Apple. Come il fallimento da 12 milioni di dollari di Next salvò la società | Tech Insider

Steve Jobs lasciò Apple nel 1985. E usò $ 12 milioni di denaro per fondare una nuova società di computer chiamata NeXT. Con NeXT Steve Jobs poteva riguadagnare il controllo perso con Apple. Sfortunatamente, i computer NeXT erano costosi e non trovarono mai un successo enorme. Ma il sistema operativo NeXTSTEP, basato su UNIX, è stato utilizzato come base per Mac OS X. 18 anni e 14 versioni dopo milioni lo usano ancora.

Nel 1985, Steve Jobs uscì dalle porte di Apple e usò $ 12 milioni di denaro per avviare una nuova società di computer.

“Ciao, sono Steve Jobs e faccio computer”.

NeXT alla fine sarebbe stato visto come un fallimento. Ma quell’errore ha effettivamente salvato Apple. Apple è diventata pubblica nel 1980 ed è stata valutata $ 1,8 miliardi. Ma, qualche anno dopo, la società stava facendo fatica. Sia l’Apple III che il Lisa non riuscirono a diventare successi commerciali. Quindi, nel 1983, Jobs decise di reclutare John Sculley, che all’epoca era il CEO di Pepsi, chiedendo a Sculley: “Vuoi vendere acqua zuccherata per il resto della tua vita, o verrai con me e cambierai mondo?” E con ciò, Sculley era convinto. Lasciò Pepsi e divenne l’amministratore delegato della società con la mela morsicata.

Ma la tensione cominciò a crescere tra lui e Jobs. A causa delle lotte interne e dei guasti ai prodotti, il ruolo di Jobs è stato ridotto. Fu in quel periodo che Jobs ebbe l’idea di una nuova società di computer. Ma voleva reclutare cinque dipendenti Apple. Ciò ha favorito la tensione tra la società e Jobs. Qualcosa doveva cambiare.

Quindi, nel 1985, Steve Jobs lasciò la Apple. Ed è passato a lanciare a nuova società chiamata NeXT.

“Quindi cosa dovremmo fare?”

Con NeXT, Jobs voleva creare computer per università e ricercatori. NeXT era un progetto in cui Jobs poteva riguadagnare il controllo che aveva perso ed era abbastanza sicuro di sé in questa idea di investire $ 12 milioni di denaro proprio. Nel 1988, NeXT ha rilasciato il suo primo computer. Era una macchina potente che incarnava filosofie di design simili all’attuale Apple. Anche fino al suo circuito personalizzato.

Ma il computer NeXT era costoso. Molto costoso. Mentre gli altri computer all’epoca variavano da $ 700 a qualche migliaio di dollari, il computer NeXT aveva un prezzo base di $ 6.500. Ma il mercato dell’istruzione a cui si stava rivolgendo aveva già molti computer più vecchi e budget limitati. I computer NeXT non hanno mai riscontrato un successo di massa.

Quindi, nel 1993, NeXT ha smesso completamente di sviluppare il suo hardware e ha spostato la sua attenzione sulla vera innovazione: il software. Il sistema operativo per i computer NeXT era chiamato NeXTSTEP. È stato costruito su UNIX, un sistema operativo che risale agli anni ’60. L’uso di UNIX come base ha offerto a NeXTSTEP numerosi vantaggi chiave rispetto a Mac OS, come la programmazione orientata agli oggetti e la memoria protetta, il che significava meno arresti anomali del sistema. E ha utilizzato strumenti di sviluppo come Interface Builder, che ha reso la creazione di programmi molto più intuitiva. Nonostante le difficoltà del computer NeXT, il software era popolare.

“Le persone ci hanno detto che adorano NeXTSTEP e adorano il fatto che l’abbiamo costruito su UNIX”.

I programmatori hanno utilizzato le macchine NeXT per sviluppare giochi iconici come “Quake” e “Doom”. Anche Tim Berners-Lee era un fan. Ha creato il primo browser Web su un computer NeXT. Ma NeXT non è sopravvissuto alle sole vendite di software, ed è qui che Apple torna nella storia.

Dopo la partenza di Jobs, Apple riscontrò scarso successo e ha continuato a lottare. Sotto Sculley, la società aveva sviluppato diversi prodotti falliti, come il Newton MessagePad.

“Chi vuole uno stilo? Yuck.”

Nel 1993, l’utile era sceso dell’84%. Sculley si è dimesso da Apple nello stesso anno. E con il successo di Windows NT e Windows 95, Mac OS era in ritardo. La società aveva bisogno di un nuovo sistema operativo moderno per sopravvivere nel prossimo decennio. Quindi il CEO di Apple, all’epoca, Gil Amelio, rivolse la sua attenzione a NeXT. Con NeXT, Apple potrebbe finalmente avere un sistema operativo avanzato per competere con Windows.

Nel 1997, Apple ha acquistato NeXT per $ 429 milioni. Nello stesso anno, Steve Jobs tornò ad Apple. Alla fine, sarebbe tornato ad essere CEO. Ma la maggior parte dell’accordo? Apple avrebbe acquisito il sistema operativo NeXTSTEP e lo avrebbe usato per sostituire Mac OS, che all’epoca era nella versione 8, combinando il software NeXT con l’hardware Apple.

Nel comunicato stampa originale, Apple ha dichiarato: “l’integrazione della tecnologia NeXTSTEP nella futura versione di Mac OS si tradurrà in un solido sistema operativo di prossima generazione”. Poco dopo l’acquisizione, Apple ha iniziato a sviluppare quello che sarebbe diventato OS X, basato sul sistema operativo NeXTSTEP. OS X ha integrato le principali funzionalità NeXTSTEP, come il dock e l’app di posta, e tocchi minori, come la ruota che gira. Sebbene la maggior parte delle somiglianze si possano trovare sotto il cofano. OS X utilizzava lo stesso linguaggio di programmazione, Objective-C e lo strumento Interface Builder.

La prima versione di OS X nel 2001 è stata una visione del futuro del Mac. L’interfaccia Aqua è stata una radicale modifica del design rispetto alle versioni precedenti. E OS X ha anche introdotto cose come Preferenze di Sistema e la vista colonna nel Finder. Ma ci sarebbero voluti diversi anni perché gli investimenti di Apple pagassero. Inizialmente, OS X era lento e presentava problemi di stabilità. Richiedeva anche più memoria rispetto a molti Mac distribuiti in quel momento. Ma con il rilascio della 10.2, poco più di un anno dopo, Apple ha migliorato la stabilità e la velocità e ha consolidato la popolarità di OS X.

“Adoriamo il Mac”.

Dal Dock al modo in cui sono progettati i programmi, OS X sembra simile 18 anni e 14 versioni successive. Anche nel 2001, l’interazione dell’utente è sembrata moderna e intuitiva. E il lavoro svolto da Apple sulla base del sistema operativo NeXT originale ha contribuito a formare le basi di iOS, watchOS e tvOS. Se si tratta di un sistema operativo Apple, puoi risalire alle sue origini su NeXT. Nel dicembre 2001, Macworld ha scritto: “Aspettiamo da anni, ma Mac OS X è ora il sistema operativo di domani”. Avevano ragione. Quasi 20 anni dopo, milioni lo usano ancora.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi