Valute. L’America dichiara la Cina formalmente un “manipolatore” | Fortune Magazine

L’America dichiara la Cina formalmente un “manipolatore” di valute. Ma cosa vuol dire, in realtà, un’espressione come questa?

Una guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti si è conclusa lunedì quando Washington ha accusato Pechino di manipolare la sua valuta dopo che la Cina ha lasciato cadere lo yuan al suo punto più basso in più di un decennio. Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha annunciato lunedì sul tardi di aver stabilito per la prima volta dal 1994 che la Cina stava manipolando la sua valuta, facendo cadere il dollaro USA. DXY a livello nettamente inferiore e mandando i prezzi dell’oro XAU a un massimo di sei anni.

La designazione da parte del segretario al Tesoro degli Stati Uniti Steven Mnuchin avvia un processo formale di negoziati bilaterali tra le due maggiori economie del mondo e mantiene una promessa fatta dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel suo primo giorno in carica. “Come risultato di questa determinazione, il segretario Mnuchin si impegnerà con il Fondo monetario internazionale per eliminare l’ingiusto vantaggio competitivo creato dalle ultime azioni della Cina”, ha affermato il Dipartimento del Tesoro. L’FMI ​​non ha avuto commenti immediati. Il mese scorso, il creditore globale ha dichiarato che lo yuan cinese era sostanzialmente in linea con i fondamentali economici, mentre il dollaro USA è sopravvalutato dal 6% al 12%.

La dichiarazione del Tesoro, fatta dopo la chiusura della sessione di borsa, ha fatto scendere l’EScv1 dei futures S&P500 di oltre l’1%. L’azione degli Stati Uniti è arrivata dopo che la Cina ha indebolito la sua valuta dell’1,4%, superando per la prima volta il livello chiave del 7 per dollaro per la prima volta in oltre un decennio. Pechino ha anche fermato gli acquisti agricoli negli Stati Uniti, scatenando una guerra commerciale che ha arrostito i mercati finanziari, interrotto le catene di approvvigionamento e rallentato la crescita globale. Anche prima della designazione ufficiale, Trump lunedì ha accusato Pechino su Twitter di aver manipolato la sua valuta. “La Cina ha abbassato il prezzo della sua valuta a un minimo quasi storico. Si chiama “manipolazione della valuta”. Stai ascoltando la Federal Reserve? Questa è una grave violazione che col tempo indebolirà notevolmente la Cina! ”Trump ha twittato.

Trump aveva sbalordito i mercati finanziari la scorsa settimana promettendo di imporre tariffe del 10% sui restanti $300 miliardi di importazioni cinesi dal 1 ° settembre. Nella sua dichiarazione, il Dipartimento del Tesoro ha dichiarato lunedì che la Banca popolare cinese (PBOC) ha chiarito che le autorità cinesi avevano un ampio controllo sul tasso di cambio dello yuan nonostante il rifiuto di qualsiasi pretesa di manipolazione. “Questo è un chiaro riconoscimento da parte del PBOC di avere una vasta esperienza nella manipolazione della sua valuta e rimane pronto a farlo su base continuativa”, ha affermato la dichiarazione del Tesoro. Ha detto che le azioni della Cina violano il suo impegno ad astenersi dalla svalutazione competitiva come parte del gruppo di 20 paesi industrializzati. Il Ministero del Tesoro ha dichiarato di aspettarsi che la Cina aderisca a tali impegni e non miri al tasso di cambio cinese a fini competitivi.

La legge degli Stati Uniti stabilisce tre criteri per identificare la manipolazione tra i principali partner commerciali: un avanzo materiale globale delle partite correnti, un avanzo commerciale bilaterale significativo con gli Stati Uniti e un persistente intervento a senso unico sui mercati dei cambi. Dopo aver determinato che un paese è un manipolatore, il Ministero del Tesoro è tenuto a richiedere colloqui speciali volti a correggere una valuta sottovalutata, con sanzioni come l’esclusione dai contratti di appalti pubblici statunitensi. Il Ministero del Tesoro degli Stati Uniti aveva designato Taiwan e la Corea del Sud come manipolatori di valuta nel 1988, anno in cui il Congresso emanò la legge sulla revisione della valuta. La Cina è stata l’ultimo Paese a ottenere la designazione, nel 1994. Mark Sobel, ex alto funzionario del Tesoro e del FMI, ha detto che probabilmente a Mnuchin sia stato ordinato da Trump di emettere la designazione.

È ridicolo che abbiano dichiarato la Cina un manipolatore di valute. Non hanno strumenti significativi per fare qualcosa al riguardo, a meno che non vogliano solo impilare più dazi “, ha affermato Sobol, che ora lavora con il Forum ufficiale delle istituzioni monetarie e finanziarie, un think tank con sede a Londra.

Prima della designazione americana, la People’s Bank of China (PBOC) ha fornito uno slancio iniziale agli orsi yuan stabilendo un tasso giornaliero per la valuta al suo livello più debole in otto mesi, indebolendo una lunga difesa che ha mantenuto lo yuan più forte di 7 rispetto al dollaro . La mossa è stata fatta con la benedizione dei politici per tener conto delle preoccupazioni del mercato intorno alla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e dei suoi effetti sull’indebolimento della crescita economica della Cina. Ore prima dell’azione degli Stati Uniti, il governatore della PBOC Yi Gang, che è stato un attore chiave nei negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina, ha affermato che lo yuan era ora a un livello adeguato, dati i fondamentali economici della Cina. Ha affermato che la Cina non si impegnerebbe in una svalutazione competitiva e manterrebbe la stabilità e la continuità delle politiche di gestione dei cambi. La PBOC aveva collegato la debolezza dello yuan alle ricadute della guerra commerciale, ma disse che non avrebbe cambiato la sua politica valutaria e che le fluttuazioni a doppio senso del valore dello yuan erano normali. Con l’escalation della guerra commerciale, che ha dato a Pechino meno motivi per mantenere la stabilità dello yuan, alcuni analisti hanno affermato di aspettarsi che la valuta continuerà a indebolirsi ulteriormente, passando fino ad un minimo di 7,3 al dollaro.

La riacutizzazione delle tensioni commerciali ha rinnovato le preoccupazioni del mercato finanziario globale su quanto la Cina consentirà allo yuan di indebolirsi per compensare una maggiore pressione sui suoi esportatori. Nonostante il rallentamento della crescita economica nel corso dell’anno passato in seguito all’intensificarsi della guerra commerciale, la Cina non ha assistito a una corsa alla fuga di capitali, grazie ai controlli sui capitali messi in atto durante l’ultima recessione economica e ai crescenti afflussi esteri in azioni e obbligazioni cinesi.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi