Certificati. Il 2017 è partito bene secondo Unicredit

Certificati. Il 2017 è partito bene secondo Unicredit

Intervista a Christophe Grosset, investment certificate specialist di UniCredit sui trend del mercato dei certificati ad inizio anno.

A margine del PF Expo, siamo con Christophe Grosset. Come sta andando il mercato all’inizio del 2017 per il settore dei certificati

In modo molto attivo. Moltyo interesse sui prodotti che offrono coupon. Abbiamo approfittato di questo interesse per offrire nuovi prodotti. Già alla fine del 2016 siamo usciti con dei nuovi cash collect. Questi hanno pagato il primo coupon il 26 di gennaio. Continueranno a farlo a febbraio e merzo. Poi subentrerà il discrezionale, comunque molto ampio. Infatti, questo prevede di continuare a pagare coupon a meno che il mercato non crolli di oltre il 30%.

Quindi inizio d’anno buono. Sono entrati in quotazione anche dei bonus certificates che consentono di puntare a rendimenti importanti. Anche questi con protezione del 30%. Interesse in particolar modo da chi investe.

I certificati si integrano molto bene con la resilienza, perché tolgono il fattore di incertezza delle variazioni, anche istantanee, dei mercati. Molto interesse, di recente, ai certificati legati ad Intesa SanPaolo. Quando si vedono titoli correre, o correggere, il certificato può essere concepito come una valida alternativa.

Durante il webinar abbiamo parlato di una ricerca di Accepi. Cosa è emerso?

Questa nuova ricerca, disponibile anche sul sito dell’associazione, illustra quanto e come un certificato reagisce in vari contesti di mercato. I contesti sono di rialzo, ribasso e stabilità. In casi di forte, forte ribasso il certificato attenua un po’ quanto accade, comunque perde. In fase di lateralità, batte invece grandemente il mercato. In fase di rialzo, segue di base ciò che succede al mercato.

Questo studio rafforza la qualità dello strumento, e rappresenta un’opportinità per chi voglia far diversificare i suoi clienti. Ovviamente, anche per chi voglia utilizzarlo personalmente.

 

Altri post che potrebbero interessarti