Cosa può dirvi la vostra colazione sulle preoccupazioni per l’inflazione | WSJ

L’aumento dei costi degli alimenti quotidiani come la pancetta e la frutta ha sollevato preoccupazioni per l’inflazione. Ecco perché si può pagare di più per la colazione, e cosa ci dice su dove i prezzi potrebbero essere diretti in futuro.

*****************

– La tua colazione potrebbe diventare più costosa. In generale, gli americani stanno pagando di più per il cibo.

Dall’anno scorso, il costo del bacon è salito di oltre il 10%, del 6,2% per la frutta fresca e dello 0,2% per i cereali. Può non sembrare molto, ma tutti questi piccoli aumenti si sommano, e non si tratta solo di cibo, ma di beni e servizi in tutta l’economia.

Dopo anni di bassa inflazione, che si è aggirata intorno al 2%, l’indice dei prezzi al consumo, la misura di riferimento dell’inflazione negli Stati Uniti ed in tutto il mondo, è saltato del 4,2% in aprile rispetto all’anno precedente.

Questi aumenti sono spesso sentiti al negozio di alimentari, e questo sta influenzando il prezzo della vostra colazione.

Questo ha creato un sacco di preoccupazione sul fatto che i prezzi più alti siano un aumento temporaneo, o qui per rimanere.

– Durante questo periodo di riapertura, è probabile che vedremo una certa pressione al rialzo dei prezzi.

– Ecco perché state pagando di più per la vostra colazione e se gli attuali salti di prezzo sono un segnale dell’inflazione che verrà. Un fattore importante per l’aumento dei prezzi degli alimenti è il mais, che è salito di circa il 50% nel 2021.

Anche se non mangiate cornflakes a colazione, molti alimenti hanno ingredienti derivati dal mais o provengono da animali che lo mangiano.

Il mais costituisce oltre il 96% di tutta la produzione di cereali per l’alimentazione animale negli Stati Uniti, e circa 1/5 del raccolto statunitense viene esportato in altri paesi.

Come la Cina, in questo momento il paese è in un’abbuffata di mais. Gli agricoltori stanno correndo per ingrassare milioni di maiali per rimpiazzare quelli che ha dovuto uccidere durante l’epidemia di peste suina africana del 2020. Si prevede di importare circa quattro volte più mais nel 2021, soprattutto dagli agricoltori statunitensi.

Oltre a questo, la siccità nelle regioni produttrici di mais in Sud America ha portato a raccolti deludenti e a problemi logistici.

In Argentina, anni multipli di siccità hanno reso il fiume Paranà troppo poco profondo per le barche completamente cariche di grano per passare dall’interno del paese alle rotte di navigazione atlantiche.

In poche parole, la maggiore domanda di mais da foraggio dalla Cina e la minore offerta dal Sud America significano salsicce e pancetta più costose. Ma questo non è tutto ciò che il mais sta facendo per aumentare il prezzo della vostra colazione. Sta anche rendendo più costoso spedire il cibo attraverso il paese.

Circa il 10% della benzina consumata negli Stati Uniti è etanolo, che è fatto con il mais. Così l’aumento del prezzo del mais ha contribuito ad aumentare i prezzi della benzina, ma anche trovare camionisti per spostare il cibo è stato difficile.

La domanda di trasporto di merci su camion è aumentata man mano che l’economia è emersa dal blocco. Per attirare nuove reclute, le compagnie di trasporto hanno aumentato la paga, facendo salire ulteriormente il prezzo delle spedizioni.

Kellogg’s, produttore di marchi di cereali come Frosted Flakes, ha detto che i costi di spedizione più alti hanno contribuito ad aumentare i prezzi, e questi problemi di spedizione non si sono fermati al bordo dell’acqua. La spedizione via mare ha reso più costoso spedire lo zucchero, il cui prezzo è aumentato di oltre il 3%.

Il rallentamento della catena di approvvigionamento globale l’anno scorso, così come la chiusura del canale di Suez a marzo, hanno rallentato le spedizioni per mesi.

Ma gli economisti dicono che i prezzi degli alimenti non sono il miglior indicatore per seguire l’inflazione nell’intera economia. Ci sono alcune ragioni per questo.

Secondo lo scrittore di economia del Wall Street Journal, Jon Hilsenrath:

– È un settore dell’economia molto orientato ai beni, al contrario di un settore dell’economia orientato al lavoro, come il settore dei servizi dove il costo del lavoro guida davvero il costo del prodotto.

– Un indicatore più eloquente per un’inflazione più ampia potrebbe essere quello che si paga per la stessa colazione al ristorante.

Mentre i prezzi generali del cibo sono saliti del 2,4% rispetto a un anno fa, i pasti al ristorante sono saliti del 3,8%. Una ragione è che i ristoranti hanno più spese.

Per esempio, i vassoi da asporto sono diventati più costosi dopo che una tempesta invernale di febbraio ha messo fuori uso la produzione di plastica in Texas. E un’altra ragione è l’aumento del costo del lavoro.

L’aumento dei tassi di vaccinazione, l’allentamento delle serrate e gli aiuti federali per lo stimolo hanno aumentato la spesa dei consumatori. Eppure i datori di lavoro, compresi i proprietari di ristoranti, stanno lottando per trovare lavoratori. Come l’economia è rimbalzata, così hanno fatto i salari, ma la partecipazione alla forza lavoro si è appiattita.

– Alcune persone si sono trasferite dalle città dense di abitanti, che sono state viste come non sicure a causa della pandemia. E così, quando i ristoranti riaprono, potrebbe essere un problema geografico, che semplicemente non c’è gente nel posto. E poi dobbiamo anche pensare agli effetti della politica.

Così il governo ha gettato un sacco di soldi per sostenere i lavoratori che sono stati colpiti dalla pandemia. E alcuni lavoratori a questo punto potrebbero dire, mentre stanno ancora ricevendo questi sussidi di disoccupazione, potrebbero dire, sai cosa? Non devo tornare di corsa al lavoro.

– I ristoranti di fast food hanno iniziato a offrire vantaggi come bonus di assunzione e tasse universitarie gratuite nel tentativo di abbassare le ore di lavoro. Tutto questo si aggiunge ai pasti più costosi per i commensali.

– Penso che la maggior parte delle persone sia d’accordo sul fatto che vogliamo vedere i salari aumentare. In particolare per i lavoratori a basso reddito e a bassa abilità, quando i salari aumentano, significa che stanno meglio. Significa che stanno portando a casa buste paga più grandi. Quello che non vogliamo vedere sono aumenti salariali accoppiati con aumenti dell’inflazione che iniziano ad alimentarsi a vicenda e lasciano i lavoratori in realtà in condizioni peggiori e non migliori.

– Questo effetto, noto come spirale dei prezzi dei salari, ha contribuito all’alta inflazione degli anni ’70, ma la storia si ripeterà?

La Federal Reserve, da parte sua, ha detto che i prezzi si correggeranno quando le forze della domanda e dell’offerta si equilibreranno.

– Questi aumenti una tantum dei prezzi avranno probabilmente solo effetti transitori sull’inflazione.

– Per ora, gli indicatori che misurano le aspettative di inflazione, come i rendimenti dei titoli del tesoro, rimangono bassi, suggerendo che la gente si aspetta che l’inflazione sia modesta, almeno a breve termine.

Quindi, per ora, i consumatori dovranno adattarsi ad alcuni prezzi in aumento per la loro colazione, sia a casa che alla tavola calda; basta non dimenticare di includere la mancia.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi