Le questioni da risolvere al vertice sul clima della COP26 | FT

Il corrispondente del FT per l’ambiente, Leslie Hook, delinea gli ostacoli che potrebbero portare al successo o al disastro della conferenza sul clima di Glasgow, compresi gli obiettivi di emissione, l’eliminazione graduale del carbone e i finanziamenti per il clima.

***************

La conferenza COP26 a Glasgow questo novembre sarà il più importante summit sul clima degli ultimi anni. Ma cos’è in realtà una COP? E perché questo è così importante? Ecco cosa devi sapere.

COP sta per Conferenza delle Parti. È un’opportunità per i negoziatori di quasi 200 paesi di riunirsi, rivedere i loro progressi sul cambiamento climatico e decidere il modo migliore per andare avanti. L’obiettivo finale è quello di emergere, alla fine delle due settimane di conferenza, con un testo o una serie di testi che delineano cosa succede dopo. Ma non è sempre andata così.

Signor Presidente, il nostro futuro non è in vendita.

Aspettate, aspettate, aspettate.

…chiedere all’Africa di firmare un patto di suicidio.

Questi summit hanno luogo dal 1995. E mentre sono diventati più grandi nel corso degli anni, con le ONG del clima, i governi e gli attivisti usano il COP come una piattaforma per le campagne e l’attenzione dei media. Nel frattempo, i negoziatori del governo spesso lavorano tutta la notte e negli straordinari, lottando per raggiungere il consenso.

Probabilmente la più grande storia di successo è arrivata nel 2015, quando i membri della COP hanno concordato l’accordo sul clima di Parigi. Questo mira a limitare il riscaldamento globale a ben meno di 2 gradi centigradi rispetto ai livelli preindustriali, e idealmente a 1,5 gradi. Ma, per raggiungere questo obiettivo, i paesi dovranno fissare nuovi impegni sul clima prima della COP di quest’anno, e mettere realmente in atto l’Accordo di Parigi.

Per anni gli scienziati hanno detto che la migliore arma contro l’aumento delle temperature è tagliare le emissioni di gas serra. E lavorare per una riduzione legalmente vincolante delle emissioni è stata una priorità degli incontri COP dalla metà degli anni ’90.

Siamo d’accordo sul nostro obiettivo comune, tagliare le emissioni globali del 45% entro il 2030 dai livelli del 2010, e raggiungere emissioni nette zero entro il 2050.

Ma gli attuali impegni sul clima non sono affatto vicini al raggiungimento di questo obiettivo. Infatti, si stanno muovendo nella direzione opposta. Un recente rapporto delle Nazioni Unite ha stimato che entro il 2030 le emissioni di gas serra saranno probabilmente più alte del 16% rispetto al 2010. Questo mette il mondo sulla buona strada per quasi 3 gradi di riscaldamento globale entro la fine del secolo. Questo cambierebbe drammaticamente le condizioni climatiche del pianeta, rendendo gli eventi meteorologici estremi più comuni, e potenzialmente spingendo la Terra oltre i punti critici che accelererebbero ulteriormente il riscaldamento.

Se continuiamo sulla strada attuale, affronteremo il collasso di tutto ciò che ci dà sicurezza.

Per evitare questo scenario e mantenere 1,5 gradi di riscaldamento a portata di mano, coloro che hanno firmato l’accordo di Parigi dovrebbero aggiornare e rafforzare i loro obiettivi di emissione, o contributi nazionali determinati in un po’ di gergo della COP, ogni cinque anni. E questa COP è la prima scadenza ufficiale per i paesi per farlo dopo Parigi.

Il carbone è la forma di energia più inquinante. Rappresenta circa il 45% delle emissioni di CO2 legate all’energia. E alla COP26, ha sicuramente un obiettivo sulla schiena.

Se siamo seri riguardo a 1,5 gradi, Glasgow deve essere la COP che consegna il carbone alla storia.

Recentemente, la Cina e i paesi del G7 hanno tutti concordato di smettere di finanziare le centrali a carbone all’estero. Ma l’uso domestico del carbone continua. Secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia, il livello di produzione di carbone previsto per il 2050 è circa quattro volte il limite necessario per raggiungere le emissioni nette zero entro la metà del secolo. E prima che tutti siano disposti ad abbandonare completamente il carbone, un’altra questione deve essere risolta prima, il denaro.

Decarbonizzare l’economia mondiale entro la metà di questo secolo costerà trilioni di dollari. E la questione di chi dovrebbe pagare per questo è stato un grande punto critico nei colloqui sul clima, anche prima dell’accordo di Parigi.

I maggiori emettitori dei paesi industriali devono assumersi la maggiore responsabilità per il passato e la maggiore responsabilità per il futuro.

Nel 2009 i paesi ricchi hanno promesso di contribuire con 100 miliardi di dollari all’anno entro il 2020 per aiutare i paesi in via di sviluppo a tagliare le loro emissioni e a gestire l’impatto dell’innalzamento dei mari, del fallimento dei raccolti e di altri disastri legati al clima. Ma, secondo gli ultimi dati dell’OCSE, le nazioni ricche hanno fornito meno di 80 miliardi di dollari di finanziamenti per il clima nel 2019. E anche se i paesi in via di sviluppo dicono di aver bisogno del denaro se vogliono raggiungere i loro obiettivi climatici, l’obiettivo di 100 miliardi di dollari potrebbe non essere raggiunto prima che Glasgow si metta in moto.

Tutti gli strumenti necessari per frenare l’aumento della temperatura globale sono sul tavolo della COP26, dalla graduale eliminazione del carbone, all’incontro dei finanziamenti per il clima, alla definizione di nuovi obiettivi per le emissioni. Infatti, più paesi hanno obiettivi di emissioni nette zero ora che mai, coprendo quasi due terzi dell’economia globale. Ma questi obiettivi devono essere sostenuti da politiche se vogliono trasformarsi in azioni. Ecco perché la posta in gioco è così alta al COP26 e perché tutti gli occhi saranno puntati su Glasgow questo novembre.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi