Perché gli insetti potrebbero essere il cibo del futuro | Seeker

Cosa hanno in comune i grilli, le cicale e l'”insetto della pancetta” del Madagascar? Questi insetti potrebbero essere la nostra chiave per un futuro alimentare sostenibile.

**************

La popolazione della Terra è sulla buona strada per raggiungere quasi 10 miliardi entro il 2050, e nutrire tutti presenterà alcune sfide piuttosto importanti.

Potrebbe un pilastro vitale di un futuro alimentare sicuro essere qualcosa di un po’ fuori dal campo? Potrebbe anche vivere in tale campo? Potrebbero essere… gli insetti?

Ok, togliamo di mezzo la domanda più ovvia: è un’idea strana? Beh, dipende a chi lo si chiede.

Ai 2 miliardi di persone nel mondo che indulgono nell’entomofagia, cioè che includono regolarmente gli insetti come parte della loro dieta, probabilmente non sembra affatto strano.

In realtà, se amate i crostacei, allora siete già sulla buona strada per mangiare insetti. Voglio dire, sono tutti artropodi, dopo tutto.

La FDA statunitense ha persino dovuto avvertire le persone allergiche ai frutti di mare di non mangiare nessuno dei miliardi di cicale emerse nel 2021, perché contengono proteine simili che potrebbero scatenare una reazione allergica.

Le persone che sono regolarmente insettivore tendono a vivere più vicino all’equatore, dove gli insetti sono disponibili come fonte di cibo tutto l’anno.

Le persone che provengono da latitudini più alte, come l’Europa, non hanno la tradizione di mangiare insetti, probabilmente perché sono davvero disponibili solo in estate, quando sono comunque ridondanti dal punto di vista nutrizionale.

Ma la schizzinosità che molte persone provano al pensiero di mangiare creature striscianti è appresa, e non un istinto innatamente umano.

Infatti, il nostro corpo produce un enzima che può rompere la dura chitina del loro esoscheletro, quindi chiaramente ci siamo adattati a mangiarli ad un certo punto della nostra storia.

Gli insetti potrebbero portare molti benefici alla dieta di qualcuno oggi. I grilli, per esempio, non sono solo una buona fonte di proteine, sono anche ricchi di ferro e vitamina B-12.

Mangiare un organismo completo significa anche ottenere tutti i nutrienti di quell’organismo, invece di mangiare una parte specifica di un animale. Inoltre si riduce lo spreco di cibo, poiché mangiare una creatura croccante intera è più facile che usare ogni parte del bestiame più grande.

La FAO stima che i grilli richiedono circa 13 volte meno spazio di una quantità equivalente di carne di manzo.

Sembra che a loro piaccia stare insieme in piccoli spazi, il che potrebbe aiutare ad alleviare la coscienza sporca del consumatore.

Gli insetti potrebbero anche essere una soluzione al problema di quanta terra usiamo per produrre carne.

Attualmente, l’80% dei terreni agricoli è usato per allevare e nutrire il bestiame, anche se gli animali rappresentano solo il 18% del nostro apporto calorico.

I requisiti di spazio ridotti potrebbero aiutare a frenare la deforestazione che deriva dalla creazione di nuovi terreni agricoli. Questo a sua volta potrebbe essere un enorme aiuto nella lotta contro il cambiamento climatico.

I grilli emettono mille volte meno gas serra rispetto alle mucche per produrre la stessa quantità di proteine. Hanno anche bisogno di circa tredici volte meno acqua, un altro enorme vantaggio per le aree del mondo dove l’acqua è scarsa. E, come regalo d’addio, gli escrementi degli insetti, conosciuti come frass, hanno persino un uso come fertilizzante.

Ora, tutto questo è bello e buono, ma che dire del sapore? Hanno un buon sapore?

Si scopre che gli insetti hanno molti sapori, dal sakondry del Madagascar, conosciuto anche come l’insetto della pancetta, alla cicala del Nord America, che apparentemente ha un sapore simile a quello dei gamberi per alcuni. Ha senso, dato l’avvertimento della FDA sulle allergie ai frutti di mare.

Davvero la ragione più grande per non mangiare insetti a parte l’anafilassi è… beh… perché non si vuole.

Presentarli in un modo che sia appetibile è una grande sfida per una più ampia adozione. Ciò di cui abbiamo bisogno è il Timon e Pumba per il nostro Simba, cioè qualcuno che ci mostri che gli insetti possono essere viscidi ma soddisfacenti. Questo, o un’introduzione alla cucina a sei zampe che sia più accessibile dei grilli interi fritti.

Macinandoli in polvere che può essere mescolata nell’impasto del pane o cosparsi su un cibo familiare per una spinta proteica è una soluzione.

Ora, se i non mangiatori di insetti non si avvicinano mai all’idea, il minimo che possono fare è aiutare a destigmatizzarla.

Come ho detto, molte persone in tutto il mondo si affidano già agli insetti per una parte vitale della loro dieta. Sfortunatamente, il contatto con persone che hanno atteggiamenti negativi verso l’entomofagia ha fatto sì che alcune culture abbiano perso il loro gusto per il cibo.

Dato che sempre più esseri umani condividono il globo, è importante che nessuno di loro sia scoraggiato da una fonte di cibo perfettamente buona in favore di un’altra più dispendiosa per l’ambiente e più difficile da ottenere.

Allora, cosa ne pensate degli snack a sei zampe? Siete ancora disgustati? Pensate che potreste cambiare idea? O forse li mangiate già?

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi