Cosa significa investire ESG? | Big Think

ESG negli investimenti è l’acronimo di Environmental, Social e Governance. È un insieme di criteri che gli investitori possono utilizzare per comprendere i valori e il futuro di un’organizzazione. Le aziende investono risorse nella divulgazione del loro ESG perché, come dice il proverbio, la luce del sole è il miglior disinfettante. O così si pensa da molti anni. Anche se l’ESG è indubbiamente buono, dice John Fullerton, la semplice trasparenza non risolverà i problemi di sostenibilità del mondo. Per questo, le aziende pubbliche devono agire più come aziende private ed essere responsabili nei confronti dei loro proprietari.

John Fullerton è il fondatore e presidente del Capital Institute, un’organizzazione apartitica che lavora per creare un modo più giusto e sostenibile di vivere sulla terra attraverso la realizzazione di un’economia rigenerativa. Dopo aver trascorso anni immersi nella sfida della sostenibilità della nostra epoca seguendo la sua carriera a Wall Street, John è ora un leader di pensiero riconosciuto a livello globale nello spazio della New Economy. L’architetto del concetto di Capitalismo Rigenerativo, John è l’autore del blog How Universal Principles and Patterns Will Shape the New Economy and the Future of Finance. L’ultimo libro di John Fullerton è “A Finer Future: Creating an Economy in Service to Life“.

*****************

L’idea dell’ESG di investire – che sta per ambientale, sociale e di governance – esiste probabilmente già da 20 anni. In un certo senso ha seguito il movimento dell’ISR – l’investimento socialmente responsabile – e questo è stato il nostro tentativo di pensare oltre il valore per gli azionisti e quali altri valori siano importanti per la salute di una società nel lungo periodo. Quindi ESG: ambientale, la performance e il comportamento ambientale dell’azienda; sociale, il modo in cui tratta i suoi dipendenti, il modo in cui tratta i suoi consumatori, il modo in cui si comporta nella sua comunità, i benefici sanitari che dà a questo tipo di cose; e G, la governance, l’azienda è ben governata o non è ben governata? E è una sorta di riconoscimento del buon senso che questi attributi e questi valori siano anche importanti. Non è solo il valore per gli azionisti, è un insieme più ampio di valori. E ci sono stati probabilmente miliardi di dollari investiti nella misurazione e nella divulgazione dei fattori ESG da parte delle società pubbliche e, naturalmente, una maggiore divulgazione su questi temi è sicuramente un bene. Il vecchio detto “il sole è il miglior disinfettante”, quindi se le aziende sono tenute a riferire su queste cose, le gestiranno e questo sarà un risultato positivo.

Quello che l’intera idea, però, non è riuscita ad affrontare, è la cosa di cui ho parlato prima, ovvero che le società pubbliche che operano nei mercati pubblici dei capitali, che rivelino tutto perfettamente o meno, sono sedute in un sistema in cui sono state separate, il rapporto tra i loro veri proprietari è stato separato dai mercati dei capitali o disintermediato dai mercati dei capitali. E il loro impegno con i loro diretti proprietari può essere una volta all’anno in occasione dell’assemblea annuale in un voto per delega, ma in una società privata, per esempio, i proprietari della società sono nei consigli di amministrazione, il loro patrimonio è legato alla società e prestano molta attenzione alla società. Quindi, direi che non risolveremo mai la crisi di insostenibilità del business semplicemente attraverso una maggiore trasparenza, ESG e altro. Dobbiamo usare questi dati per gestire le aziende, ma dobbiamo anche ricollegarli fondamentalmente ai proprietari dell’impresa.

E il fatto è che i principi dei sistemi viventi non sono una sorta di menu che si può scegliere; i sistemi viventi sani funzionano in accordo con tutti allo stesso tempo, o un sistema si ammala e muore. Ci si ammala di cancro quando a livello cellulare non si comunica in modo efficace. Quindi l’ESG può andare bene, ma se non ci occupiamo anche del giusto punto di relazione non serve a nulla, e non direi affatto che il lavoro nel movimento ESG negli ultimi 20 anni non sia stato benefico, ma certamente anche i più accaniti campioni dell’ESG hanno riconosciuto che non ha raggiunto i risultati sperati. Ed è interessante che ora vengo spesso invitato a una conferenza ESG perché le persone della comunità ESG riconoscono che ci deve essere qualcosa di più del lavoro su cui stanno lavorando. E io dicevo: “Siete sicuri che siano pronti per il mio messaggio?”, perché non è coerente con la loro visione del mondo; e questo non è più un problema, la gente è affamata di nuovi modi di pensare alle cose. Quindi, questo è un progresso.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi