Come la pandemia ha alimentato il riciclaggio di denaro | FT

Negli ultimi 12 mesi Covid-19 ha ridotto innumerevoli attività commerciali, ma non il riciclaggio di denaro. L’ONU stima che ogni anno vengono riciclati circa 1,6 trilioni di dollari, e le autorità dicono che le misure di blocco hanno offerto ai criminali opportunità ancora maggiori per commettere reati. Ma perché è così, e cosa stanno facendo i paesi per combattere questa situazione?

************

Negli ultimi 12 mesi la pandemia di coronavirus ha ridotto innumerevoli attività commerciali, con un’eccezione preoccupante: il riciclaggio di denaro. Secondo la Financial Action Task Force, l’organo di controllo intergovernativo per il crimine finanziario, le misure di blocco hanno offerto ai criminali opportunità ancora maggiori per commettere reati e riciclare miliardi di dollari di proventi.

Il riciclaggio di denaro, l’incanalamento di guadagni illeciti attraverso banche e società per farli apparire legittimi, assume tipicamente tre forme – corriere fisico di denaro, transazioni bancarie e commercio d’esportazione. E l’uso di questi ultimi due metodi sembra essere in aumento. Nel gennaio di quest’anno il GAFI ha avvertito che, poiché la Covid ha costretto le banche a spostare le loro interazioni con i clienti online, i criminali hanno sfruttato le difficoltà nel verificare le identità dei clienti.

Durante la crisi ha scoperto che più di 60 milioni di nuovi conti sono stati aperti online, ma non tutte le identità digitali erano affidabili. Allo stesso tempo la pandemia ha lasciato molte imprese in difficoltà finanziarie, rendendo più facile per i criminali usare imprese rispettabili ma in crisi come copertura per attività illegali. Il rapporto della FATF ha citato una rete che ha utilizzato il riciclaggio di denaro basato sul commercio per spostare 400 milioni di dollari in diversi anni.

Non si possono calcolare totali precisi, ma uno studio delle Nazioni Unite ha stimato i proventi criminali annuali al 3,6% del PIL globale, con il 2,7%, o 1,6 trilioni di dollari, riciclati. Ed è in aumento. Solo nel Regno Unito una valutazione del rischio nazionale ha rilevato un aumento del 20 per cento delle segnalazioni di attività sospette nel 2019 e 2020. Ma i paesi stanno prendendo provvedimenti. Negli Stati Uniti una nuova legge antiriciclaggio dà alle autorità più poteri per richiedere documenti alle banche straniere e aumentare la cooperazione con i governi d’oltreoceano.

E nell’UE è stato creato un supervisore centrale antiriciclaggio per aumentare l’applicazione della legge. Devono intensificare la lotta. Il direttore generale del National Economic Crime Centre del Regno Unito ha ammesso che il tasso di successo nei confronti delle persone accusate è ancora solo del 3%.

 

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi