La relazione sull’occupazione negli Stati Uniti per il mese di dicembre: Buone o cattive notizie? | Russell Investments

Perché i mercati sono stati in gran parte non toccati dalle recenti tensioni tra Iran e Stati Uniti? Nel quarto trimestre la fiducia dell’amministratore delegato americano medio rimbalza nettamente. Rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti di dicembre: perché il contesto è importante?

I mercati si preoccupano degli eventi geopolitici?

L’uccisione del 3 gennaio del comandante militare iraniano Qasem Soleimani da parte degli Stati Uniti, e gli attacchi di ritorsione dell’8 gennaio da parte dell’Iran in basi militari che ospitano truppe statunitensi, hanno portato alla preoccupazione che le tensioni tra l’Iran e gli Stati Uniti possano inasprirsi. Questi timori, tuttavia, per ora sono svaniti, dato che entrambi i Paesi sembrano essersi allontanati dall’orlo del baratro, ha detto Ristuben.

“Penso che sia gli Stati Uniti che l’Iran si siano resi conto che una continua escalation delle tensioni non era nell’interesse di nessuno dei due Paesi”, ha dichiarato, osservando che i principali indici globali hanno effettivamente concluso la settimana del 6 gennaio con un aumento di circa lo 0,5% all’1,3%, a metà mattina del 10 gennaio, ora del Pacifico. Allora, perché i mercati hanno registrato guadagni modesti di fronte alle tensioni geopolitiche?

“È semplice: gli eventi geopolitici non contano per i mercati finché non contano. E quando contano, è abbastanza raro”, ha detto Ristuben. Ha poi spiegato che, nella maggior parte dei casi, tali eventi pesano sui mercati solo quando le tensioni vanno fuori controllo – cosa che non è avvenuta la settimana scorsa.

Cresce il settore dei servizi negli Stati Uniti, aumenta la fiducia degli amministratori delegati

I dati economici rilasciati la settimana del 6 gennaio sono stati misti, ha detto Ristuben. Da un lato, la misura della fiducia del Conference Board dei CEO durante il quarto trimestre del 2019 è rimbalzata a 43 punti – una grande ascesa rispetto alla sua lettura del terzo trimestre di 34 punti. Tuttavia, 43 punti sono ancora sotto i 50 punti – la linea di demarcazione tra ottimismo e pessimismo tra i CEO, ha osservato. “È importante notare che anche altri sondaggi sul sentimento dei CEO hanno indicato un miglioramento dell’atteggiamento dei leader aziendali, che probabilmente è di buon auspicio per i modesti aumenti delle spese in conto capitale di questo trimestre”, ha dichiarato Ristuben.

Ha osservato che questo potrebbe anche dare una spinta al settore manifatturiero statunitense in difficoltà. “Mentre l’ultimo PMI manifatturiero (indice dei responsabili degli acquisti) è superiore a 50 su scala globale, gli Stati Uniti rimangono un bambino problematico, con una lettura di dicembre di 47,2, più debole di quella che abbiamo visto a novembre”, ha spiegato Ristuben.

Il settore dei servizi statunitense, nel frattempo, rimane robusto, come dimostrano gli ultimi numeri dell’indice non manifatturiero dell’Institute for Supply Management (ISM). La lettura di dicembre è arrivata a 55, in aumento rispetto al 53,9 di novembre e indicativa di una crescita continua del settore, ha osservato Ristuben. “Ciò ci dice che il settore non manifatturiero non è più così influenzato negativamente dalla debolezza produttiva”, ha affermato.

Ristuben l’ha definita un’ottima notizia, in quanto il settore dei servizi rappresenta la maggior parte dell’economia statunitense. “Ciò contribuisce a rafforzare la convinzione che il rischio di recessione nel 2020 sia piuttosto basso”, ha concluso.

I salari dei dipendenti non agricoli statunitensi crescono di 145.000 unità nel mese di dicembre

L’economia statunitense ha aggiunto 145.000 posti di lavoro nel mese di dicembre, ha osservato Ristuben. Mentre questo numero è sceso un po’ al di sotto delle aspettative di consenso, è più importante zoomare un po’ in avanti e guardare al quadro generale, ha dichiarato. La crescita dell’occupazione su base mensile è notoriamente volatile, ha detto Ristuben, spiegando che un’istantanea migliore dell’occupazione negli Stati Uniti si trova di solito guardando i guadagni di posti di lavoro medi degli ultimi tre mesi. Da settembre a dicembre del 2019, gli Stati Uniti hanno generato una media di 184.000 nuovi posti di lavoro al mese – rispetto alla media complessiva del 2019 di 176.000 posti di lavoro. “In altre parole, la crescita dell’occupazione nel quarto trimestre è stata in realtà un po’ migliore rispetto al resto dell’anno”, ha spiegato.

Ristuben ha osservato che, mentre il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti si è mantenuto stabile al minimo storico del 3,5% a dicembre, la crescita dei salari su base annua è scesa al di sotto del 3% per la prima volta dal luglio 2018. Anche in questo caso, ha affermato, il contesto è importante. “A dire il vero, dicembre è un mese notoriamente difficile per valutare lo stato di salute dell’economia statunitense, soprattutto a causa delle vacanze”, ha dichiarato Ristuben.

Nel complesso, ha definito solido il rapporto sui posti di lavoro di dicembre, spiegando che i guadagni mensili di 100.000 o più posti di lavoro tipicamente mettono sotto pressione il tasso di disoccupazione. “In definitiva, gli ultimi numeri sostengono la nostra tesi secondo cui il consumatore americano è ben occupato, fiducioso e probabilmente continuerà a spendere soldi quest’anno”, ha concluso Ristuben.

 

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi