo stare molto attenti a non acquistare obbligazioni verdi a qualsiasi prezzo. Quindi, pur comprendendo l’importanza delle obbligazioni verdi, penso che una delle cose che dobbiamo capire è che in realtà, data la scarsità di nomi e la scarsità di settori, stiamo pagando troppo per alcune di queste obbligazioni. Quindi, un buon esempio è la VW. Hanno emesso un bond verde e in realtà sono arrivati da 10 a 15 punti base all’interno di un bond non verde. E se ci pensate, è il giusto tipo di capitale colpito in modo ottimale? E direi di no, perché quando si guarda alla VW, come azienda, è una delle più aggressive in termini di elettrificazione. Stanno spendendo 30 miliardi di dollari in piattaforme per veicoli elettrici. Entro il ’24 vogliono che il 25% del loro fatturato sia costituito da veicoli elettrici. Lo sono – già il loro DNA sta cambiando. Non c’è bisogno di un legame verde per spuntare una casella. Bisogna guardare alle aziende in termini di attività complessiva e non un piccolo frammento come un legame verde.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi