Big Data. Chi si sta arricchendo su di noi? L’insidiosa economia dei big data | Big Think

Dove sono i nostri dati ora? Dove si trova la montagna di dati, i big data,  che generiamo giornalmente? Chi si sta arricchendo con ciò che facciamo ogni giorno? Segui i soldi. – Le tue azioni quotidiane su Internet danno alle aziende i tuoi dati personali, il che ti trasforma in un target pubblicitario, o il contrario. – Facebook, ad esempio, ha permesso ai proprietari di bloccare i gruppi demografici come afroamericani, LGBTQ o le persone disabili dal vedere annunci di alloggi – una violazione del Fair Housing Act del 1968. – I broker di dati hanno attraversato una linea, ma le leggi che dovrebbero regolarle sono obsolete; basta guardare l’accordo sui dati da miliardi di dollari tra 23andMe e Big Pharma. È etico? Rita Gunther McGrath, professore alla Columbia Business School, è uno dei massimi esperti mondiali in materia di innovazione e crescita. È autrice del best-seller The End of Competitive Advantage  (Harvard Business Review Press, 2013), e del libro in uscita Seeing Around Corners (Houghton Mifflin Harcourt, settembre 2019) . Una stima prudente di quanto valgono le vostre informazioni personali per questi broker di dati è dell’ordine di $ 240 all’anno per ognuno di noi, per milioni e milioni di persone. E questo si aggiunge a un numero davvero grande. E molti di questi dati, e la pubblicità contro questi dati, sono stati risucchiati dalle fonti convenzionali e sono andati a finire nelle tasche dei grandi broker di dati come Facebook e Google e persino Amazon, anche un intero gruppo di piccoli broker di dati – Sai, le persone che gestiscono piccoli siti come le guardie domestiche mi piacciono e… tu hai un’assicurazione, e sei sul mercato per comprare una nuova auto? E le persone consegnano volentieri queste informazioni, che poi vengono aggregate e copiate attraverso i database e poi inserite in questo pacchetto che gli inserzionisti possono quindi utilizzare per indirizzarvi. Penso che siamo proprio agli stadi iniziali in cui alcune persone stanno dando l’allarme. Ma questo non si è ancora diffuso alle masse. Voglio dire, tutte quelle persone che pubblicano i loro nipotini su Facebook non capiscono. Nel momento in cui quella cosa esce su Internet, hanno perso il controllo su di essa. Non lo possiedono più. E nel momento in cui fai un test o nel momento in cui fai volontariato, qualsiasi informazione su di te, mi dispiace, sono i loro dati, non i tuoi. E penso a come Google, ad esempio, è entrato nel business dei dati. Avevano costruito questo fantastico motore di ricerca, ma non avevano modo di monetizzarlo. E non è stato fino a quando non hanno capito che si potevano vendere annunci contro la ricerca– e all’inizio, non stava raccogliendo dati personali. Non dimentichiamolo. All’inizio, se andavi a cercare una racchetta da tennis e mi mostravi una pubblicità sulle racchette da tennis, va bene. Tipo, questo non mi infastidisce più di tanto. È quando inizi a diventare più pervasivo. E penso a dove hanno tagliato il traguardo, forse senza volerlo, ma quando hanno iniziato a tagliare il traguardo… è stato quando hanno iniziato il targeting. Quando inizi a dire… posso farti avere, sai, annunci pubblicati su quattordicenni che vivono a Princeton, nel New Jersey, che indossano scarpe da tennis Keds, quando ottieni quel livello di precisione di pubblicazione o targeting, penso che sia qui che hai attraversato una linea. E penso che siamo diventati ora in una situazione in cui molte persone stanno dicendo “hey, cosa? Puoi fare una cosa così?” E proprio come un esempio, così Facebook può effettivamente permettere alle persone che vogliono affittare un appartamento di escludere gli afro-americani, escludere le persone che sono ebrei, escludere le persone che sono latinoamericane. Questo è in realtà contro il Fair Housing Standards Act del 1968. Quindi per me, questo è un esempio di attraversamento di una linea molto grande. Perciò, invece di dire semplicemente, OK, se sto cercando, sai, le racchette da tennis e mostrandomi una pubblicità sulle racchette da tennis, facendo quel qualcosa in più e dicendo, perché so tutto quello che hai scritto e so che il tennis è molto importante per te e so che spendi in media $ 567 l’anno per l’armamentario relativo al tennis, vado a vendere a un inserzionista un annuncio super mirato per raggiungerti. Voglio dire, per me, è inquietante. Questo arriva al … non è tanto sulla privacy. Si tratta di questa capacità di mirare in modo algoritmico a caratteristiche che potremmo non volere che il mondo sappia. Un uso ancora più insidioso dei dati per me è se guardi al recente accordo di 23eMe con una delle grandi compagnie farmaceutiche per consegnare i loro dati. Ed è stato per miliardi di dollari. Ora la cosa che penso sia discutibile è che hai già pagato per analizzare quei dati. Non hai necessariamente dato il permesso a 23andMe di monetizzare ulteriormente quei dati solo perché li danno ad altre persone. Quindi sai, per me, c’è un’enorme quantità di ritardo istituzionale qui. Le nostre regole sui diritti di proprietà e i tuoi diritti sui tuoi dati sono così indietro rispetto alla pratica che penso che siamo pronti per una grande resa dei conti.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi