Robotaxi: lancio, ritorni e impatto sul trasporto di massa | Financial Times

UBS Evidence Lab ha sviluppato un modello di simulazione per una flotta di robotaxi a New York che ha concluso che il mercato globale potrebbe valere più di due trilioni di dollari entro la fine del 2030. L’adozione di massa di robotaxi avrà implicazioni di vasta portata in molti settori; nuovi flussi di entrate del settore, dalla condivisione della corsa ai semiconduttori, alle telecomunicazioni, agli pneumatici, all’industria delle batterie e ai produttori di automobili e ai loro fornitori.

Il mercato globale della flotta robotica potrebbe valere più di due trilioni di dollari entro la fine del 2030. Questo è secondo gli analisti di UBS Global Research, che hanno utilizzato una potente simulazione in tempo reale di una flotta robotaxi a New York costruita da UBS Evidence Lab. La simulazione ottimizza le rotte e le connessioni dei ciclisti con i veicoli, oltre a quantificare una vasta gamma di parametri, tra cui il costo corrente per chilometro, il tasso di utilizzo, il margine di redditività della flotta e il numero di stazioni di ricarica necessarie.

Facciamo un viaggio, approfondendo i dati: i costi di gestione giornalieri a partire da quaranta dollari … significherebbero che le barriere all’ingresso potrebbero essere basse. UBS stima che ogni robotaxi genererà ventisettemila dollari di entrate all’anno. Ci vorranno solo due ore di operazioni affinché la flotta di robotaxi raggiunga il punto di pareggio ogni giorno… aggiungendo il tempo e le flotte supplementari potrebbero generare margini di profitto superiori al 90%.

Tuttavia, tali margini di profitto elevati verranno rapidamente eliminati dalla concorrenza sui prezzi. Eliminare la redditività tra il trenta e il quaranta percento significherebbe che la tariffa pagata dai passeggeri per ogni viaggio potrebbe diminuire di oltre l’ottanta percento – o meno di $ 3 per corsa. Alla fine, i viaggi di condivisione dei passeggeri dovrebbero spingere il costo di un giro ancora più in basso di un dollaro, il che significa che i robotaxis comincerebbero a competere sul prezzo con i trasporti pubblici.

La simulazione mostra che, in una città come New York, la dimensione attuale della flotta di taxi potrebbe coprire circa il 15% di tutte le richieste di pendolari in un mondo robotizzato, e il tempo medio di spostamento scenderà da circa 40 a 15 minuti per una gamba all’interno Manhattan. Il potenziale di perturbazione non si ferma qui – l’attuale numero di taxi in grandi città come New York potrebbe essere ridotto di circa due terzi quando i veicoli diventeranno completamente autonomi e il tasso di adozione di robotaxi raggiungerà più del 20% della popolazione urbana nei mercati sviluppati entro il 2030.

L’adozione di massa di robotisis avrà anche implicazioni di ampia portata e creerà nuovi flussi di entrate in molti settori. UBS prevede che i settori Internet, Utilities, Semis, Telco e Tiro ne beneficiano maggiormente. Gli analisti di UBS Research puntualizzano che non si tratta di un mercato che prende il nome di un vincitore, ma, dato il numero di crunch per la Grande Mela, anche il più piccolo di fette sembra essere molto gustoso.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi