Come fronteggiare rendimenti e volatilità verso il basso | PIMCO

Il CIO Dan Ivascyn parla di investire in un mondo con bassi rendimenti, di opportunità nei mercati emergenti e del perché PIMCO rimane impegnata in un approccio a lungo termine.

Salve. Sono David Fisher, e sono di nuovo qui oggi con il CIO del gruppo PIMCO Dan Ivascyn per parlare di alcune delle recenti discussioni in corso nel comitato di investimenti di PIMCO, o IC. Dall’ultima volta che abbiamo parlato, abbiamo visto un calo piuttosto drammatico dei rendimenti dei titoli obbligazionari statunitensi e, a livello globale, siamo ad un punto in cui circa il 30% dell’universo obbligazionario Investment Grade è ora scambiato a rendimenti negativi. In realtà c’è stato… addirittura alcuni parlano di tassi americani che diventino negativi in caso di recessione. Ma in che modo questo influenza le conversazioni nell’IC? Come influisce sulla nostra visione di dove sono le opportunità di investimento?

Certo. All’interno del comitato d’investimento abbiamo passato molto tempo a parlare dei temi o dei fattori che determinano il calo dei rendimenti. E quello che abbiamo notato, dalla fine dell’anno scorso, è un rallentamento piuttosto significativo della crescita globale, trainata principalmente dai settori manifatturieri, ma un rallentamento piuttosto coordinato o consistente tra le varie economie che tracciamo. Questo, combinato con una significativa incertezza politica, incentrata principalmente sul commercio, ha certamente contribuito a dare molto slancio ai mercati a reddito fisso di qualità superiore nel corso delle ultime settimane, e il comitato per gli investimenti ha dedicato molto tempo a parlare non solo di ciò che è accaduto, ma anche delle prospettive di crescita futura e del probabile percorso di questi negoziati commerciali in corso. In termini di prospettive per il futuro, continuiamo a sovrappesare i tassi statunitensi. Se si considerano i tassi d’interesse negli Stati Uniti, si hanno alcuni dei rendimenti nominali più alti del mondo sviluppato, e questo è uno dei pochi mercati che ha margini di ripresa più significativi se la crescita economica dovesse peggiorare ulteriormente, o se anche la situazione commerciale dovesse peggiorare, il che, secondo noi, finirebbe per sfociare nella crescita globale. Tuttavia, quando guardiamo ai tassi americani oggi, dopo il rally, riconosciamo che abbiamo visto che non c’è più molto valore. Guardando alle nostre aspettative di inflazione nei rendimenti rettificati per l’inflazione qui negli Stati Uniti, i tassi reali, o questi tassi rettificati per l’inflazione, sono in molti casi pari a zero, o addirittura del tutto negativi. In gran parte del resto del mondo sviluppato, i tassi assoluti sono negativi. Anche se, detto questo, c’è molto slancio in questi mercati, ma c’è anche molta paura in questi mercati. Quindi, questi rendimenti, sebbene siano sempre più costosi con metriche più tradizionali, potrebbero certamente diventare più costosi nel corso delle prossime settimane, soprattutto se vediamo una continua debolezza economica.

Quindi una delle aree di cui ha parlato delle opportunità è quella dei mercati emergenti. Chiaramente, i tassi di interesse sono un po’ più alti in molti mercati emergenti che nei paesi sviluppati. Qual è il punto di vista attuale dell’IC sul fatto che ci siano ancora buone opportunità all’interno dell’EM?

Quindi classificherei il nostro attuale punto di vista sull’EM come cautamente ottimistico. I mercati emergenti sono stati volatili negli ultimi tempi. I mercati emergenti saranno molto sensibili ad un ulteriore deterioramento delle trattative commerciali, o un aumento delle guerre commerciali a livello globale non sarebbe un evento amichevole per i mercati emergenti. Quando pensiamo nel contesto di un portafoglio globale e diversificato, ci saranno ancora opportunità di selezione nei mercati emergenti, finché si rimane diversificati e li si guarda nel segmento di rischio più elevato del portafoglio su cui ci si sta concentrando l’attenzione.

Quindi un approccio selettivo all’assunzione di rischi nei mercati emergenti. In quale altro punto del circuito integrato si trovano opportunità? Dove sono le idee di massima convinzione a livello globale?

Concettualmente, quello che stiamo cercando di fare è trovare una diffusione attraente. Stiamo cercando modi per aumentare il rendimento in modo incrementale in alcuni dei segmenti di mercato di qualità superiore e più difensivi, due aree che noto essere in ritardo in termini di performance nel corso delle ultime settimane. Uno, i titoli garantiti da ipoteca di agenzia. Questo è un settore del mercato in cui si beneficia di una garanzia diretta del governo statunitense, o almeno di una garanzia di due grandi agenzie del governo federale, e in cui ci si trova in un’attività di altissima qualità e molto liquida, che offre rendimenti interessanti rispetto ad altre alternative aziendali di alta qualità, come esempio. Ci piacciono anche i mercati obbligazionari protetti dall’inflazione. Anche se il nostro scenario di base è che l’inflazione rimanga relativamente bassa, se si considerano i tassi di inflazione di pareggio attualmente incorporati nel prezzo di questi strumenti, anche questi titoli offrono sempre più valore.

Perciò un’ultima domanda; data la volatilità dei mercati e di tutti i titoli, questo fatto ha cambiato il modo in cui l’IC si avvicina all’investimento?

Non è vero, David. Noi – per molti, molti, molti anni alla PIMCO abbiamo cercato di adottare un approccio a più lungo termine nella costruzione dei portafogli. Quello che cerchiamo di fare davvero è riunirci, pensare sufficientemente a lungo termine, pensare al mondo con pochi costrutti chiave dall’alto verso il basso quando si prendono le decisioni e, soprattutto, essere pazienti. Non prenderemo ogni rally. Faremo delle buone decisioni locali, e delle decisioni sbagliate di tanto in tanto. Ma riteniamo sempre importante attenersi a un “piano di gioco” a lungo termine. Dobbiamo anche essere rispettosi dell’incertezza piuttosto significativa in cui operiamo oggi come partecipanti al mercato. So che nei nostri forum secolari, dove ci riuniamo una volta all’anno per parlare di temi che hanno un impatto sui mercati per tre-cinque anni, o anche più a lungo, hanno parlato di questi bruschi risvegli, o di questi tipi di perturbazioni a cui dovremo abituarci. Quindi non possiamo essere compiacenti, dal punto di vista della gestione del rischio. Quello che stiamo davvero cercando di fare è proteggere gli aspetti negativi come investitori a reddito fisso; essere molto, molto prudenti nella struttura del portafoglio; essere buoni gestori di liquidità. E se lo facciamo bene, con un’attenzione a lungo termine, possiamo reagire e aggiungere valore durante questi periodi di illiquidità del mercato. Ed è la stessa struttura, la stessa filosofia, che ha funzionato abbastanza bene nel lungo periodo, per conto degli investitori, e noi continuiamo a seguire questo approccio generale.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi