Spread. Che cos’è veramente? Perché è così importante? | Te lo spiego

Pochi giri di parole, tanto si sa che questo argomento interessa come pochi altri. Lo spread, questo (mis)conosciuto che influenza sempre (forse troppo, anche se a ragione) le nostre vite.

Che cos’è lo spread? Il termine spread è una parola inglese che significa letteralmente “allargamento”, e sebbene venga ormai usata solo per evocare il terrore, in realtà si riferisce semplicemente ad un numero. Questo dato viene usato in ambito finanziario per misurare la differenza di rendimento tra un’obbligazione ed un’altra presa come riferimento. Un’ obbligazione, o bond in inglese, è un titolo di debito, cioè una promessa ufficiale di restituzione di un prestito, più qualcosa per il disturbo.

Un esempio di obbligazione di questo tipo sono i titoli di stato come i btp, ovvero i buoni del tesoro poliennali, che lo stato italiano emette quando ha bisogno di soldi. Quando l’Italia ha bisogno di denaro, infatti, invece di andare in banca a chiedere un prestito come faremmo noi, emettete i titoli di debito come i btp, che vende poi agli investitori promettendo loro in cambio un interesse annuo. Perciò, quando compriamo dei btp, stiamo letteralmente prestando denaro allo stato italiano.

Le obbligazioni, ed in particolare i titoli di stato come i btp, prima della loro scadenza possono essere scambiati liberamente sul cosiddetto mercato secondario, dove gli operatori finanziari, soprattutto banche e fondi d’investimento, ma anche semplici cittadini, possono vendere o acquistare titoli a prezzi di mercato, appunto. Quindi, come succederebbe per qualunque altro prodotto, il prezzo di un titolo verrà determinato dall’incontro fra domanda e offerta. Il prezzo a cui questi titoli vengono acquistati sul mercato secondario, e gli interessi che guadagnerà chi li compra, determinano il rendimento di cui parlavamo all’inizio del video, e di solito più il rendimento è alto più il titolo di stato è rischioso per chi lo compra. Un titolo di stato è ritenuto rischioso dal mercato quando gli investitori nutrono dei dubbi sulla capacità della nazione che lo ha emesso di ripagare il proprio debito. Se la fiducia dei mercati verso l’economia di una nazione è bassa, il rendimento dei titoli di stato che emette dovrà essere alto; solo così gli investitori potranno decidere di prendersi il rischio di acquistarli. Perciò la nazione che non gode della fiducia dei mercati sarà costretta ad aumentare il rendimento dei propri titoli di stato, alzando la percentuale di interessi che pagherà chi li compra, se vuole sperare di venderli. Questo significa che per quello stato diventerà sempre più costoso indebitarsi, e che essendo costretto a pagare interessi più alti, aumenterà anche il suo debito pubblico complessivo, il che non è generalmente considerata una bella cosa.

Perciò, sintetizzando, potremmo dire che lo spread è generalmente inteso come il risultato del confronto fra un titolo di stato considerato rischioso ed un altro considerato affidabile. In italia il termine spread è diventato di dominio pubblico sin da quando nel 2011 la differenza fra il rendimento pagato dai btp e quello pagato dai titoli di stato tedeschi, i bund, ha raggiunto livelli record. Questo avvenne perché gli investitori, all’epoca, cominciarono a vendere in massa titoli italiani considerati più rischiosi per acquistare titoli tedeschi tradizionalmente considerati molto sicuri. Fu così che i rendimenti sui titoli di stato italiani aumentarono, mentre quelli tedeschi diminuirono, causando di conseguenza un aumento della differenza di rendimento fra di essi, lo spread appunto. Il motivo di quel impennata dello spread fu il timore da parte degli investitori che il governo italiano potesse non essere più in grado di ripagare il proprio debito, e che quindi essi potessero perdere i loro soldi. Questo stesso timore è il motivo per cui negli ultimi mesi lo spread è tornato a salire, e si è quindi tornati a parlarne su tutti i media.

Il timore che hanno oggi gli investitori è che il nuovo governo e le nuove forze politiche al potere in italia possano decidere di uscire dall’euro, e che questa decisione possa scatenare in Italia una pesante crisi finanziaria, mettendo nuovamente a rischio i loro soldi. Non si può dire con certezza se questo sia un timore fondato; quello che è certo è che oggigiorno lo spread un dato fortemente condizionato dai mercati. Può influenzare moltissimo le decisioni dei governi, e di conseguenza la vita delle persone, e forse sarebbe necessaria una profonda riflessione da parte della nostra società sul fatto che i mercati finanziari abbiano un così grande potere sulle nostre vite.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi