3 asset class che offrono valore in un mercato spumeggiante | Livewire

Per citare i pensieri del leggendario Jeremy Grantham sui mercati dal podcast The Rules of Investing: “Questa è una bolla, è una cosa seria”. I lettori di Livewire condividono questo sentimento sui settori che sfidano la gravità; più della metà di voi ritiene che le criptovalute e i titoli BNPL siano una “bolla speculativa destinata a scoppiare”, e quasi nessuno di voi ha intenzione di aumentare le allocazioni obbligazionarie, date le aspettative di inflazione più elevate.

In un contesto di valutazione spumeggiante, abbiamo invitato i principali ricercatori australiani a condividere asset class trascurate che offrono valore nella serie Top-Rated Funds di Livewire.

Ecco i tre ricercatori che propongono le loro idee migliori:
– David Wright, Zenith Investment Partners
– Aman Ramrakha, Morningstar
– Peter Green, Lonsec

Ally Selby: Qual è una classe di attività sottovalutata che pensi sarà davvero importante per i rendimenti del portafoglio degli investitori in futuro?

Classe di attività sottovalutata #1: gli alternativi

David Wright, Zenith Investment Partners

Penso che siano sicuramente le alternative. Quando parlo di alternative, si tratta davvero di fondi market neutral, global macro, managed futures, multi-strategy, che non hanno tenuto il passo con il rally dei mercati. E ad essere onesti, non avrebbero mai tenuto il passo. Non sono progettati per tenere il passo nei mercati azionari ruggenti. E da allora abbiamo avuto un mercato prevalentemente unidirezionale. Così all’improvviso ora abbiamo una maggiore volatilità. Abbiamo una maggiore incertezza.

Abbiamo visto attraverso COVID che interi settori industriali sono stati praticamente chiusi. L’ambiente per la gestione attiva, in generale, è molto, molto meglio di prima. E se abbiamo, come ho detto prima, correzioni come risultato dell’inflazione, overshoots, e mercati azionari che si impennano, è proprio lì che i vostri gestori alternativi stanno per venire alla ribalta.

Classe di attività sottovalutata #2 – Infrastrutture

Aman Ramrakha, Morningstar

Penso che qualcosa come le infrastrutture sia probabilmente, certamente a livello istituzionale, e sul lato non quotato, le infrastrutture sono state in gioco per molto tempo. Tutti i principali super fondi lo hanno fatto. Penso che per gli investitori al dettaglio, aree come la proprietà e le infrastrutture hanno sofferto in modo significativo. Si pensa agli aeroporti e simili, ma penso che abbia delle buone gambe a lungo termine, al di là di alcune delle dislocazioni causate dalla pandemia.

Classe di attività sottovalutata #3 – Azioni a media capitalizzazione

Peter Green, Lonsec

Un’area sottoutilizzata nei portafogli è quella delle mid-cap. C’è un profilo di crescita dell’EPS (utili per azione) più alto rispetto alle large cap in media. E se usiamo il mercato azionario australiano, i primi 20 titoli sono dominati da banche e minatori, mentre le mid-cap contengono molti industriali che stanno effettivamente crescendo come aziende, ma tendono ad essere più liquidi rispetto alle small-cap.

Con le small-cap, sono ottime per gli investitori a lungo termine, ma a volte si hanno questi grossi drawdown nel mercato e simili. E penso anche che con le mid-cap, ancora una volta per usare l’esempio australiano, siano più diversificate. Quindi non si ha un grande peso sulle banche e sui minatori. E ammettiamolo, questo ha alcuni rischi macro che possono essere scommesse involontarie che stai fondamentalmente assumendo. Quindi si ottiene una diversificazione più ampia.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi