Premere pausa: modalità wait-and-see per Fed, mercati e Brexit | Russell Investments

Nell’ultima edizione della Market Week in Review, il direttore delle strategie di investimento dei clienti, Mark Eibel, e il responsabile di AIS Business Solutions, Sophie Antal Gilbert, hanno discusso i recenti risultati dei mercati, l’ultima novità su Brexit e il verbale della Federal Reserve statunitense (la Fed) del suo incontro del 30 ottobre.

L’incertezza commerciale mantiene i mercati relativamente stabili

I mercati sono stati in gran parte piatti, o leggermente in ribasso, la settimana del 18 novembre, Eibel ha detto, in parte a causa delle ultime notizie sul commercio. “Tutte le notizie relative al commercio muovono i mercati in questi giorni, soprattutto quando non ci sono molti dati economici su cui concentrarsi”, ha osservato, osservando che il Dow Jones Industrial Average è crollato a metà settimana dopo notizie pessimistiche su un potenziale accordo commerciale fase-uno tra Stati Uniti e Cina. Eibel ha inoltre sottolineato l’importanza di collocare la recente performance del mercato in un contesto più ampio, osservando che le azioni statunitensi, in particolare, hanno finora registrato un quarto trimestre molto forte. “I mercati hanno sostanzialmente preso una pausa negli ultimi giorni, dopo aver fatto progressi costanti dall’inizio di ottobre”, ha detto. Eibel ha aggiunto che l’indagine statunitense in corso sull’impeachment continua ad avere un impatto minimo o nullo sui mercati.

La calma prima della tempesta? Brexit dovrebbe spostare di nuovo i mercati a dicembre

Passando a Brexit, Eibel ha osservato che la lunga saga su come il Regno Unito dovrebbe separarsi dall’Unione Europea è stata messa in secondo piano per ora. “Brexit è entrato in un periodo relativamente tranquillo di recente, in vista delle elezioni generali nel Regno Unito il 12 dicembre”, ha spiegato. Eibel ritiene che, una volta che il calendario volga a dicembre, e le elezioni si avvicinino, i mercati diventeranno più sensibili agli ultimi titoli sulla Brexit. “Brexit diventerà probabilmente molto più di un motore di mercato nelle prossime due o tre settimane”, ha detto, “ma in questo momento, lo stato del settore manifatturiero è il principale motore dei mercati europei”.

Le minute della Fed mostrano una pausa sui tassi che probabilmente continuerà nel 2020

Passando alla politica monetaria, Eibel ha detto che la Fed ha pubblicato il verbale della riunione politica di ottobre del 20 novembre. I verbali hanno consolidato il consenso tra i mercati sul fatto che la Fed dovrebbe mantenere invariati i tassi d’interesse per i prossimi mesi. La banca centrale statunitense sembra a suo agio a rimanere in disparte e vedere come si svolgono i negoziati commerciali Cina-USA prima di intraprendere qualsiasi azione potenziale, ha spiegato. “Alla Russell Investments, la nostra opinione è che la Fed probabilmente non apporterà alcun aggiustamento alla politica monetaria fino al primo semestre del 2020”, ha dichiarato Eibel. Ha aggiunto che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente della Fed Jerome Powell hanno tenuto una riunione a porte chiuse il 18 novembre, discutendo di tutto, dai tassi di interesse all’inflazione. “Nulla di sostanziale sembra essere uscito da questo incontro, e i mercati hanno risposto di conseguenza, non muovendosi realmente in entrambe le direzioni”, ha osservato Eibel, aggiungendo che Trump e Powell probabilmente rimarranno in contrasto con le loro opinioni sulla politica monetaria e sul ruolo della Fed. “Nel complesso, che si tratti della politica della Fed, della Brexit o della relativa mancanza di movimento del mercato, sembra opportuno scegliere la settimana del 18 novembre come settimana di pausa”, ha concluso.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi