ESG e investimenti in obbligazioni. Il metodo di PIMCO

La ricerca sul credito è una pietra miliare del loroprocesso di gestione attivo, e i fattori ESG sono una componente integrata della loro ricerca sul credito. Gli analisti assegnano punteggi separati per “E”, “S” e “G” che aiutano a informare meglio i gestori di fondi mentre costruiscono portafogli su PIMCO.

Pimco è stato a lungo conosciuto come un gestore di reddito fisso di prim’ordine, ma è passato tranquillamente alle strategie di magazzino quasi 10 anni fa. Più recentemente, è passata silenziosamente all’investimento sostenibile, non con una nuova linea di prodotti, ma implementando questo tipo di ricerca in tutta l’azienda, diventando uno dei primi, e certamente il più grande, dei grandi asset manager a considerare gli investimenti con un occhio alla sostenibilità a lungo termine come chiave critica per il successo.

Negli ultimi anni, Pimco è diventata leader nell’integrazione di fattori ambientali, sociali e di governance, o ESG, in tutti i suoi processi di investimento. Il motivo: le obbligazioni sono investimenti a lungo termine e i rischi ESG spesso richiedono anni per concretizzarsi. Se possiedi, per esempio, un legame per una proprietà commerciale sul lato del porto, il sito potrebbe essere colpito da un’ondata di tempeste molto prima che la tua obbligazione diventi matura.

Il modello di Pimco è quello che altri gestori di investimenti potrebbero dare un’occhiata nel momento in cui iniziano a incorporare criteri di sostenibilità nelle loro pratiche. “Pimco ha fatto l’integrazione più profonda sul lato obbligazionario”, afferma Jeff Gitterman, un influente consulente finanziario con una pratica ESG.

“Siamo al vertice del nostro gioco in investimenti responsabili”, afferma Scott Mather, Chief Investment Officer delle principali strategie statunitensi di Pimco, che supervisiona anche l’integrazione del portafoglio ESG per l’azienda. Pimco ottiene un A + in cinque categorie chiave dal Principles for Responsible Investment, o PRI, network, che effettua una valutazione annuale dei gestori degli investimenti dei membri. Sta aprendo la strada al reddito fisso ESG, una tendenza meno annunciata rispetto a quella azionaria, ma ancora più significativa, considerata la dimensione del mercato obbligazionario globale.

Molto tempo prima che il co-fondatore Bill Gross lasciasse l’azienda alla fine del 2014 in uno scontro aspro, Pimco considerava ESG uno strumento di controllo del rischio: aveva firmato il PRI nel 2011, ed era anche di proprietà di Allianz, che come tutti gli investitori europei era acutamente consapevole dei potenziali rischi posti dai cambiamenti climatici e dalle questioni sociali. Il capo degli investimenti Dan Ivascyn ha scioccato il comitato per gli investimenti, invitando opinioni più diverse sulla ricerca e sui rischi. Nel 2015, il Dipartimento del lavoro ha emesso indicazioni secondo cui gli investimenti ESG erano compatibili con il dovere fiduciario di un’impresa di investimento. Alla fine del 2016, l’amministratore delegato Manny Roman si è unito al gestore di risorse alternative Man Group, guidando l’incarico di investire di più nella tecnologia per migliorare gli strumenti analitici. E l’anno scorso, il veterano delle Nazioni Unite Gavin Power si è unito come capo degli affari internazionali e dello sviluppo sostenibile.

“Pimco sta osservando questo da un punto di vista più ampio”, afferma Jon Hale, responsabile globale della ricerca sulla sostenibilità presso Morningstar. “Sta valutando come può avere un impatto sulla transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio attraverso l’impegno con gli emittenti e la collaborazione con altri nel campo degli investimenti sostenibili”.

Pimco ha creato un proprio database ESG e un modello di punteggio, che include dati provenienti da provider di terze parti come MSCI, Bloomberg e Sustainalytics, nonché i propri. Pimco ha assunto analisti quantitativi e dati dedicati a ESG che si concentrano sui rischi che sono rilevanti per le prestazioni di un’azienda. Ogni volta che guardano un legame, c’è una valutazione ESG.

Quando l’analista di banca Del Anderson è entrato a far parte di Pimco nel 2011, lui e altri analisti del credito hanno scritto rapporti di ricerca con una piccola sezione sui problemi ESG. Quindi Pimco ha iniziato a fare in modo che gli analisti applicassero l’approccio ESG in modo coerente. Era un prestito bancario a società energetiche o di carbone? Sul versante sociale, c’erano problemi legali legati alla condotta o alla cultura, comprese le multe per cattivi comportamenti durante la crisi finanziaria? Sul lato della governance, tutti i fattori quali la propensione al rischio, la gestione e le qualifiche del consiglio di amministrazione e la volatilità dei risultati durante il ciclo sono tutti fattori importanti.

Mather rileva anche come i social media possono amplificare i rischi: “Le persone possono scoprirlo e organizzarsi molto rapidamente, il che può cambiare rapidamente le prospettive di un particolare credito”.

“Quello che stavano facendo in ESG tre anni fa sarebbe molto diverso da adesso”, dice Brian Collins, Chief Investment Officer presso Harbor Capital Advisors, che per decenni ha utilizzato Pimco per subadvisare l’Harbor Bond (ticker: HABDX) e Harbor Real Return (HARRX) fondi.

I fondi ESG di Pimco comprendono Pimco Low Duration ESG (PLUPX) e Pimco Total Return ESG (PRFAX): questi e altri conti ESG insieme hanno solo 10 miliardi di dollari di asset. Per i restanti $ 1,7 trilioni in gestione, “i nostri investitori finali si preoccupano sempre di più, anche quando non si identificano come investitori socialmente consapevoli o ESG”, dice Mather. Pimco può carbonizzare tutti i conti e confrontarli con l’ampio mercato, in modo che gli investitori siano consapevoli di eventuali rischi legati al carbonio.

L’anno scorso, Pimco ha incontrato 147 emittenti societari per persuaderli a migliorare i loro processi ESG. Uno era Sabra Healthcare (SBRA), un fondo di investimento immobiliare che gestisce imprese di assistenza qualificata e altre strutture sanitarie colpite da pressioni sui rimborsi. Pimco ha chiesto di migliorare la governance divulgando gli inquilini che operano in ogni sede, che Pimco ha verificato rispetto ai rating di qualità dei Centers for Medicare e Medicaid Services. Sabra ha rispettato le consegne.

Pimco ha spinto le aziende a emettere obbligazioni “SDG” sulla base della teoria che rendono i rischi più trasparenti. Questi legami allineano i progetti con i progressi rispetto ai 17 obiettivi di sviluppo sostenibile di U.N., che hanno 232 indicatori specifici in modo che un investitore possa seguire i progressi.

Inizialmente, Pimco ha preso di mira 30 grandi aziende che hanno firmato il PRI, tra cui Citi, per la sua spinta verso le obbligazioni SDG. “È di fondamentale importanza che tu abbia delle misure per monitorare le metriche effettive come le emissioni di [serra] evitate”, afferma Anderson. A gennaio, Citi ha emanato un quadro formale di green bond, che valuterà i progressi dei suoi progetti rispetto agli SDG.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi