Le banche europee vogliono informazioni sui propri server cloud | Bloomberg

Nonostante lo scetticismo dell’Europa nei confronti dei giganti tecnologici statunitensi, gran parte delle informazioni finanziarie chiave rimane sui loro server. Ma le banche europee hanno difficoltà a progettare un sistema proprio.

************

Gli europei si lamentano del fatto che non hanno avuto un vero e proprio gigante della tecnologia globale dai tempi di Nokia Oyj. Ma, per le banche europee, il bisogno digitale più pressante non è quello di un telefono domestico che possa competere con quello di Apple Inc. o di Google. Le banche sono alla ricerca di fornitori di cloud computing con standard di sicurezza più elevati di quelli che possono trovare negli Stati Uniti.

In un recente sondaggio Bloomberg sulle principali banche europee, 22 dei 22 intervistati hanno dichiarato che i loro principali servizi cloud sono americani. I tre principali fornitori di servizi cloud statunitensi -Amazon, Microsoft e Google- sono al top, anche se, a differenza del mercato più ampio, Microsoft Corp. batte Amazon.com Inc. per il n. 1. A completare l’elenco sono IBM, Salesforce.com e NetApp. Mentre alcuni finanziatori dicono di lavorare anche con le aziende europee del cloud, di solito è in un ruolo secondario. I server delle aziende statunitensi supportano i sofisticati numeri di calcolo per compiti come la gestione del rischio e ospitano sempre più spesso dati sensibili come le informazioni personali dei mutuatari.

Le banche non ne sono contente. La virtù dei server cloud off-site è che la loro scala permette generalmente alle aziende di memorizzare e calcolare i dati per meno di quanto spenderebbero per i propri, e i prezzi per unità di memorizzazione tendono a diminuire notevolmente con il passare degli anni. Le istituzioni europee stanno già perdendo le guerre di investment banking con Wall Street e non possono permettersi di cedere i vantaggi competitivi. Ma alcuni banchieri dicono di preoccuparsi dei dati dei clienti nelle mani di società straniere. La tecnologia statunitense non gode della reputazione di affidabilità che aveva anche qualche anno fa, quando i regolatori europei furono tra i primi a sfidare gli standard del settore per quanto riguarda la privacy e la concorrenza.

Ora, funzionari governativi tedeschi e francesi sono in trattative con i leader delle telecomunicazioni, della tecnologia e della finanza per creare un servizio cloud continentale competitivo gestito da aziende tecnologiche locali. Allo stesso tempo, le banche, tra cui la tedesca Commerzbank AG, stanno cercando di collaborare per presentare richieste congiunte di cloud computing ai fornitori statunitensi, nel tentativo di aumentare la poca leva finanziaria di cui dispongono. “L’Europa sta cercando di garantire la sovranità tecnologica e di ridurre la sua dipendenza perché teme che in qualche modo, all’improvviso, le tecnologie da cui dipendiamo possano essere spente”, afferma Eline Chivot, analista con sede a Bruxelles presso il Center for Data Innovation, un think tank statunitense.

Le probabilità delle banche non sono grandi. I precedenti tentativi di costruire alternative europee alle tecnologie statunitensi sono falliti, e a questo punto i costi iniziali sarebbero immensi. Microsoft dice di spendere più di un miliardo di dollari all’anno solo per la sicurezza della sua rete globale di cloud, mentre le banche europee stanno lottando con il calo delle entrate e dei profitti. “Nel 2020, svegliarsi e dire che vogliamo costruire un cloud europeo, direi che potrebbe essere troppo tardi”, dice Bernard Gavgani, chief information officer del gruppo bancario francese BNP Paribas SA.

Big Tech è anche più esperta di quanto non lo fosse in passato in materia di lobbying regolatori, lavorando attivamente per incantare i cani da guardia del mercato che ha ignorato cinque anni fa, dicono tre regolatori che hanno parlato in condizioni di anonimato perché non erano autorizzati a discutere la questione. Patrice Amann, leader del team di cloud computing di Microsoft che si occupa di servizi finanziari in Europa, Medio Oriente e Africa, afferma che l’aumento degli sforzi di sensibilizzazione rappresenta un interesse per un dialogo costruttivo. “E’ davvero necessario capire quale sia la preoccupazione, come questa preoccupazione stia progredendo e cosa dobbiamo fare come azienda per rispettare completamente le regole”, dice Amann.

Non c’è alcun obbligo legale per le banche di mantenere i dati nell’Unione Europea, ma le autorità di regolamentazione del blocco li hanno spinti in questa direzione. Diverse società di cloud offrono ai finanziatori l’uso di server con sede in Europa o nel loro paese d’origine in particolare. “Devono valutare il rischio di avere i dati in un luogo che applica standard di sicurezza e protezione dei dati diversi”, dice Slavka Eley, responsabile dei mercati bancari, dell’innovazione e dei prodotti presso l’Autorità bancaria europea. “Se il rischio è troppo elevato, non dovrebbero accettare tali luoghi”.

DNB ASA ha scelto Amazon e Microsoft soprattutto perché il cane da guardia del paese norvegese ha approvato le politiche di audit dell’azienda per la sicurezza della rete cloud e perché “hanno diversi centri dati in Europa e nei paesi nordici”, afferma Alf Otterstad, responsabile della tecnologia e dei servizi della banca. Tuttavia, in base al Cloud Act del Presidente Trump, ai fornitori di storage statunitensi può essere ordinato di fornire alle autorità statunitensi informazioni conservate sui loro server, indipendentemente dalla posizione fisica dei dati.

Le aziende statunitensi dicono che difenderanno la privacy dei clienti. Andreas Wodtke, un vicepresidente per i servizi finanziari di IBM Corp. che vende servizi cloud alle banche in Austria, Germania e Svizzera, afferma che la società statunitense si opporrà alle richieste di dati da parte delle agenzie statali, a meno che non vengano effettuate attraverso canali riconosciuti a livello internazionale, come i trattati di assistenza legale reciproca.

Entro la fine del 2020, la coalizione europea che sta lavorando per sviluppare una rete locale di cloud computing funzionante spera di completare il suo primo test di proof-of-concept. Per ora, tuttavia, le banche del continente rimangono inequivocabilmente dipendenti da Seattle e dalla Silicon Valley. “Si feriscono i tedeschi con le tariffe delle auto o i francesi tassando il vino rosso”, dice Heiko Gewald, professore di gestione dell’informazione all’Università di Scienze Applicate di Neu-Ulm nel sud della Germania. “Ma se si vuole colpire l’Europa nel suo complesso, allora il cloud è la strada da percorrere”.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi