Investimenti. La banca me ne propone uno: come mi comporto? | Q Consulenze Finanziarie

Come orientarsi fra le proposte commerciali che ci vengono fatte in merito agli investimenti sfruttando i suggerimenti di Paolo Giovanardi di Q Consulenze Finanziarie.

Paolo Giovanardi, da quest’anno la normativa ormai famigerata, diciamo, Mifid2, impone una maggiore trasparenza dei costi applicati ai clienti negli investimenti. Come si sono evolute le tariffe in questi anni?

Se noi facciamo riferimento a un periodo di tempo consistente, come è giusto che sia, proprio per considerare un dato attendibile, abbiamo una ricerca che è stata svolta proprio da Mediobanca, quindi una banca, una parte in causa, che è andata ad analizzare costi e rendimenti dei principali investimenti. Si parla soprattutto dei fondi comuni di investimento in un arco di tempo abbastanza lungo, e nelle varie pagine si scorge alla fine, tra le conclusioni, la parte che dice “l’industria dei fondi continua a rappresentare un apporto distruttivo di ricchezza per l’economia del paese. In un contesto decennale si verifica una distruzione di ricchezza intorno ai 7 miliardi, che diventa di ben 115 miliardi sui quindici anni”. Quindi una banca stessa certifica che in questi anni vi è stato un progressivo incremento dei costi, e l’efficienza dei fondi comuni è progressivamente calata e li hanno via via resi meno interessanti per noi investitori.

Quanto incide il costo sul rendimento effettivo riconosciuto al cliente?

Qui basta considerare che non ci sono più, come si sa, i tempi in cui investimenti di riferimento, ad esempio i titoli di stato, garantivano rendimenti dal 5 al 10 per cento. Sappiamo che oggi i tassi sono negativi. Gli stessi titoli di stato, bot, btp… l’ultima asta del bot è stata negativa, come avviene ormai da tempo… quindi, con rendimenti di questo genere, il costo medio dei fondi va da un 1 a un 3 per cento in base alla tipologia, va da sé che non solo viene ridotto il rendimento potenziale del fondo, ma spesso questo rendimento diventa proprio negativo, e quindi contribuiscono in maniera determinante alla soddisfazione del cliente.

Quali sono gli strumenti tradizionalmente più costosi per noi risparmiatori?

I più commercializzati, quindi si tratta soprattutto di fondi comuni di investimento, polizze assicurative e tutto quello che vanno a comprare questi strumenti, come ad esempio le gestioni patrimoniali, che sono gli strumenti prediletti da parte dell’industria bancaria perché producono spesso commissioni all’entrata, nel mantenimento, e spesso anche all’uscita, e quindi generano un reddito costante per la banca,

E quelli che invece sono più accessibili, abbordabili, perché non hanno costi così elevati?

Gli strumenti più tradizionali, quindi ormai dimenticati, che sono azioni, obbligazioni, od anche gli etf, che sono strumenti sempre più diffusi ed hanno costi di gestione all’incirca di un 80-90 per cento più bassi dei fondi comuni

Quindi questo è anche un modo per evitare di pagare troppo i nostri investimenti. Ce ne sono altri?

Un altro modo è, anche questo è banale, ma è importante ricordarlo, perché spesso non viene rispettato… una piccola regola è sempre considerare che quando ci sono costi di ingresso, mi riferisco soprattutto alle polizze assicurative od a fondi comuni, ebbene anche evitare l’investimento stesso, perché significa matematicamente partire da un rendimento negativo. Stesso discorso vale anche per i costi di uscita; quindi, quando abbiamo uno strumento che genera costi di uscita, quindi che mi vincola per un certo periodo di tempo, forse due domande ce le dobbiamo fare, anche perché se l’investimento si rivelasse non confacente alle nostre aspettative, saremmo vincolati a mantenerlo oppure, se vogliamo uscire, dobbiamo spendere, quindi certamente considerare quando ci sono costi di entrata e di uscita, che non è obbligatorio fare quell’investimento. Un costo di gestione, anche per dare un riferimento che possa essere adeguato, va da mezzo punto percentuale all’un per cento, quando si va oltre questo costo, che è bene verificare prima di fare l’investimento, forse un ragionamento è bene farlo

Mi sembra di capire, in conclusione, che tra costi di ingresso, costi di tenuta o di gestione, costi di uscita, siamo tartassatissimi. Quindi forse è meglio non investire?

Gli strumenti ci sono. Chiaramente gli strumenti efficienti ci sono, non sono ai primi posti nella proposta della banca… è un motivo in più per dare, come d’altronde la legge dice, quindi la mifid 2 obbliga ed impone alle banche una comunicazione trasparente, vale veramente la pena non solo di considerare il rischio dell’investimento, e questo è sempre l’aspetto principale, ma poi di dare molta, sempre più attenzione ai costi stessi, perché possono vanificare tutta la soddisfazione che mi può arrivare dall’investimento.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi