Il coronavirus è fuoriuscito da un laboratorio cinese? | The Economist

Per la maggior parte del 2020 la teoria che il coronavirus sia fuoriuscito da un laboratorio cinese è stata respinta come improbabile. Negli ultimi mesi ha nuovamente preso piede. I nostri esperti ci spiegano perché.

***********

È possibile che la catena di infezioni che ha diffuso il sars-cov-2 in tutto il mondo sia iniziata, come la maggior parte delle nuove malattie, quando un virus animale si è fatto strada da solo nell’uomo, in un campo o in una fattoria, in una grotta o in un mercato. È anche possibile che la catena sia iniziata in un laboratorio del governo cinese. Queste due possibilità sono state riconosciute da molti di coloro che studiano la pandemia di covid-19 da molto tempo. Ma il fatto che due cose siano entrambe possibili non significa che siano ugualmente probabili.

Per la maggior parte del 2020 gli scienziati e i media tendevano a trattare la probabilità di una fuga da un laboratorio come molto piccola, con il contatto quotidiano – “spillover zoonotico” – più probabile. Questo fatto ora è cambiato. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha detto a marzo che la valutazione dell’ipotesi del laboratorio non era ancora abbastanza estesa. Il 26 maggio il presidente Joe Biden ha ordinato alle agenzie di intelligence americane, che non sono ancora giunte ad una conclusione sull’argomento, di andarsene e di impegnarsi di più.

Gli artisti della fuga

Il luogo più fortemente legato alla comparsa di sars-cov-2 è un mercato del pesce e degli animali nella città cinese di Wuhan. I mercati cinesi della fauna selvatica e il commercio che li rifornisce di zibetti, ratti, pangolini e tassi sono crogioli virali pieni di opportunità di ricaduta zoonotica. Nel 2010 uno studio in Vietnam ha dimostrato che gli animali acquisiscono coronavirus l’uno dall’altro mentre fanno il viaggio verso il ristorante o il mercato; non c’è motivo di pensare che le catene di approvvigionamento cinesi siano più salubri. Nel febbraio dell’anno scorso la Cina ha annunciato il divieto del consumo e del commercio di animali selvatici, riconoscendo i rischi connessi. È stato un grande passo, e un passo costoso.

I primi battiti di preoccupazione per le fughe di laboratorio sono stati indotti dalla semplice geografia. Quel mercato si trova a soli 12 km dall’Istituto di virologia di Wuhan (WIV), un centro globale per la ricerca sui coronavirus. Il Wuhan Centre for Disease Control and Prevention (CDC), che ha lavorato anche sui coronavirus dei pipistrelli, è ancora più vicino: a soli 500 metri. Uno o più lavoratori in uno di questi laboratori potrebbero essere stati infettati da un coronavirus utilizzato nella ricerca, fornendo così al virus un passaggio verso l’esterno. Un’idea correlata è che il virus sia arrivato direttamente da un pipistrello, o da un altro animale, all’interno di un laboratorio o come parte del lavoro sul campo associato alla ricerca. Un avido collezionista di virus di pipistrelli selvatici lavora per il CDC.

Se una di queste possibilità dovesse rivelarsi vera, sarebbe profondamente e inquietantemente ironico. Fin dall’epidemia di SARS, una malattia respiratoria causata da un altro coronavirus, nei primi anni 2000, i coronavirus sono stati visti come aventi una propensione preoccupante per le pandemie. Questo è ciò che li ha resi di particolare interesse per i ricercatori di Wuhan; il loro lavoro sui coronavirus è stato svolto in nome della riduzione della minaccia che rappresentavano.

Gli agenti patogeni fuggono dalle istituzioni che lavorano su di loro con una frequenza deprimente. L’ultima morte conosciuta per il vaiolo è stata il risultato di una fuga di laboratorio in Gran Bretagna nel 1978. sars-cov-1, il virus che causa il SARS, è sfuggito due volte dai laboratori mentre si diffondeva nel mondo nel 2003, una volta a Singapore e una volta a Taiwan; è fuoriuscito da un laboratorio di Pechino in due occasioni separate nel 2004. Nel dicembre 2019 più di 100 studenti e personale di due centri di ricerca agricola a Lanzhou sono stati colpiti da un’epidemia di brucellosi, una malattia batterica che di solito si prende dal bestiame.

Più allarmante, il ceppo h1n1 dell’influenza che ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo nel 1977 è ora noto per essere stato rilasciato da un laboratorio del nord-est asiatico, forse in Cina, forse in Russia. Alcuni osservatori occidentali lo sospettavano all’epoca, ma non ne fecero un gran parlare, forse temendo che così facendo la Cina e/o la Russia si sarebbero ritirate dagli sforzi internazionali di sorveglianza dell’influenza, o avrebbero scatenato una reazione contro la virologia.

La biosicurezza al WIV era nota per essere discontinua. I diplomatici americani che l’hanno visitata nel 2018 hanno segnalato problemi di preoccupazione, facendo specifica menzione dei coronavirus e del rischio pandemico. Nel febbraio 2020 il ministero cinese della scienza e della tecnologia ha emesso nuove regole che richiedono ai laboratori di migliorare la loro biosicurezza, indicando un disagio con lo status quo.

Charles Darwin, detective

L’idea di una fuga di laboratorio non era apparentemente impensabile per le persone coinvolte. Quando Shi Zhengli, un ricercatore di coronavirus che è il direttore del Centro per le malattie infettive emergenti del WIV, è stato intervistato per Scientific American all’inizio del 2020, ha detto che una delle sue prime preoccupazioni era se il virus potesse essere venuto dal suo laboratorio. Dopo aver cercato nei registri di tutte le sequenze virali con cui avevano lavorato, ha concluso che non era così. Tuttavia, il governo cinese è stato raramente esitante nel sopprimere qualsiasi informazione che non gli conviene, e la dottoressa Shi potrebbe non essere in grado di dire il contrario. È anche possibile che il virus provenga da un lavoro al di fuori delle sue competenze.

Il gruppo del dottor Shi al WIV ha passato anni a cercare di capire le mutazioni che permetterebbero ai virus dei pipistrelli di riversarsi nelle popolazioni umane. Nel perseguimento di tali domande, hanno condotto ricerche volte a rendere i coronavirus più infettivi per gli esseri umani. Nel lavoro pubblicato nel 2015 hanno riportato una chimera creata da un coronavirus di pipistrello e un coronavirus di topo che era in grado di replicarsi in modo efficiente nelle cellule delle vie aeree umane.

Alcuni sostenitori della teoria del laboratorio hanno speculato su quali altri animali il laboratorio potrebbe aver usato in questo lavoro. Fanno notare che il virus assomiglia molto a un incrocio tra un virus di pangolino e un virus di pipistrello, con una sequenza genetica aggiuntiva che rende il virus molto più infettivo per gli esseri umani. Questo “sito di scissione della furina” non si trova in altri virus strettamente correlati; forse è stato messo lì, dicono.

Ci sono varie controargomentazioni alle specifiche di queste speculazioni. C’è anche un avvertimento più generale basato sulle intuizioni di Charles Darwin: la selezione naturale può trovare ogni sorta di sottigliezze che sembrano prove inconfutabili per un disegno intelligente a coloro che iniziano a credere in un progettista.

E le prove della diffusione della malattia? Secondo il Guardian, un giornale britannico, quando l’OMS ha inviato lo scienziato Peter Ben Embarek in Cina nel luglio 2020, il suo successivo rapporto all’agenzia ha dichiarato che i cinesi avevano fatto “poco… in termini di indagini epidemiologiche intorno a Wuhan dal gennaio 2020”. Alcuni deducono che la Cina non sta cercando perché conosce, o forse solo teme, la risposta.

Questa mancanza di zelo si aggiunge ai sospetti di fuga dal laboratorio. Una delle ragioni offerte per l’accresciuto interesse in queste idee è che sono venute alla luce solo poche altre prove di spillover zoonotico; nessuno ha trovato niente di simile a un “pipistrello fumante”. Quando la storia della fuga dal laboratorio sembra avere slancio e la storia zoonotica sembra rimanere lì, è naturale che la gente abbia la sensazione che l’ipotesi del laboratorio stia diventando più probabile.

Ma non è strettamente logico. È anche importante ricordare che il progresso relativamente rapido fatto sull’origine della SARS nel 2003 non è necessariamente una guida affidabile di quanto velocemente tale ricerca ottenga normalmente dei risultati.

Mentre alcuni dati sono assenti, altri semplicemente non vengono condivisi. Durante la visita dell’OMS all’inizio di quest’anno le autorità cinesi hanno rifiutato le richieste di fornire dati epidemiologici chiave sui 174 primi casi noti di covid-19 nella città nel dicembre 2019.

Questi dati sono cruciali. Non tutti i primi casi di covid-19 provenivano dal mercato. Piuttosto che essere la fonte dell’epidemia, potrebbe essere stato semplicemente un luogo dove il virus è stato amplificato. Questo spiega la necessità di guardare ad altre possibili fonti, e questo richiede dati individualizzati su ogni caso iniziale. La mancanza di tali dati significava che il team che non era in grado di fare un’indagine epidemiologica standard, Dominic Dwyer, un microbiologo australiano, ha detto al Wall Street Journal al momento. Questi primi casi di covid-19 potrebbero puntare chiaramente nella direzione di una fonte animale o di laboratorio.

L’eccitazione per quest’ultima possibilità è stata alimentata dal riemergere di affermazioni che tre lavoratori del WIV si sono ammalati con qualcosa di un po’ simile al covid nel novembre 2019, affermazioni ventilate per la prima volta dal Dipartimento di Stato nei giorni morenti dell’amministrazione Trump. Ma questi rapporti mancano di corroborazione, fonti o dettagli su dove nel laboratorio le persone coinvolte abbiano effettivamente lavorato. Ciò significa che non fanno nulla per spostare la storia.

Le prove fino ad oggi mostrano che le ipotesi circostanziali su cui si basa l’idea – che c’è stata una ricerca sul coronavirus e che potrebbe essere fuoriuscita fisicamente – sono vere; non fornisce una visione diretta dell’epidemia vera e propria. Come Ralph Baric, un ricercatore americano che ha contribuito a impostare il lavoro di coronavirus del WIV, ha detto al Wall Street Journal, “più indagini e trasparenza sono necessari per definire l’origine“; egli stesso continua a vedere spillover zoonotico come la possibilità più probabile.

Idealmente, la Cina aiuterebbe queste indagini a portare alla luce nuove prove. Ma non si può contare su questo. È possibile che l’accanito lavoro dei servizi segreti americani possa far emergere argomenti convincenti a favore o contro, o che i molti scienziati che studiano i dettagli del genoma e della struttura del virus possano trovare qualcosa. Ma non c’è alcuna garanzia che la questione sarà risolta presto.

Ne è valsa la pena?

Per gli osservatori come Filippa Lentzos, una esperta di biosicurezza al King’s College di Londra, l’incertezza sottolinea la necessità di una maggiore discussione sui rischi che il mondo è disposto a prendere in nome della scienza. Più strutture per la ricerca sugli agenti patogeni vengono costruite in tutto il mondo, e anche le misure di biosicurezza più sofisticate possono a volte fallire.

Ciò significa che la ricerca deve essere condotta in modi che permettano il controllo e la responsabilità, che la conoscenza ricercata deve valere i rischi, e che quella conoscenza, una volta acquisita, deve essere usata e resa utile. Non ci sono prove convincenti che la presenza del WIV nella città dove è iniziata la pandemia di covid-19 sia stata qualcosa di diverso da una coincidenza. Ma non c’è nemmeno la prova che la ricerca del WIV sul coronavirus, giustificata in nome della preparazione alla pandemia, abbia fatto qualcosa per diminuire il pedaggio di questa pandemia.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi