Troppo imbarazzati per chiederlo. Cos’è il rapporto prezzo/utili?

Troppo imbarazzati per chiederlo… Cos’è il rapporto prezzo/utili? Quando spendi soldi per un prodotto, ti piace sapere esattamente cosa otterrai in cambio. Purtroppo, investire non è così semplice, ma questa cifra può aiutarvi a determinare se l’azienda in cui investirete vi darà un buon ritorno.

***********

Vorreste sapere che cos’è il rapporto p/e, ma se state pensando di investire in azioni di una società, allora una delle prime cose che vorrete sapere è: il prezzo che sto pagando rappresenta un buon valore?

Ci sono molti modi per rispondere a questa domanda. Ma uno dei primi metodi che probabilmente incontrerete è il rapporto prezzo/utili – in breve, il rapporto p/e. Molti investitori usano il rapporto p/e per misurare se un’azione è economica o meno. C’è una buona ragione per questo. È una delle più semplici misure di valutazione. Si prende semplicemente il prezzo dell’azione e lo si divide per i suoi utili per azione (cioè i suoi profitti per azione). Così una società con un prezzo delle azioni di 50p e un utile per azione di 5p avrebbe un rapporto p/e di dieci.

Un rapporto p/e basato sugli utili previsti viene definito “p/e in avanti”, mentre uno basato sugli utili passati viene descritto come “p/e a termine”. Un p/e di dieci significa che si pagano 10 sterline per ogni sterlina di guadagno, mentre un p/e di 20 significa che si pagano 20 sterline per ogni sterlina di guadagno. Quindi, in teoria, più basso è il p/e, più economica è l’azione.

Tuttavia, un p/e basso non sempre rappresenta un buon valore. Se gli investitori sono disposti a pagare solo 5 sterline per ogni sterlina di guadagno, per esempio, questo implica che non credono che questi guadagni possano essere sostenuti. D’altra parte, le aziende che commerciano con p/e elevati potrebbero sembrare costose. Ma questo potrebbe semplicemente riflettere le aspettative di una forte crescita dei guadagni. Questo è il motivo per cui i titoli tecnologici in rapida crescita sono tipicamente negoziati su p/e elevati, ad esempio.

Ricordate anche che i guadagni di alcune aziende – come i costruttori di case – vanno su e giù a seconda dell’economia in generale. Tali aziende tenderanno a commerciare su p/e bassi nei punti più alti del ciclo economico (quando realizzeranno profitti insolitamente alti) e su p/e alti nei punti più bassi (quando potrebbero essere in perdita).

Come per qualsiasi rapporto di valutazione, un p/e non dovrebbe essere utilizzato in modo isolato. Ma può essere un utile punto di partenza.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi