Metodi semplici ed efficaci per ridurre il rischio di un portafoglio | Morningstar, Inc.

Cos’è il derisking di un portafoglio, chi dovrebbe farlo e perché? E’ uno strumento finanziario efficace, soprattutto di questi tempi? Salve, sono Susan Dziubinski di Morningstar.com. Il mercato ha preso una svolta volatile di recente con giorni di forte crescita punteggiati da periodiche oscillazioni verso il basso. Si è unita a me per discutere alcuni semplici modi per il derisking del vostro portafoglio Christine Benz. È il direttore della finanza personale di Morningstar. Christine, grazie per essere qui oggi. Susan, è bello essere qui.

Ora, parliamo della riduzione del rischio ad un livello molto semplice. Che cosa significa, e perché lo fareste?

Beh, l’idea di base è che si sta andando a guardare il tuo portafoglio, dove si trova oggi, e vedere se non si sta, infatti, corteggiando troppo rischio rispetto a dove ti trovi nella tua fase della vita. Quindi, in genere, il modo più grande in cui corteggiamo il rischio nei nostri portafogli è quello di avere troppa esposizione azionaria, data la nostra vicinanza alla necessità di attingere a quel portafoglio. Avere un portafoglio ad altissimo rischio e pesantemente azionario ha molto senso per gli investitori più giovani, ma se ci si avvicina al riscatto, probabilmente si vorrebbe iniziare a togliere qualcosa dalle azioni.

Pensi che la maggior parte delle persone in questi giorni dovrebbe ridimensionare la loro esposizione azionaria?

E’ davvero tornare alla fase di vita. Quindi, direi per le persone di 20, 30, 40, 40, forse anche giovani sui primi 50 anni, che pensano ancora di avere altri 15-20 anni di lavoro, probabilmente non è un motivo per entrare e aggeggiarci troppo. Potrebbero volersi concentrare un po’ sulla loro esposizione intra-asset-class, quindi magari indirizzare un po’ di soldi all’estero e lontano dagli Stati Uniti. D’altra parte, le persone che si avvicinano alla pensione o le persone che sono già in modalità di riscatto nei loro portafogli, questi sono quelli che penso che dovrebbero dare un’occhiata al derisking. Se non l’hanno fatto, se sono stati non a contatto con i loro portafogli, hanno goduto di bei guadagni azionari, ma i loro portafogli potrebbero corteggiare un po’ più rischio di quanto sarebbe l’ideale.

E fare cambiamenti, o scherzarci, ha spesso conseguenze fiscali, giusto?

Lo fa. Quindi, se si stanno apportando modifiche entro i confini dei vostri conti protetti dalle tasse, le IRA, i piani pensionistici aziendali, è possibile apportare modifiche al contenuto che vi sta più a cuore, e non dovete preoccuparvi di innescare conseguenze fiscali fintanto che questi beni rimangono entro i confini di quei conti. Ma una volta che si tocca la contabilità imponibile, e in particolare se si stanno rimuovendo i titoli apprezzati, beh, ci potrebbero essere plusvalenze. Quindi, in generale, se avete bisogno di apportare modifiche, se avete bisogno di derischiare, concentratevi su quei conti protetti dalle tasse, in primo luogo e soprattutto.

Ora, diciamo, ho guardato il mio portafoglio, e dico: “OK, sì, questo è un po’ troppo aggressivo, questo è un po’ troppo rischioso per dove mi trovo nella mia fase della vita”. Parliamo di alcuni semplici modi in cui posso derischiare un po’. Uno è quello di dirigere nuovi soldi verso posizioni sottoponderate nel mio portafoglio.

Esatto. Quindi, se si stanno facendo contributi in corso, si potrebbe dire, beh, mi limiterò a inviare il nuovo denaro ai titoli più sicuri. Forse sono obbligazioni sottoponderate. Quindi, ho intenzione di disattivare i miei contributi alle azioni e inviarli tutti in obbligazioni e contanti, in futuro. Questa può essere una buona strategia, anche se può essere difficile spostare l’ago se i vostri nuovi contributi sono piccoli come percentuale del vostro portafoglio totale. Ma un altro fiore all’occhiello di questa strategia è che se si parla di conti imponibili, beh, c’è un buon modo efficiente dal punto di vista fiscale per cercare di far muovere il tuo conto imponibile nella giusta direzione – che è, indirizzando i nuovi contributi ai titoli più sicuri, non si innescherà nessun tipo di evento imponibile come farebbe la vendita.

Ora, che ne dici di guardare le nostre esposizioni nella classe di investimento? Non si tratta sempre di dirigere nuovo denaro o di apportare modifiche a livello di classe di attività; può essere di dover operare all’interno delle classi di attività, giusto?

Esatto. Quindi, oltre alla riduzione del rischio a livello di classe di attività, si può considerare la complessità delle vostre partecipazioni azionarie e delle vostre partecipazioni obbligazionarie. Così, per esempio, se vi siete lasciati andare, forse avete ottenuto un po’ più di quanto sarebbe l’ideale nei quadrati di grande crescita, media e piccola crescita della scatola di stile che usiamo a Morningstar. Si potrebbe avere un po’ di scommessa in corso su quelle aree aggressive. Si può prendere in considerazione il ripristino dell’equilibrio e l’invio di alcuni soldi per il lato value della casella di stile, che non ha funzionato abbastanza, finora. Si potrebbero anche guardare i fondi che tendono a fare un buon lavoro di difesa all’interno delle loro categorie. Così, vorrei richiamare alcune delle strategie di crescita dei dividendi di cui abbiamo parlato molto nella nostra squadra sulla scia della riapertura di Vanguard Dividend Growth. Si tratta di strategie che hanno storicamente superato le altre azioni in mercati deboli. Quindi, si può pensare di apportare alcune modifiche ai margini del proprio portafoglio per cercare di ridurre il rischio in questo modo.

Un’altra strategia potrebbe essere quella di semplificare e concentrarsi su un fondo a scadenza prefissata o un fondo bilanciato o di allocazione delle attività, nel tentativo di ridurre i rischi?

Giusto. Questo può essere un modo per ottenere un controllo della temperatura su come si presenta un’adeguata asset allocation per qualcuno nella vostra fase della vita. Ora, le allocazioni con data obiettivo non sono adatte a tutti. Ma possono essere davvero belle partecipazioni da non toccare per gli investitori che non si sentono a proprio agio nel mantenere l’esposizione al rischio nei loro portafogli su base continuativa. Possono anche essere una scelta davvero piacevole per piccole porzioni del vostro portafoglio. Così, per esempio, forse la maggior parte dei vostri asset sono nel vostro piano pensionistico aziendale. Ma avete questo piccolo IRA qui, e siete stati capaci di mantenere separate posizioni azionarie e obbligazionarie. Beh, c’è davvero un buon uso per un fondo a data per semplificare quella parte del vostro portafoglio. Quindi, non è necessario mettere l’intero portafoglio in un fondo “target-date” o in un fondo tutto in uno. Ma è un bel modo per entrare nel giusto equilibrio in termini di allocazione degli attivi e garantire che queste esposizioni al rischio siano tenute sotto controllo su base continuativa, perché il gestore sta facendo questo lavoro per voi.

Giusto. Ora, un’altra tecnica che fa qualcosa di simile in un piano 401(k) sono queste caratteristiche di riequilibrio automatico, di cui stiamo vedendo sempre più nei piani?

Esatto. Li stiamo vedendo di più, ma non sono in ogni piano 401(k). Ma l’idea di base è che stai delegando la responsabilità di mantenere le tue esposizioni al rischio, sotto controllo, al tuo responsabile del piano. Quindi, bisogna leggere le clausole in piccolo su come stanno facendo il riequilibrio. Ma è un bel modo per essere sicuri che le esposizioni azionarie nel vostro portafoglio non si allontanano da voi – che stanno periodicamente razionalizzando il rischio azionario e stanno anche facendo un po’ di quel posizionamento intra-asset-class.

E l’ultima strategia a cui si dice che dovremmo pensare – nei nostri conti imponibili – non è necessariamente reinvestire i nostri dividendi e le nostre plusvalenze, ma forse prenderle e riallocarle altrove per ristabilire un certo equilibrio nei nostri portafogli.

Esatto. E questa è stato la cosa più importante per me ultimamente, Susan, dato che i fondi probabilmente faranno di nuovo grandi distribuzioni di plusvalenze verso la fine dell’anno. Questo è un buon modo, se hai guardato il tuo portafoglio e hai detto: “Le mie allocazioni di attività sono un po’ fuori gioco, e questa partecipazione che è in sovrappeso sta probabilmente andando a fare una distribuzione in ogni caso; potrei anche reindirizzare quella distribuzione ad una partecipazione che vorrei rabboccare, piuttosto che inviarlo a questo che può essere sul lato troppo esposto, per cominciare”. Quindi, questa è una strategia che penso sia poco discussa. Ma penso che sia un modo in cui gli investitori possono rimpolpare alcune delle loro posizioni sottoponderate, spogliandosi di cose che preferirebbero non aggiungere in questo momento. Tra l’altro, mi aspetterei di vedere un altro anno di forti distribuzioni provenienti da altri fondi comuni di investimento che favoriscono la crescita. Si sono comportati molto bene. Ma continuiamo a vedere i rimborsi da parte di alcuni dei fondi attivi, a grande capitalizzazione in particolare. Quindi, questa potrebbe essere un’area in cui, se si possiede un fondo di questo tipo, si può prendere in considerazione il riorientamento di queste distribuzioni di plusvalenze in qualche altra partecipazione.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi