Coronavirus: ora si investe su chi ha più possibilità di sopravvivere | FT

La redattrice di dei mercati per il FT, Katie Martin, guarda il sell-off dell’ultimo trimestre e come la pandemia da Coronavirus abbia colpito i mercati, il dollaro, l’economia e il sistema finanziario.

*****************

I primi tre mesi del 2020 sono stati uno spettacolo orrendo sui mercati. Gli investitori sono entrati nell’anno pensando che sarebbe stato abbastanza tranquillo e poco spettacolare, con rendimenti decenti, ma di poco conto. I grandi mercati azionari hanno raggiunto i massimi storici nel mese di febbraio, che sembra una vita fa. Poi, naturalmente, è arrivato il coronavirus.

La portata del disturbo per gli investitori è davvero difficile da realizzare. Le azioni di Wall Street sono scese in un mercato orso al ritmo più veloce mai registrato, e hanno chiuso il trimestre in ribasso del 20 per cento, includendo anche un rialzo del 15 per cento dal punto più basso dell’anno. Le azioni del Regno Unito hanno avuto la peggiore corsa dal 1987, che non è esattamente un anno memorabile (ricordate il crack di ottobre di quell’anno?). Il dollaro ha guadagnato, il che è una cattiva notizia per i paesi e le aziende di tutto il mondo che hanno debiti in dollari. E, forse la cosa più allarmante, il mercato dei titoli di stato ha iniziato a non funzionare bene.

Covid-19 è prima di tutto una crisi sanitaria, e la risposta – bloccare le comunità, le città e i paesi di tutto il mondo – produce anche una crisi economica. A metà marzo sembrava anche produrre una crisi finanziaria. Il sistema finanziario stesso si stava ammalando.

Le banche centrali e i governi possono fare il possibile per aiutare la crisi sanitaria e per lenire lo shock economico. Ma sono entrati con forza per aiutare i mercati, e ha funzionato, almeno in una certa misura. I mercati sono generalmente molto più tranquilli, ora. Ma è il momento di fare un passo indietro nelle scommesse rischiose? Beh, gli investitori non ne sono così sicuri. Come mi è stato detto questa settimana, è troppo tardi per vendere, ma è troppo presto per comprare.

I cacciatori di occasioni sono là fuori. Alcuni hedge fund stanno raccogliendo fondi per scommettere che il peggio sia passato. Ma scegliere un affare è difficile. Si basa su ipotesi sui guadagni delle aziende e, al momento, è difficile. Inoltre, nessuno sa onestamente come si comporterà questo virus o come funzionerà negli Stati Uniti. Un rimbalzo nei mercati è sicuramente possibile, ma è più probabile che si verifichi un lento rallentamento da qui. È meglio del 10 per cento di calo giornaliero che abbiamo visto ad un certo punto, ma non è ancora bello. Le insolvenze delle aziende e dei Paesi emergenti sono ormai considerate quasi inevitabili. Investire ora non significa tanto scegliere i vincitori, quanto i sopravvissuti.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi