Dividendi. Come funzionano? | CNBC

Gli investimenti in dividendi non sono così popolari come un tempo. Ma gli investitori che cercano una strategia di investimento a basso rischio potrebbero voler prestare maggiore attenzione.

Potresti ricordare la carta “La banca ti paga dividendo di $ 50” da Monopoli, ma che cos’è un dividendo? Un dividendo è una parte degli utili di un’azienda pagati agli azionisti su base trimestrale. Finché possiedi le azioni continuerai ad essere pagato e nel tempo questi pagamenti regolari si sommano.

Le persone spesso parlano di partecipazione agli utili come un modo per lavoratori e dipendenti di guadagnare un interesse nel successo delle imprese americane. In un mondo con sindacati indeboliti, come faranno i lavoratori a ad avere una parte dei profitti?

I dipendenti in modo schiacciante apprezzano l’idea della partecipazione agli utili come parte regolare della retribuzione. Ma c’è stato un modo per il pubblico di condividere il successo aziendale per più di un secolo. Un dividendo – dividere letteralmente i profitti. Ecco come funziona.

Trovi una società che offre dividendi. Quindi compra le loro azioni e aspetta. Di solito ogni trimestre l’azienda paga una piccola parte del suo profitto agli azionisti, qualcosa come 10 centesimi per azione. Non sembra molto, ma nel tempo il denaro può davvero aumentare.

Finché possiedi le azioni, verrai pagato. Proprio come a Monopoli, la gente comprava titoli di utilità, grandi società regolamentate, per pagamenti di dividendi piccoli ma regolari. Ma i dividendi sono stati presenti molto più a lungo del gioco stesso. A partire dal 1790 circa, quando si è formato il nostro governo moderno.

Le società hanno pagato la maggior parte dei loro guadagni come dividendi e gli investitori dovrebbero ricevere un dividendo piuttosto sano.

Penso che una delle ragioni di ciò sia, che non avevamo un S.E.C. (organismo di controllo dei mercati americani, ndr.) E quindi, come hanno fatto gli investitori a ottenere informazioni su quanto bene stavano facendo i loro investimenti? Una delle fonti di informazione di base era il dividendo trimestrale. Aziende iconiche come General Mills, Procter & Gamble e Coca-Cola pagano dividendi ogni anno ininterrottamente dal 1890.

Il pubblico si interessò agli stock in un modo molto più grande negli anni ’20. Poi fu deluso, ovviamente, durante la Depressione. Ma le riforme finanziarie hanno ristabilito molta fiducia nell’integrità dei mercati dei capitali.

All’inizio del XX secolo le grandi società americane per eccellenza stavano pagando dividendi significativi. AT & T era tra queste. Hanno avuto un buon dividendo, e quindi centinaia di migliaia di persone hanno posseduto azioni in AT & T, ed è stato considerato un titolo blue chip con una distribuzione dei dividendi molto stabile in crescita. Se hai comprato azioni AT & T subito dopo Natale nel 2003, circa venticinque dollari per azione, i pagamenti dei dividendi che hai ricevuto ogni trimestre sarebbero aumentati di circa venticinque dollari entro il 2019. Lo stock si è ripagato sostanzialmente in soli 15 anni. Se il prezzo sale o scende e possiedi ancora il titolo, ovviamente.

Nel corso degli anni i dividendi hanno costituito una buona parte dei rendimenti complessivi nel mercato azionario. In realtà non solo una buona parte. Dal 1926, circa il 40 percento dei rendimenti totali proviene dai dividendi. Di recente, negli anni ’70 e ’80, è stato possibile ottenere un rendimento del 4% ogni anno sui dividendi.

Ma le cose sono diminuite negli ultimi decenni. Perché? Soprattutto dopo l’entrata della FCC, avevamo così tante informazioni sulle società richieste dal governo che non richiedevamo necessariamente che distribuissero molti dividendi. Ma anche la tassazione ha qualcosa a che fare con questo. Abbiamo tassato dividendi e plusvalenze. Ma quando si paga un dividendo, si conosce la società già pagata in imposta sul reddito delle società sul denaro che paga come un dividendo, e l’azionista deve pagare una tassa anche su questo. Quindi si tratta di una sorta di doppia imposizione, che può aver scoraggiato il pagamento a molti soldi come dividendi.

Più di recente, nuove ed entusiasmanti società non hanno offerto dividendi. L’argomento è che hanno bisogno di reinvestire quei profitti nella crescita del business. È così che è stato per le aziende tecnologiche nella bolla delle dot.com. Stavano crescendo molto velocemente e, se avessero pagato i dividendi, avrebbero probabilmente dovuto andare sul mercato e distribuire di più, o prendere in prestito più soldi. E ci sono alcune caratteristiche negative nel farlo. E gli investitori hanno accettato l’idea che un’azienda in rapida crescita dovrebbe probabilmente mantenere il 100% dei suoi guadagni e reinvestire nel business, e tutti stavano meglio in questo modo.

Alcune delle più grandi aziende del mondo, come Amazon, Facebook e Netflix, non distribuiscono dividendi a partire dal 2019. Parte del declino è arrivato in un’era in cui i riacquisti di azioni hanno avuto un boom di popolarità. Chevron, Starbucks, Qualcomm e Apple sono solo alcuni dei nomi delle società che annunciano programmi di riacquisto di azioni importanti, insieme ai loro rapporti sugli utili. Sembra anche che sarà un anno da record per i riacquisti di azioni. Questo si ha quando le aziende acquistano le proprie azioni per contribuire ad aumentare il prezzo.

Questo grafico mostra come i rendimenti dei riacquisti abbiano superato di molto i dividendi dalla metà degli anni 2000. In valore assoluto, i riacquisti sono stati superiori ai dividendi ogni anno dal 2010, secondo Howard Silverblatt di S & P Global. Fa tutto parte del mantenimento più dei profitti all’interno dell’azienda. E questa logica per il declino dei dividendi potrebbe farti impazzire.

Penso che i manager aziendali preferiscano aggrapparsi ai soldi che guadagnano invece di distribuirli come dividendi, perché una buona parte del loro reddito può derivare dalle loro stock options. Mantenendo i soldi in azienda, il prezzo delle azioni tende a salire più velocemente, ma alcune ricerche finanziarie mostrano che forse gli investitori sarebbero meglio se i dividendi fossero pagati a loro.

Tradizionalmente, sono grandi aziende mature con aziende stabili che partecipano a questo tipo di partecipazione agli utili. Una volta che una società paga un dividendo, può essere difficile tornare indietro senza che il mercato la punisca facendo scendere le azioni. Naturalmente il rendimento dei dividendi fluttua con il prezzo di un’azione. Finché la società continua a pagare il dividendo, se il prezzo del titolo scende, il rendimento del dividendo aumenta. Questo può essere un segno di un accordo, purché la compagnia non sia in grossi guai. Ma a volte un rendimento da dividendo troppo alto è una bandiera rossa.

All’inizio del 2019, alcune delle principali società con i dividendi più redditizi includevano CenturyLink, Ford, L Brands e, sì, AT & T. Ancora dopo tutti questi anni. Quindi vedremo una ripresa dei dividendi nei prossimi anni? Non è chiaro.

Secondo Silverblatt, il 2018 ha visto per il nono anno consecutivo avere più dollari pagati come dividendi, ma i rendimenti sono ancora storicamente bassi. Penso che ci sia qualche ricerca finanziaria che dimostri che le società che pagano tassi di dividendo più alti in realtà abbiano rendimenti più alti di quelli che pagano tassi più bassi.

Penso che ci sia ancora una discussione da fare che potrebbero essere socialmente buoni se le aziende pagano più dei loro guadagni, perché quando le società pagano una grande quota dei loro guadagni e la reinvestono, a volte commettono errori.

Indipendentemente dal fatto che i tuoi obiettivi di investimento siano allineati con un po ‘meno rischio e guadagni stabili, le azioni con dividendi potrebbero essere per te. Soprattutto in periodi di volatilità, puoi ancora guadagnare qualcosa, anche se il titolo diminuisce.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi