John C. Bogle: Uno sguardo alla vita del fondatore di Vanguard

John C. “Jack” Bogle era conosciuto in tutto il mondo come un campione per l’investitore individuale. Si è guadagnato quella reputazione attraverso le sue azioni quotidiane, ma i risultati chiave spiccano. Bogle ha introdotto il primo fondo comune di investimento indicizzato per i singoli investitori e ha sostenuto il concetto fino a quando non è stato ampiamente accettato. Ha abbassato i costi in tutto il settore dei fondi comuni d’investimento, facendo incessantemente campagna nell’interesse degli investitori. E ha guidato Vanguard, la società che ha fondato per incarnare la sua filosofia, per più di 2 decenni.

John C. Bogle aveva uno status quasi leggendario nella comunità degli investimenti, in gran parte a causa di due importanti risultati:

  • Ha introdotto il primo fondo comune di investimento indicizzato per gli investitori individuali e, di fronte agli scettici, ha sostenuto il concetto fino a quando non è stato ampiamente accettato.
  • Ha abbassato i costi in tutto il settore dei fondi comuni d’investimento, facendo incessantemente campagna nell’interesse degli investitori. Vanguard, la società da lui fondata per incarnare la sua filosofia, è oggi una delle più grandi società di gestione degli investimenti nel mondo.

“Jack Bogle ha avuto un impatto non solo sull’intero settore degli investimenti, ma, cosa più importante, sulla vita di innumerevoli individui che risparmiano per il loro futuro o per il futuro dei loro figli”, ha detto il CEO di Vanguard Tim Buckley. “Era un visionario estremamente intelligente, motivato e di talento, le cui idee hanno cambiato completamente il modo in cui investiamo”. “Siamo onorati di continuare la sua eredità di dare ad ogni investitore “una bella scossa””.

L’esperimento Vanguard

Sotto la guida di Bogle, Vanguard iniziò le operazioni il 1° maggio 1975. Egli chiamò la nuova impresa “The Vanguard Experiment”, dove i fondi comuni di investimento sarebbero stati gestiti al costo migliore possibile e in modo indipendente. Vanguard rappresentava quindi un cambiamento radicale rispetto alla tradizionale struttura di fondi comuni di investimento, in cui una società di gestione esterna gestisce un fondo a scopo di lucro. “La nostra sfida dell’epoca”, ricorda Bogle un decennio dopo, “era quella di costruire….. un nuovo e migliore modo di gestire un complesso di fondi comuni d’investimento. L’Esperimento Vanguard è stato progettato per dimostrare che i fondi comuni d’investimento potevano operare in modo indipendente, con benefici diretti per i loro azionisti”. Appassionato di storia navale, Bogle chiamò l’azienda in onore dell’ammiraglio Horatio Nelson alla battaglia del Nilo nel 1798; pensava che il nome “Vanguard” risuonasse con i temi della leadership e del progresso. Il tema nautico è ancora visibile nel logo di Vanguard e nelle comunicazioni agli azionisti.

Padre dell’indicizzazione

Nel 1976, Vanguard ha introdotto il primo fondo comune di investimento indicizzato per investitori individuali. Ridicolizzato da altri operatori del settore come “antiamericano” e “una strada sicura verso la mediocrità”, il fondo, First Index Investment Trust, ha raccolto solo 11 milioni di dollari durante la sua sottoscrizione iniziale. Ora conosciuto come Vanguard 500 Index Fund, è cresciuto fino a diventare uno dei più grandi del settore, con oltre 400 miliardi di dollari di attività. Oggi, i fondi indicizzati rappresentano oltre il 70% dei 5.1 trilioni di dollari di Vanguard in attività in gestione; sono offerti anche da molte altre società di fondi e costituiscono la maggior parte dei fondi indicizzati (ETF). Per il suo pionieristico concetto di indice per i singoli investitori, Bogle è spesso chiamato il “padre dell’indicizzazione”.

Difendere il singolo investitore

Bogle e Vanguard hanno rotto di nuovo dalla tradizione industriale nel 1977, quando Vanguard ha cessato di commercializzare i suoi fondi attraverso i broker e li ha invece offerti direttamente agli investitori. La società ha eliminato gli oneri di vendita e si è trasformata in un complesso di fondi comuni di investimento senza ricarico, una mossa che avrebbe fatto risparmiare agli azionisti centinaia di milioni di dollari in commissioni di vendita. Un campione dell’investitore individuale, il signor Bogle ha il merito di aver contribuito ad aumentare la divulgazione al pubblico dei costi e delle prestazioni dei fondi comuni d’investimento. Il suo impegno per la salvaguardia degli interessi degli investitori lo ha spesso spinto a pronunciarsi contro pratiche comuni tra i suoi colleghi di altre organizzazioni di fondi comuni d’investimento. “Siamo più di un semplice settore”, ha insistito in un discorso del 1987 davanti alla National Investment Company Services Association. “Dobbiamo attenerci a standard più elevati, standard di fiducia e doveri fiduciari. Dobbiamo cambiare: le nostre comunicazioni, la nostra struttura dei prezzi, i nostri prodotti e le nostre tecniche promozionali”.

Inizio carriera

Il nativo del New Jersey ha iniziato la sua carriera nel 1951 dopo essersi laureato con lode in economia presso la Princeton University. La sua tesi di laurea sui fondi comuni di investimento aveva attirato l’attenzione del collega di Princeton Walter L. Morgan, che nel 1929 aveva fondato il Wellington Fund, il più antico fondo bilanciato della nazione, ed era uno dei decani del settore dei fondi comuni di investimento. Morgan assunse l’ambizioso 22enne per la sua società di gestione degli investimenti con sede a Philadelphia, la Wellington Management Company. Il signor Bogle si è fatto strada tra le fila della società e, nel 1967, è stato nominato presidente. Bogle divenne la forza motrice della crescita di Wellington nella famiglia di fondi comuni d’investimento dopo aver convinto Morgan ad avviare un fondo azionario che avrebbe completato il Wellington Fund. Il fondo Windsor Fund ha debuttato nel 1958. Nel 1967, Wellington Management Company si è fusa con la società di investimento di Boston Thorndike, Doran, Paine & Lewis (TDPL). Sette anni dopo, una disputa di gestione con i mandanti di TDPL portò Bogle a formare Vanguard nel settembre 1974 per gestire le funzioni amministrative dei fondi di Wellington, mentre TDPL/Wellington Management avrebbe mantenuto le funzioni di gestione e distribuzione degli investimenti.

Oltre Vanguard

Problemi di salute hanno costretto Bogle a dimettersi come amministratore delegato di Vanguard nel 1996. Lo stesso anno, ha subito un trapianto di cuore. Un autodescrittosi “combattente per natura”, il signor Bogle si è sottoposto all’intervento chirurgico senza alcun timore. Tornò a lavorare come presidente senior fino al 1999, quando compì 70 anni, l’età massima per un membro del consiglio di amministrazione di Vanguard. Bogle non si è mai ritirato; è diventato presidente del Bogle Financial Markets Research Center per continuare il suo lavoro per conto degli investitori. Ha anche continuato a scrivere e a parlare del settore.

Premi e riconoscimenti

Nel 2004, la rivista Time ha nominato Bogle una delle “100 persone più potenti e influenti del mondo”, e la rivista Institutional Investor gli ha assegnato il Lifetime Achievement Award. Nel 2010, la rivista Forbes lo ha descritto come la persona che “ha fatto più bene per gli investitori di qualsiasi altro finanziere del secolo scorso”. Nel 1999 la rivista Fortune lo ha nominato uno dei quattro “Giganti del XX secolo” del settore degli investimenti. Nel gennaio 2012, alcuni dei più rispettati leader finanziari della nazione hanno celebrato la sua carriera al John C. Bogle Legacy Forum. Bogle ha fatto parte di diversi consigli di amministrazione del settore degli investimenti: presidente del consiglio di amministrazione dell’Investment Company Institute (1969-1970) e presidente del NASD (ora FINRA) Investment Companies Committee (1972-1974). Nel 1997, è stato nominato dall’allora presidente della SEC, Arthur Levitt, per far parte dell’Independence Standards Board. Bogle era molto ricercato nella comunità aziendale, e ha servito come direttore per diverse società. Ha ricevuto lauree honoris causa da 14 università, tra cui la sua alma mater, Princeton.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi