Plastica. Come un’azienda trasforma i rifiuti in imballaggi riutilizzabili | Tech Insider

Loop Industries prende oggetti di plastica e materiali in fibra di poliestere già esistenti – come tappeti e magliette – quindi li scompone per essere trasformati in nuovi prodotti di plastica, evitando l’uso di petrolio e gas naturale.

Questo mucchio di scarti è in realtà plastica e vestiti tagliuzzati, e sta per essere trasformato in bottiglie. Sappiamo tutti che i rifiuti di plastica sono un problema. Possono essere necessari fino a 1.000 anni perché scompaiano, il che può portare a cose del genere (una discarica a cielo aperto). Ogni anno, i produttori bruciano da 80 a 120 miliardi di dollari di combustibili fossili per produrre oggetti in plastica monouso, come acqua e bottiglie di soda, il che significa che viene usato una volta e poi scartato. E anche se è riciclato, ciò richiede ulteriore energia, che rilascia ancora più gas serra nell’atmosfera.

Una società che sta ripensando a tutto ciò è la Loop Industries, con sede in Canada. Invece di usare petrolio e gas naturale, Loop prende oggetti di plastica già esistenti insieme a materiali in fibra di poliestere, come tappeti e magliette, quindi li scompone per essere trasformati in nuovi prodotti di plastica. E il lato positivo? Non richiede l’energia di cui hanno bisogno i centri di riciclaggio convenzionali, il che aiuta a ridurre i gas a effetto serra.

Non stiamo solo usando rifiuti di plastica, ma stiamo usando rifiuti di plastica che non hanno alcun valore oggi. Quindi, quelle sono le materie plastiche che finiscono nell’oceano e i tuoi fiumi e discariche, perché nessuno può fare nulla con il materiale. Pertanto, la tecnologia Loop è costruita per prelevare materiale di valore molto basso e creare un prodotto di valore molto elevato “.

Questo non è in realtà il riciclaggio; è il riciclo. Questo concetto di upcycling esiste dagli anni ’60. Tuttavia, è tradizionalmente fatto con calore e pressione. È molto caro. Quindi, come funziona esattamente il processo di Loop?

Tutti gli altri nel mondo che fabbricano quei due monomeri partono dai combustibili fossili, sia gas naturale che petrolio greggio. Produciamo esattamente gli stessi prodotti petrolchimici, tranne per il fatto che non usiamo il petrolio; usiamo rifiuti di plastica. E poi ricostruiamo quei monomeri di nuovo nella nuova plastica “.

Immagina che la plastica di scarto sia una torta al cioccolato. Il processo di Loop praticamente scompone la torta al cioccolato nei suoi ingredienti di base: le uova, la farina, lo zucchero e il cioccolato. Ogni ingrediente viene scomposto e separato nella sua forma più pura. Per la nostra metafora della torta, ciò significa andare fino a rimettere l’uovo nel suo guscio. Quindi, Loop prende gli ingredienti purificati e cuoce una torta nuova di zecca. Per iniziare, caricano questi enormi reattori con un mucchio di plastica di scarto e aggiungono il proprio catalizzatore proprietario di Loop.

Ciò che il nostro catalizzatore, che abbiamo sviluppato, fa è entrare e tagliare i legami tra quei due prodotti chimici e li libera“.

Il catalizzatore scompone i rifiuti nei suoi due monomeri di base: DMT, dimetil tereftalato e MEG, glicole monoetilenico. Successivamente, i monomeri DMT e MEG separati vengono purificati per rimuovere gli additivi, come il colorante. Il DMT e il MEG purificati vengono quindi riconvertiti in PET, polietilene tereftalato, che è il materiale di base per molti prodotti in plastica. Questi pellet di PET vengono quindi venduti alle società di imbottigliamento e confezionamento. I pellet vengono caricati nelle loro macchine, che li modellano nella forma finale dell’imballaggio. E dopo che è stato usato come una bottiglia d’acqua di plastica, un contenitore colorato, una fibra di poliestere o più, può essere scomposto e ricostruito nuovamente, un ciclo continuo che non richiede combustibili fossili. I prodotti finiti di Loop sono attualmente utilizzati da Pepsi, Coca-Cola ed Evian. E stanno attualmente costruendo la loro prima struttura americana nella Carolina del Sud. Speriamo che sia abbastanza sostenibile da fare scomparire questa (altra discarica).

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi