Chi è Christine Lagarde? Cosa cambierà alla BCE? | IG Italia

La francese Christine Lagarde è stata nominata dal Consiglio Europeo come prossimo governatore della BCE in sostituzione di Mario Draghi, che ha il mandato in scadenza a fine ottobre. I capi di governo europei hanno scelto abbastanza a sorpresa la Lagarde, che ha così superato la concorrenza agguerrita del capo della Bundesbank, Jens Weidmann, e dei due banchieri finlandesi Erkki Liikanen e Olli Rehn. Laureata in giurisprudenza, ha svolto per anni il lavoro di avvocato per grandi law firm. Ha acquisito fama internazionale dopo essere stata scelta da Nicolas Sarkozy come Ministro dell’Economia in Francia dal 2007 al 2011. Dal 2011 sostituisce alla guida del Fondo Monetario Internazionale il connazionale Dominique Strauss Kahn. La Lagarde non ha le competenze da supertecnico, ovvero le expertise da economista con una conoscenza approfondita di tutte le conseguenze sull’economia reale delle politiche monetarie. La Lagarde, però, grazie all’esperienza al Fondo Monetario Internazionale ha la possibilità di avere delle expertise nel gestire le crisi finanziarie. Tuttavia il fatto che la Lagarde sia una figura politica lascia qualche dubbio sui possibili rischi alla indipendenza della BCE rispetto ai governi nazionali. Ricordiamo quanto importante sia l’aspetto di reputazione e di credibilità di una Banca Centrale. Christine Lagarde dovrà da subito distanziarsi dal mondo politico e dare continuità alle politiche monetarie portate avanti da Mario Draghi. Crediamo che la Lagarde sfrutterà molto il lavoro del nuovo capo economista dell’istituto di francoforte Philip Lane, governatore della banca centrale d’Irlanda, e del suo vice, lo spagnolo De Guindos.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi