Deutsche Bank. Che cos’è questa grande banca? Perché è così importante? | CNBC International

Deutsche Bank sta subendo una delle revisioni bancarie più drammatiche che abbiamo visto dalla crisi finanziaria del 2007-2008. Quindi perché il prestatore, che una volta era pubblicizzato come la risposta dell’Europa ai titani di Wall Street, sta tagliando? Timothyna Duncan della CNBC analizza la storia della banca e le sue strategie per la ricostruzione.

Sebbene il suo nome si traduca letteralmente in Banca tedesca, la portata di Deutsche Bank può essere sentita ben oltre la più grande economia europea – in tutto il mondo. Ma ora il prestatore – che una volta sperava di affrontare i più grandi attori di Wall Street – sta tagliando, con una delle revisioni bancarie più drammatiche che abbiamo visto dopo la crisi finanziaria. Allora, cos’è Deutsche Bank? E come siamo arrivati ​​qui?

La storia di Deutsche Bank inizia a Berlino nel 1870 – prima ancora che la Germania fosse stata istituita come uno stato-nazione. Fondata da un gruppo di banchieri privati, lo scopo di Deutsche Bank era di facilitare gli scambi tra la Germania e il resto del mondo, oltre a sfidare il dominio delle banche britanniche. I primi decenni di Deutsche Bank furono segnati da una rapida espansione, contribuendo allo sviluppo dell’industria elettrica tedesca in Germania, e finanziando anche attività all’estero come la ferrovia di Baghdad. Le sue operazioni presto coprirono l’America Latina, l’Asia e l’Africa, e nel 1914 il “Frankfurter Zeitung” nominò Deutsche Bank “la più grande banca del mondo”. Tuttavia, tale affermazione segnò la fine di un’era, poiché la Prima Guerra Mondiale costrinse Deutsche Bank a concentrarsi sulla propria attività domestica, fondendosi con diverse banche regionali.

Seguì la Seconda Guerra Mondiale. Fu un periodo oscuro per la Germania – e Deutsche Bank non fece eccezione, rispettando e talvolta beneficiando delle leggi discriminatorie del tempo. Da allora Deutsche Bank ha assunto la “responsabilità morale” per le sue azioni e ha contribuito al fondo “Memoria, responsabilità e futuro” da 5,1 miliardi di dollari creato per compensare le vittime dei nazisti.

Dopo la guerra, Deutsche Bank era sull’orlo della rovina e fu temporaneamente divisa in diverse banche più piccole per circa un decennio. Quindi, attraverso la seconda metà del secolo, l’azienda iniziò a ricostruire. Durante questo periodo, la banca ha beneficiato della caduta del muro di Berlino e della deregolamentazione in Europa e negli Stati Uniti, dove è stato sostenuto il mercato libero. Verso la fine degli anni ’80, era il più grande attore dell’economia tedesca, con forti quote nella maggior parte delle più grandi società del paese. Ma Deutsche Bank voleva di più. Nomi di Wall Street come JPMorgan, Goldman Sachs e Merrill Lynch si stavano espandendo in modo aggressivo e la leadership di Deutsche Bank voleva entrare in azione.

Nel 1994, il governo tedesco scelse Goldman, non DB, come leader nella vendita di Deutsche Telekom, la più grande privatizzazione europea fino ad oggi. I rapporti dicono che questo fu un grande imbarazzo per il CEO in quel momento, e ha contribuito alla decisione di riorganizzarsi come banca di investimento globale. La società ha acquisito un certo numero di importanti banche – tra cui Morgan Grenfell nel Regno Unito, Banco de Madrid in Spagna e Bankers Trust negli USA. Deutsche Bank ha consolidato la sua posizione di attore principale a Wall Street e nel settore bancario globale nel 2001 – quando si è quotata sul Borsa Valori di New York. A metà del 2007, la banca aveva un valore di $ 81,3 miliardi e deteneva $ 2,6 trilioni di attività, permettendo a DB di rivendicare il titolo di banca più grande del mondo per attività. Ma tutto è arrivato a una brusca frenata pochi mesi dopo questo picco.

Ovviamente, quando si è verificata la crisi finanziaria globale. Il prezzo delle azioni di Deutsche Bank alla borsa di New York è salito a oltre $ 120 nel 2007. A gennaio 2009, era crollato a meno di $ 20. Da allora è ulteriormente diminuito. Deutsche Bank in realtà è stata elogiata per aver superato con successo la crisi in quel momento, ma è stata la vera repressione normativa alla sua conseguenza che è stata la vera prova. Dopo la crisi finanziaria, i regolatori hanno costretto le banche a gestire le loro attività con meno debito. Deutsche Bank doveva raccogliere oltre $ 30 miliardi di capitale azionario nei 10 anni successivi alla crisi finanziaria. Oggi la banca ne vale solo la metà.

Allo stesso tempo, la domanda per suoi prodotti si è ridotta, i profitti si sono ridotti e alcuni scandali hanno colpito. Vedete, il quasi decennio di rapida espansione di Deutsche Bank si è concentrato sulla sua divisione di investment banking. Le sue altre armi, come la sua banca commerciale e al dettaglio in Germania, non ottennero tutti i finanziamenti che necessitavano, e ne risentirono. La banca ha pagato molto più il nuovo personale rispetto alle banche rivali e ha distribuito generosi bonus.

La gestione della conformità e dei rischi ha faticato a tenere il passo con la crescita vertiginosa. Ciò potrebbe spiegare il numero di scandali – e le successive multe – che seguirono. Includono un accordo da $ 7,2 miliardi con il Dipartimento di Giustizia per presunti investitori fuorviati nell’acquisto di titoli garantiti da ipoteca che portarono alla crisi finanziaria e $ 2,5 miliardi di multe a regolatori statunitensi e britannici per aver partecipato al cosiddetto scandalo Libor, un regime per truccare i tassi di interesse. È stato anche schiaffeggiata con centinaia di milioni di dollari di sanzioni per accuse di riciclaggio di denaro russo e violazione delle sanzioni statunitensi contro l’Iran e altri paesi. La banca è stata anche sottoposta a controllo sui suoi rapporti commerciali con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. La rappresentazione più drammatica dei problemi di Deutsche Bank è probabilmente questa immagine a partire dalla fine del 2018. Gli uffici di Deutsche Bank sono stati esaminati in relazione alle indagini di due membri del personale sospettati di aiutare i clienti a riciclare denaro.

DB ha fatto di tutto per invertire la situazione. Ha avuto cinque amministratori delegati dalla fine della crisi finanziaria. Christian Sewing, un “lifer” della Deutsche Bank che ha assunto la guida nel 2018, è l’ultimo incaricato di riportare la banca in pista. L’amministratore delegato tedesco ha annunciato la “trasformazione più fondamentale di Deutsche Bank negli ultimi decenni”. La trasformazione include una drastica riduzione e riorganizzazione della sua banca d’investimento e l’uscita completa dalla sua attività azionaria globale. Di conseguenza, Deutsche Bank perderà un quinto della sua forza lavoro entro il 2022 e ridurrà i costi adeguati di un quarto. Questo è il quinto piano strategico di Deutsche in soli sette anni, ma anche il più sorprendente.

Questo tipo di cambiamenti radicali significano la fine delle ambizioni della banca di competere con i titani bancari americani – almeno per ora. Ma l’obiettivo qui è aumentare la redditività e, si spera, restituire Deutsche Bank al prestatore stabile di una volta.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi