Finanza. Chi paga il costo dei reati finanziari? | Thomson Reuters

Che Sidanius, Global Head of Financial Regulatory & Industry Affairs, parla del nuovo rapporto di indagine di Thomson ReutersIl crimine finanziario è sfaccettato, multinazionale e molto spesso invisibile. Si rileva il reale impatto sul mondo della finanza, degli affari, delle persone e della società nel nuovo rapporto 2018.

Quasi la metà delle grandi organizzazioni globali sono state vittime di frodi, furti, riciclaggio di denaro o altri reati finanziari, secondo uno dei sondaggi più completi di business internazionale fino ad oggi. Thomson Reuters ha commissionato il sondaggio ad oltre 2.300 senior business leader in grandi aziende per far luce su quanto pervasivi tali crimini siano diventati in tutto il mondo.

Il vero impatto su imprese, società e persone

Il vero costo del crimine finanziario va ben oltre la pura economia. Le importanti conseguenze sociali e umanitarie hanno un impatto quotidiano sulla vita di milioni di individui in tutto il mondo. Ciò comporta gravi costi economici e sociali in termini di mancate entrate per gli emittenti nazionali. Queste entrate potrebbero essere investite nello sviluppo sociale e in termini di impatto sulle vite individuali.

Gli intervistati hanno rivelato che il 3,1% del fatturato annuale viene speso per combattere il crimine finanziario; tuttavia il 41% dei reati finanziari noti non è segnalato alle autorità esterne. Quali cambiamenti devono essere apportati per migliorare questa situazione? In che modo il governo, la società e le imprese possono aiutare a guidare il cambiamento?

  • Il 94% delle aziende intervistate supporta maggiori iniziative più volte a contrastare il crimine finanziario;
  • Il 47% degli intervistati è stato vittima di reati finanziari negli ultimi 12 mesi;
  • $ 1,45 miliardi è la perdita aggregata stimata del giro d’affari dal crimine finanziario;

Si è costruito un quadro veramente olistico di corruzione, riciclaggio di denaro sporco, frodi, furti, crimine informatico e lavoro forzato/traffico di esseri umani.

Perché il crimine finanziario prospera

Le risposte nel rapporto sul crimine finanziario rivelano che una combinazione di fattori guida questi crimini contribuendo a un ambiente ottimale per farli prosperare.

Questi fattori si stanno mettendo in atto in un contesto in cui le organizzazioni sono sotto crescente pressione per aumentare i profitti in un mercato globale. Per esempio:

  • Estese reti di terze parti significano che il 9% delle organizzazioni ha gestito oltre 10.000 venditori, fornitori o partner di terze parti negli ultimi 12 mesi.
  • Monitoraggio e reporting insufficienti indicano che il 41% degli intervistati non ha mai sottoposto a screening i propri fornitori, fornitori o partner di terze parti.

I costi reali

Gli intervistati hanno dichiarato di aver speso in media il 3,1 percento del fatturato annuale (un importo aggregato di 1,28 trilioni di dollari per tutte le organizzazioni intervistate) cercando di prevenire il crimine finanziario nell’ultimo anno.

Nonostante questo, le stesse organizzazioni hanno dichiarato di aver perso una media del 3,5% del loro fatturato globale (un totale di 1,45 trilioni di dollari) come risultato di questi crimini.

I processi di conformità inefficienti e costosi sono semplicemente inadeguati quando si tratta di selezionare vaste reti internazionali di terze parti; le organizzazioni stanno chiaramente lottando per ridurre il crimine finanziario.

Un effetto a catena è che la compliance formale è diventata più costosa e più impegnativa.

Financial-crime-survey-30-05-2018

Uso di tecnologie all’avanguardia

Uno strumento chiave per sradicare con successo il crimine finanziario sono dati affidabili e completi, che possono essere utilizzati per sviluppare una visione a 360 gradi del rischio.

Molte organizzazioni hanno difficoltà ad accedere a dati affidabili; la buona notizia è che la tecnologia, compreso l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale, è oggi disponibile per aiutare i team di compliance sovraccarichi ad identificare attività potenzialmente sospette.

Questa combinazione di dati migliori e tecnologia avanzata offre alle organizzazioni una reale opportunità di “lavorare in modo più intelligente”; quindi, di eliminare inefficienze profonde quando si costruisce una visione olistica e informata dei rischi nelle loro catene di approvvigionamento globali.

Le vittime dimenticate dei crimini finanziari

Il rapporto ha anche cercato di mettere in luce le altre vittime, spesso dimenticate, del crimine finanziario.

Questi crimini, che spesso si presume influenzino solo le grandi imprese, causano danni incalcolabili in tutto il mondo. Ad esempio, 40,3 milioni di persone sono vittime della schiavitù dei giorni nostri secondo le stime globali della schiavitù moderna (ILO e Walk Free Foundation).

Inoltre, miliardi di entrate fiscali perse a causa del crimine finanziario portano a gravi conseguenze sociali. Sono disponibili meno fondi per finanziare servizi essenziali come l’istruzione.

Conclusioni

Una conclusione chiave del rapporto è che lavorare insieme è di vitale importanza per vincere la guerra contro il crimine finanziario.

Questa opinione è ampiamente supportata, con il 94% degli intervistati che supporta la condivisione di informazioni finanziarie su casi specifici e la condivisione delle migliori pratiche di compliance.

Ciò indica un chiaro apprezzamento dell’importanza della collaborazione nella lotta contro il crimine finanziario.

Le iniziative in corso in tutto il mondo per sradicare il crimine finanziario sono supportate da un recente annuncio del FMI secondo cui il comitato esecutivo ha approvato un nuovo quadro per un rafforzamento dell’impegno sulla governance e la corruzione nei paesi membri.

Altri post che potrebbero interessarti