Perché gli investitori europei dovrebbero concentrarsi sulle grandi imprese | Morningstar UK

Baillie Gifford, manager europeo Moritz Sitte, dice che gli investitori bottom-up possono trarre profitto in Europa nonostante le preoccupazioni macro. Allora, oggi parliamo dell’Europa. E in Europa ci sono molte cose che preoccupano gli investitori. Qual è il contesto in questo momento? Beh, penso che lei abbia assolutamente ragione. C’è sempre molto di cui preoccuparsi con l’Europa. Sono con Baillie Gifford da quasi 10 anni. E in realtà ho passato il mio primo anno nel team azionario europeo. E non penso che ci sia stato un solo mese o un quarto quando non c’è stato qualcosa di terribile che è uscito dall’Europa, che si tratti della crisi dei PIIGS, del peggioramento demografico, dei problemi del debito, delle questioni di governance, Brexit, naturalmente, e così via. Quindi, fate la vostra scelta. C’è molto da scegliere in termini di problemi macroeconomici. Ma, cosa abbastanza divertente, quello che abbiamo trovato come investitori bottom-up, è che ci sono un sacco di fantastiche aziende che possiamo poi trovare e possedere a lungo termine, dove pensiamo di poter fare un sacco di soldi per i clienti. E spesso sono trascurate perché la gente vede i titoli macro sui media, e presta loro troppa attenzione. Sì, stavo per dire, non è un posto più interessante dove investire se cambia continuamente, e le cose vanno e vengono? Sì, assolutamente. E penso che, in realtà, quello che stiamo cercando non cambia molto. Perché cerchiamo di trovare aziende che a lungo termine potrebbero essere grandi vincitrici. Quindi, cerchiamo aziende che hanno forti vantaggi competitivi, che hanno una lunga pista di crescita e che sono gestite da persone i cui interessi sono molto ben allineati con quelli dei nostri clienti. E penso che quando si trovano – questo è quello che facciamo sempre, questo è quello che stiamo cercando di trovare. Ma queste turbolenze macroeconomiche ci offrono l’opportunità di trovare queste aziende a prezzi interessanti. E ti piacciono anche le aziende a conduzione familiare. È una cosa abbastanza comune in Europa, non è vero? Sì, ce ne sono parecchie. E penso che ci siano molte ragioni per questo. Ma se si considerano gli scambi nell’Europa continentale, ci sono molte aziende a conduzione familiare. Questo non significa necessariamente che siano tutte ben gestite. Ma direi che c’è un sottoinsieme di questo tipo di imprese in cui l’allineamento tra le persone che gestiscono e controllano l’azienda – o l’azienda e le persone, e sono i nostri clienti, è molto forte. E quando si trovano queste aziende, ha senso possederle a lungo termine, perché si tratta di aziende che tendono a fare molto meglio del vostro comune business medio. Beh, volete aziende che fanno bene, siete specificamente alla ricerca di quello che viene chiamato un 10-bagger, ossia un titolo che aumenti di valore di almeno 10 volte il prezzo di acquisto, o di almeno il 900%. . Sì. E’ un obiettivo di investimento piuttosto ambizioso. Sì, è ambizioso. Ma penso che sia questo l’obiettivo che si vuole spesso raggiungere. Perché penso che ci sia socente un trade-off in cui le persone si concentrano troppo sulle piccole opportunità e poi rinunciano alla grande opportunità. E in realtà, quando si fa un passo indietro e si dice: su cosa voglio veramente concentrare la mia attenzione, ed investire il capitale dei nostri clienti, dovrebbe essere sulle grandi opportunità, su quelli che pensiamo siano i grandi vincitori. Quindi, stavo guardando il vostro portafoglio e ci sono molte aziende di beni personali, come L’Oréal. Che cos’è che tende a fare di questi dei buoni investimenti? Prendendo L’Oréal in particolare, perché penso che sia un buon caso di studio per questo tipo di attività, si tratta spesso di imprese con un’economia molto interessante. Se si guarda L’Oréal, ha margini lordi incredibilmente elevati. Dato il prodotto in sé, è un piccolo affare, ma la gente dà molto valore a questi prodotti. Quindi, ha un’economia attraente. Ha costruito una reputazione di marca per un lungo periodo di tempo, un forte vantaggio distributivo. E ha una lunga storia di crescita, non solo nei mercati sviluppati, ma anche in mercati come la Cina, dove L’Oréal cresce di oltre il 20% all’anno. Infine, è gestito da un management team che è stato in azienda per un lungo periodo di tempo e ha fatto un ottimo lavoro di crescita nel lungo periodo, sostenuto da una famiglia, la famiglia Bettencourt, come il tipo di azionisti di riferimento.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi