Scetticismo: perché il pensiero critico rende più intelligenti? | Big Think

Non è sempre facile dire la differenza tra la verità oggettiva e ciò che crediamo essere vero. Separare i fatti dalle opinioni, secondo lo scettico Michael Shermer, il fisico teorico Lawrence Krauss e altri, richiede ricerca, auto-riflessione e tempo. Riconoscere i propri pregiudizi e quelli degli altri, evitare le camere d’eco, cercare attivamente le voci contrarie e fare domande intelligenti e verificabili sono alcuni dei modi in cui lo scetticismo può essere un utile strumento di apprendimento e di crescita.

Come Derren Brown sottolinea, essere “scettici dello scetticismo” può anche portare a rivelazioni interessanti e insegnarci nuove cose su noi stessi e la nostra psicologia. Leggete l’ultimo libro di Michael Shermer “Skeptic: Viewing the World with a Rational Eye“.

***************

LAWRENCE KRAUSS: Mi piace avere una mente aperta, ma non così aperta da farmi cadere il cervello. E questo è il punto chiave. Dobbiamo valutare con scetticismo le informazioni che riceviamo. Non possiamo essere creduloni perché, quando riceviamo molte informazioni, è assolutamente certo che alcune di esse siano sbagliate. E così dobbiamo sempre filtrare ciò che riceviamo. E dobbiamo porci la seguente domanda: “Quanto deve essere aperto il mio cervello per accettare quelle informazioni? Deve cadere?” E, con questo, voglio dire che quando qualcuno vi dice qualcosa dovete chiedere: “È coerente con la mia esperienza? È coerente con l’esperienza di altre persone intorno a me?”. E se non lo è, allora probabilmente c’è una buona ragione per essere scettici; probabilmente è sbagliato. Se fa previsioni che sembrano anche essere in disaccordo con le cose che osservate intorno a voi, dovreste metterle in dubbio.

E così non dovremmo mai prendere nulla per fede. Questo è davvero il mantra della scienza, se vuoi, che la fede è il nemico della scienza. Si parla spesso di una perdita di fede nel mondo di oggi. Non si perde nulla perdendo la fede. Ciò che si guadagna è la realtà. E così lo scetticismo gioca un ruolo chiave nella scienza, semplicemente perché siamo anche cablati per voler credere. Siamo cablati per voler trovare ragioni per le cose. Nella savana in Africa, gli alberi potrebbero frusciare e si potrebbe scegliere di dire: “Beh, non c’è ragione per questo”. Oppure: “Forse è dovuto a un leone”. E quegli individui che pensavano che non ci fosse una ragione, non vivevano mai abbastanza a lungo da sopravvivere per procreare. E quindi non è troppo sorprendente, vogliamo trovare spiegazioni per tutto. E le creiamo se ne abbiamo bisogno, per soddisfare noi stessi, perché abbiamo bisogno di dare un senso al mondo che ci circonda. E quello che dobbiamo capire è che ciò che ha senso per l’universo, non è lo stesso che ha senso per noi. E non possiamo imporre le nostre credenze all’universo. E il modo in cui aggiriamo questo pregiudizio intrinseco è quello di mettere costantemente in discussione sia noi stessi che tutte le informazioni che riceviamo dagli altri. Questo è quello che facciamo nella scienza e funziona meravigliosamente anche nel mondo reale.

MICHAEL SHERMER: Il problema è questo. Nessuno di noi ha la verità. L’unico modo per scoprire se ti stai ingannando o no, se sei uscito dai binari, se ti stai sbagliando in qualche modo, è ascoltare altre persone che non sono d’accordo con te. Ho iniziato a incontrare altre persone che non erano d’accordo con me. Sapete, persone che non credono che si sia mai mai stati sulla Luna, persone che parlano di cospirazioni, qualsiasi cosa. E ho pensato: “Ok, allora come facciamo a sapere, se non so cosa succederà tra 10 anni, se dovessi insegnare ai miei studenti a pensare criticamente, quali sono i punti chiave, come le domande di base che potrebbero fare? Quindi, si comincia con una: Quanto è affidabile la fonte dell’affermazione? Ecco l’affermazione, quanto è affidabile? Quali sono le prove a sostegno? Qual è la qualità delle prove? Da dove viene? Chi l’ha detto? Si tratta di qualche fake news, sito alternativo, o è il Wall Street Journal o il New York Times? La fonte è davvero importante. Qualcuno ha provato a confutare l’affermazione? Questo è super importante perché tutti pensano di avere ragione e ogni sito web ha testimonianze su questo prodotto o quell’idea. La domanda non è “Cosa pensano i tuoi sostenitori?” ma “Cosa pensano le persone che non sono d’accordo con te?” Perché è questo che voglio sapere. Qualcuno ha fatto un esperimento per cercare di confutare la tua teoria? E così, nella scienza, questo è quanto di più basilare ci sia. Karl Popper ha chiamato questo il Principio di Falsificazione. Cioè, non possiamo mai provare che una teoria sia corretta, ma possiamo confutarla con un esperimento che dimostra che è sbagliata.

Quindi, se non puoi falsificarla, cosa stai facendo veramente? E la mia storia preferita su questo, a proposito, lasciatemi fare una piccola deviazione da Karl. Nel suo libro “Demon-Haunted World” c’è una piccola sezione fantastica. C’è un drago nel mio garage. Ho un drago nel mio garage, volete vederlo? Vieni qui, lascia che te lo mostri. Tiro su la porta del garage. Dico: “Guarda, riesci a vedere il drago?” E tu guardi dentro e dici: “Beh, no, non vedo niente”. “Oh, oh, oh, scusa. Questo è un drago invisibile”. “Un drago invisibile?” “Sì, sì, sì, è invisibile”. “Beh, e se mettiamo un po’ di farina per terra e poi avremo le impronte del drago?”. “Beh, no, vedi, questo è un drago speciale che si libra sopra la terra; galleggia. E’ un drago galleggiante invisibile”. “Un drago galleggiante invisibile, ok. Oh, aspetta, ho qui delle telecamere a infrarossi. Possiamo rilevare il calore del drago”. “No, vedi, questo è un drago a sangue freddo. Non emette alcun calore”. “E il fuoco? Possiamo rilevare il fuoco che il drago sputa”. “No, sputa fuoco freddo”. Vedi il problema? Se non c’è modo di falsificare che c’è un drago, che differenza c’è tra un drago invisibile che galleggia senza calore e nessun drago? Nessuna. E naturalmente possiamo applicare questo a Dio o a qualsiasi altro tipo di paranormale soprannaturale. Se non posso smontarlo, se non posso falsificarlo, se non c’è modo di testarlo, allora come potremo mai sapere che è vero? Questo è il nocciolo del kit per individuare le balle. Dobbiamo essere in grado di arrivare a sapere se è vero o no, in qualche modo, in modo che non sia solo la mia opinione contro la tua opinione e ci urliamo contro a vicenda.

Allora vogliamo sapere se le convinzioni personali del richiedente entrano in qualche modo in gioco? Perché, naturalmente, tutti noi abbiamo opinioni e convinzioni personali sulle cose. La mia politica, la mia religione, la mia ideologia possono influenzarmi. Questo non lo rende sbagliato, ma è bene sapere se qualcuno ha un’agenda. Così, quando si guarda Fox News, si sa che hanno un programma, di sicuro. O ci sono altre fonti a sinistra che hanno un programma liberale, forse NPR, chi lo sa. Ma vedete, è bene saperlo, per sicurezza, così quando sentite i fatti, dite: “Beh, forse, ma so che questo tizio ha un programma”. Quindi, questo è il genere di cose. La nuova idea proposta tiene conto della stessa quantità di informazioni della vecchia idea e di alcune delle nuove anomalie che la vecchia idea non può spiegare? Così, le persone propongono teorie, le cosiddette teorie alternative della fisica, per esempio, e me le mandano sempre dicendo: “Ehi, ascolta, non sono bravo in matematica ma se mi aiuti con la matematica dividerò il premio Nobel con te”. Giusto. Io non mi occupo di matematica e fisica, quindi potresti portarla all’insegnante di fisica del liceo locale prima di annunciare che hai fatto la più grande scoperta dopo Newton e Einstein. Il problema è che le teorie attuali spiegano piuttosto bene quasi tutto. Non tutto, quindi ci sono sempre anomalie che non possiamo spiegare. Quindi forse c’è qualche nuova teoria in arrivo che potrebbe spiegare tutte le vecchie teorie, le spiegazioni e le nuove anomalie, le anomalie che la vecchia teoria non può spiegare. Forse. Ma di nuovo, dobbiamo essere in grado di testarla prima.

Quindi, questo è il tipo di cose. L’assertore rispetta le regole della scienza, le regole del campo in cui si trova, per esempio. Di nuovo, questi ragazzi della fisica alternativa vengono da me. Non venite da me, non sono un fisico. Hai almeno chiesto all’insegnante di fisica del liceo locale se questo ha un senso? Perché se non hai una formazione, non conosci tutti gli errori che le persone nel passato hanno già fatto per arrivare dove sono ora. E se stai iniziando qui senza la formazione, farai un sacco di errori. Quindi, queste sono le cose che ogni buon rilevatore di balle dovrebbe sapere.

BILL NYE: Ho giocato con questa idea della dissonanza cognitiva. Questo per dire che hai una visione del mondo, ti vengono presentate delle prove che sono in conflitto con la visione del mondo, così o devi cambiare la tua visione del mondo, il che è difficile perché hai vissuto tutta la tua vita con essa, o semplicemente respingere le prove in modo da non avere questo disagio, questo conflitto nella tua mente, questa dissonanza. Ed è con questo che sto lavorando in questo momento. E apparentemente il modo per superarla è dire: “Ci siamo dentro tutti insieme. Impariamo questo insieme”. Presentare al teorico della cospirazione l’idea che lui o lei potrebbe rifiutare le prove perché è così scomodo, e tu ci sei dentro insieme, noi ci siamo dentro insieme. Anch’io sono a disagio. E cerca di capire che è un processo. Qualcuno che ha una visione del mondo che è incoerente con l’evidenza, e io posso averne un po’, ci vuole un po’ di tempo perché si giri. Come l’esempio della lettura della mano o dell’astrologia, non è qualcosa su cui la gente cambia idea immediatamente. Ci vogliono, nella mia esperienza, circa due anni perché qualcuno guardi la lettura della mano, la lettura a freddo, o la lettura dei tarocchi, per un po’ e poi si renda conto che questi lettori di tarocchi, lettori della mano, stanno solo prendendo le informazioni che tu gli hai dato, che il cliente gli sta dando, e te le restituiscono.

Tutti noi tendiamo a dire: “Beh, guarda i fatti, cambia idea”, ma la gente ci mette un paio d’anni per cambiare idea. Quindi, la mia raccomandazione è di continuare a farlo. Tu sarai frustrato, la persona sarà frustrata, ma presenta l’idea della dissonanza cognitiva. Questa è la mia ultima idea su un modo per lavorare insieme ad una comprensione scientifica.

KRAUSS: La scienza non prova ciò che è assolutamente vero. Quello che fa è provare ciò che è assolutamente falso. Ciò che non soddisfa la prova dell’esperimento, lo buttiamo via. Ciò che rimane può non essere vero, ma lo riduciamo, come direbbe Sherlock Holmes: “E ciò che rimane dopo tutto questo, è probabile che sia vero”. Quindi, molte fonti, mettete in dubbio ciò che vedete, e se è coerente con ciò che già sapete, e siate sospettosi dei vostri gusti quando accettate informazioni. Questo è probabilmente il motivo per cui non dovremmo, quando ci rivolgiamo a Internet, andare in camere d’eco e leggere solo le fonti che ci piacciono. Ora, detto questo, se si guardano molte fonti, si può anche decidere rapidamente quali non sono affidabili e buttarle via. Se non sono affidabili in un caso, allora si dovrebbe essere molto sospettosi di loro in futuro. Quindi, tutti noi ci rivolgiamo a diverse fonti che riteniamo più o meno affidabili in base alla nostra esperienza passata. Prova questo, e penso che sia un ottimo modo per filtrare un sacco di sciocchezze su Internet.

Quando parlo di essere scettici, è importante riconoscere che si può essere sorpresi. E qualcosa che non pensi sia sensato, può finire per essere sensato. Questo è il modo in cui impariamo le cose in fisica. Quindi, quando qualcuno ti presenta un’idea che può sembrare strana, è ragionevole essere scettici, ma vale la pena di perseguirla abbastanza a lungo per vedere se ha senso e per ascoltare gli argomenti che potrebbero essere convincenti, che potrebbero farti cambiare idea. Infatti, c’è una grande scuola di pedagogia che dice: “L’unico modo in cui impariamo veramente qualcosa è confrontandoci con le nostre idee sbagliate“. Quindi, ancora una volta, mentre è ragionevole essere scettici di fronte alle informazioni esterne, se sei sempre scettico sulla tua risposta alle informazioni, e su quali sono le tue idee sbagliate e quali sono i tuoi pregiudizi, allora ti guarderai bene dall’accettare sciocchezze, ma sarai anche disposto a realizzare che a volte quello che pensi sia scetticismo, in realtà è miopia.

DERREN BROWN: Dove penso che lo scetticismo, nel suo senso ampio, moderno e popolare, “non credo in Dio, non credo in questo, non credo in quello”, dove penso che abbia i suoi limiti – parlo da scettico e da ateo, come ho detto – dove è importante realizzare i limiti della sua utilità, è dove quelle cose che possono non essere oggettivamente vere, ma possono essere psicologicamente vere, tra virgolette. In altre parole, psicologicamente in risonanza con il percorso di vita, e ciò che prendiamo nella vita, e ciò che è importante per noi e ciò che è utile. Quindi, questo è ciò che non si vuole buttare via. Non si vuole buttare via il bambino con l’acqua del bagno. Così, nella religione, per esempio, quelle cose che sono facilmente abbattute, se sei un ateo, sono facili da prendere in giro e confutare, quelle cose sono anche, sono spesso uomini di paglia da abbattere, ma spesso possono essere indicatori di qualcosa che è psicologicamente utile. Sono significanti di qualcosa. Se prendi quello che succede con la religione, è che hai qualcosa che accade, un’esperienza di trascendenza o una specie di cosa che è accaduta storicamente. Niente di magico o soprannaturale, ma solo per le persone in quel momento, una connessione con il senso del trascendente, qualunque cosa fosse, un messaggio o qualcosa del genere. E poi, quando questo esce dalla memoria dei vivi, per ricrearlo, si formano un mucchio di pratiche, dogmi e cose per cercare di ricreare quella sensazione. E questo diventa ora una cosa di credenza piuttosto che una sorta di conoscenza che era a quel tempo. E poi, per sostenere e proteggere quella convinzione, si crea e si sviluppa un’istituzione che diventa politicizzata, potente e monetizzata e tutte queste cose. E poi si sposta nel mondo in cui siamo oggi, dove le cose devono essere dimostrate con prove. Così, si comincia a cercare di proporre argomenti probatori che in qualche modo non funzionano mai veramente. Così, si finisce con una cosa che è facile da abbattere ma che può mancare il fatto che c’è qualcosa al suo interno, che forse è utile. Forse queste narrazioni intorno alla religione ci sono utili psicologicamente. Forse hanno un uso archetipico, o mitologico, che sarebbe un peccato scartare perché sentiamo l’assenza di quelle cose. È il fatto stesso che ci rivolgiamo ai sensitivi e agli indovini, e diventiamo terrorizzati e soli intorno alla morte. Queste cose accadono perché abbiamo perso il contatto con alcuni di quei miti e alcune di quelle narrazioni più risonanti. Quindi, penso che essere un po’ scettici sullo scetticismo stesso e sulle facili narrazioni che forma, sia anche, credo, molto utile.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi