La Fed ha tagliato i tassi. Cosa significa ciò per le obbligazioni? | PIMCO

Tiffany Wilding di PIMCO, economista per gli Stati Uniti, e Scott Mather, CIO U.S. Core Strategies, discutono di come il taglio dei tassi dello 0,25% della Fed possa influenzare i mercati, compresi i titoli del Tesoro USA a 10 anni, e dove i tassi probabilmente andranno da qui in poi.

Anmol Sinha: Ciao e benvenuti, mi chiamo Anmol Sinha e mi sono unito oggi a due dei miei colleghi, Tiffany Wilding, il nostro economista per gli Stati uniti. e Scott Mather, CIO per le strategie statunitensi. Discuteremo della riunione della Fed. Così, dopo tre anni e nove rialzi dei tassi, abbiamo visto, Tiffany, che la Fed ha tagliato i tassi per la prima volta in oltre un decennio. Quali sono stati i punti chiave per te tra la dichiarazione e la successiva conferenza stampa?

Tiffany Wilding: Pensavo che l’affermazione fosse piuttosto attesa. Penso che questo taglio dei tassi sia stato relativamente ben telegrafato, come ha affermato il presidente Powell nella conferenza stampa. Quindi, nella dichiarazione, ha pensato di lasciare la porta aperta per potenzialmente ulteriori riduzioni dei tassi dicendo, anche se stiamo tagliando i tassi, il rischio per le prospettive rimane ancora. Sai, questa era la nostra aspettativa per questo incontro. Penso che dove abbiamo visto più sorprese sia stato proprio nella conferenza stampa stessa. Pensavamo che Powell avrebbe in qualche modo enfatizzato questa possibilità che ulteriori tagli ai tassi potrebbero arrivare in futuro. Sai, non lo abbiamo visto davvero enfatizzarla, e penso che in un certo senso, in senso più ampio, abbia semplicemente riflesso il fatto che il sottotitolo – che il comitato, il FOMC, è piuttosto diviso, e ho pensato che la sua conferenza stampa lo abbia sottolineato. Ed è molto difficile comunicare a nome di un comitato diviso. Quindi sapevamo, o abbiamo visto ,da giugno le proiezioni che sapete… circa metà del comitato in realtà pensavano che quest’anno non fosse necessario alcun taglio. Sai, mentre una maggioranza abbastanza grande pensava che fossero necessari 50 punti base di tagli. Quindi chiaramente la dichiarazione di oggi e la conferenza stampa sono state un po’ un compromesso tra questi due campi. Sai, ma credo che, nel complesso, siamo rimasti un po ‘sorpresi dal fatto che Powell non abbia un po’ più energicamente sottolineato che potremmo vedere più tagli più avanti quest’anno.

Anmol Sinha: Il che ha un senso, ma forse alcune di quelle sfide nella conferenza stampa hanno portato ad alcune insolite reazioni del mercato, quindi forse possiamo rivolgerci ai mercati per un secondo, Scott. Ovviamente la Fed ha effettivamente ridotto i tassi come previsto, hanno annunciato che lo svolgimento del bilancio si sarebbe concluso prima del previsto. Eppure hai visto appiattire la curva dei rendimenti, il rally del dollaro e il calo delle azioni. Quindi come descriveresti la reazione del mercato?

Scott Mather: Beh, penso che un buon modo per interpretare quella reazione del mercato sia forse che i mercati erano un po’ più avanti del dovuto. O forse non era così, ma in realtà c’era maggiore incertezza. Hai visto che la reazione iniziale è stata sicuramente una più profonda svendita azionaria, c’è stato un rimbalzo verso la fine della conferenza stampa, stessa cosa. Siamo passati da una sorta di rally nel mercato obbligazionario a un selloff nel mercato obbligazionario, e in realtà abbiamo concluso con un po ‘di rialzo nel mercato obbligazionario. Quindi, una sorta di capovolgimento mentre passavamo attraverso la conferenza stampa. Ma direi che non mancano grandi cose, ma solo un: le incertezze sono diventate chiare per molti investitori mentre la conferenza stampa andava avanti.

Anmol Sinha: E, Tiffany, ci sono stati molti dibattiti sui fattori che stanno guidando la funzione di reazione della Fed. Sai, c’è, in una certa misura, è davvero, questi tagli sono solo assicurativi o è l’inizio di un ciclo di taglio prolungato?

Tiffany Wilding: Le nostre prospettive in questo momento non vedono recessione, nel migliore dei casi. Quindi, in base a ciò, sai che vorremmo sostenere che si tratta di tagli ai tassi di tipo “assicurativo” o, sai, il potenziale per ulteriori tagli ai tassi di tipo assicurativo. Sai che da un lato stiamo assistendo al rallentamento, e il rallentamento sta avvenendo in alcune tasche dell’economia degli Stati Uniti che sono abbastanza grandi da destare preoccupazione. Quindi, il presidente Powell ha parlato oggi del settore manifatturiero. Ma stiamo assistendo a un rallentamento più ampio degli investimenti, nonché delle esportazioni e, in definitiva, alla Fed, ciò che non vogliono che accada è che non vogliono che i mercati perdano completamente la fiducia. Sai che inizi a vedere stringere le condizioni finanziarie. Sai che chiamiamo questo tipo di cosa il canale dell’acceleratore finanziario. Quindi sai di avere banche che si stanno tirando indietro sui prestiti, molto più rapidamente, il che accelera la recessione. Penso che ciò che stanno cercando di fare con questi tagli assicurativi sia davvero gestire la misura in cui ciò accade.

Anmol Sinha: Quindi Scott, gli investitori stanno naturalmente cercando di avvolgere la testa in questo contesto di tassi di interesse. Da un lato la crescita è più morbida, ma ancora solida, e non pensiamo che una recessione sia imminente almeno nel breve termine. Eppure si vedono rendimenti a 10 anni al due percento. Allora, come sta pensando PIMCO all’esposizione ai tassi di interesse nei portafogli oggi? Ha ancora senso?

Scott Mather: Beh, pensiamo che abbia ancora senso. Voglio dire … potremmo vederlo in un certo senso nel contesto tradizionale. È importante tenere presente anche che gli Stati Uniti sono in realtà il più alto yielder globale. Quindi i tassi sono bassi ovunque. Sono ancora eccezionalmente alti da una prospettiva globale negli Stati Uniti. Quindi c’è spazio per i tassi di scendere ulteriormente. E pensiamo che sia certamente molto più probabile che cadano piuttosto che sollevarsi da qui. Non solo perché probabilmente otterremo ulteriori – almeno un altro taglio o forse più, ma anche perché quando guardiamo la gamma di scenari e risultati al riguardo, sembra molto più probabile che ad un certo punto, nel non un futuro troppo distante, rivisiteremo nuovamente il limite inferiore zero quando avremo la prossima vera recessione o un vero shock di crescita per l’economia americana. E, in quel contesto, i rendimenti a 10 anni probabilmente potrebbero scendere a nuovi minimi di tutti i tempi, in calo di circa l’uno per cento circa. E quindi c’è ancora spazio per obbligazioni statunitensi di alta qualità per fornire quel reddito mentre aspetti, ma poi il potenziale per un altro episodio di apprezzamento del capitale forte quando otteniamo quel cambiamento.

Anmol Sinha: Fantastico, quindi anche se la crescita si normalizza un po’, i tassi a 10 anni potrebbero andare leggermente più in alto, ma non c’è molto più spazio da percorrere ma lì, i rischi possono sembrare molto diversi e quindi, forse, ti chiederò una versione diversa della domanda. Se pensi al rischio per le nostre prospettive sui tassi di interesse, pensi che vedremo l’uno e mezzo percento nel prossimo decennio o il tre percento nello stesso lasso di tempo?

Scott Mather: Pensiamo che sia molto più probabile vedere prima l’uno e mezzo percento, poi il tre percento.

Anmol Sinha: Fantastico, grazie Tiffany, grazie Scott per esservi uniti a noi oggi, e grazie a tutti per esservi uniti a noi.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi