La Fed taglia i tassi d’interesse, ma a Trump non basta | Euronews

Jerome Powell, presidente della Fed, la banca centrale americana, ha annunciato una riduzione di un quarto di punto. Per il presidente non è abbastanza: “Powell ci ha deluso”.

Una mossa ingiustificata per alcuni, un concessione a Trump per altri. Analisti e osservatori si sono spaccati sulla decisione della Federal Reserve di tagliare i tassi d’interesse di un quarto di punto. Il taglio annunciato da Jerome Powell, presidente della Banca centrale americana, è il primo in oltre dieci anni. Una mossa attesa dagli operatori, motivata dal rallentamento della crescita globale e dalle recenti tensioni commerciali.

La decisione di Powell non è bastata a placare le ire di Donald Trump, da tempo ai ferri corti con la Fed per il suo rifiuto di tagliare i tassi. Troppo leggera, stando al presidente americano, la sforbiciata di venticinque punti base. “Powell continua a deluderci”, ha twittato Trump, che in passato gli ha dato più volte del traditore per il suo rifiuto di seguire le direttive della Casa Bianca.

Negli Stati Uniti la disoccupazione rimane quasi ai minimi storici e i consumi interni elevati, ma nel secondo trimestre gli investimenti sono stati inferiori al previsto e l’inflazione inferiore all’obiettivo del 2%. Tra le misure annunciate da Powell anche la fine anticipata della riduzione del bilancio della Fed, lievitato negli anni della crisi dall’acquisto di titoli stato e bond ipotecari per sostenere l’economia americana.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi