Cosa c’è nella scatola? Spacchettiamo il nuovo pacchetto di incentivi della BCE | Russell Investments

Nell’ultima edizione della Market Week in Review, il Senior Investment Strategist Paul Eitelman e responsabile di AIS Business Solutions Sophie Antal Gilbert hanno discusso il nuovo pacchetto di stimoli della Banca Centrale Europea (BCE), gli sviluppi positivi della guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti, e il recente aumento del valore delle azioni. Draghi annuncia un ampio pacchetto di stimoli Il presidente uscente della BCE Mario Draghi ha svelato un ampio pacchetto di stimoli monetari il 12 settembre, ha detto Eitelman, caratterizzato dal rilancio del programma di acquisto di attività della banca centrale, altrimenti noto come quantitative easing (QE). A partire da novembre, la BCE acquisterà 20 miliardi di euro al mese di debito pubblico fino a quando la banca centrale non si sentirà più sicura dei suoi obiettivi di inflazione, ha spiegato. Questa parte del pacchetto di stimolo è stata una sorpresa positiva per i mercati, ha osservato Eitelman. Inoltre, la BCE ha ridotto il suo tasso di interesse di riferimento da -40 punti base a -50 punti base e ha incrementato le condizioni di prestito bancario, ha detto. “I tassi sono ora molto, molto bassi e la BCE ha ora una politica monetaria estremamente accomodante”, ha osservato Eitelman. Il pacchetto di stimolo ha segnato un passo positivo nei tentativi della banca centrale di respingere i crescenti rischi di ribasso, come le tensioni commerciali e il rallentamento del settore manifatturiero, ha detto Eitelman. Rispondendo a un’indagine di Gilbert su come questo possa influenzare il pensiero della Federal Reserve statunitense (la Fed), Eitelman ha osservato che il calcolo della Fed è simile per molti aspetti a quello della BCE, anche se non così severo in termini di risposta politica necessaria. Di fronte ad un dilemma simile di inflazione debole e di dolori della guerra commerciale, la Fed probabilmente ridurrà nuovamente i tassi il 18 settembre, ha detto. Mentre l’idea di tassi di interesse negativi negli Stati Uniti ha fatto notizia la settimana del 9 settembre, il paese è probabilmente molto lontano dal bisogno di una tale politica, ha dichiarato Eitelman, come la salute del consumatore americano rimane forte. Le tensioni commerciali si attenuano, ma rimangono elevate Le ultime due settimane hanno portato, incrementalmente, sempre più buone notizie intorno alla guerra commerciale Cina-USA, ha detto Eitelman. L’ultimo ciclo di sviluppi positivi si è verificato 12-13 settembre, quando gli Stati Uniti hanno annunciato che avrebbe ritardato un aumento delle tariffe su circa 250 miliardi di dollari di importazioni cinesi dal 1 ottobre al 15 ottobre. “Questo ha aperto la porta ad una reazione positiva da parte della Cina, che ha risposto esentando i semi di soia, carne di maiale e altri prodotti agricoli dalle tariffe aggiuntive”, ha detto. Eitelman ha osservato che sembra esserci una crescente anticipazione del mercato che le tariffe minacciate dagli Stati Uniti contro le importazioni cinesi aggiuntive – la cui entrata in vigore è prevista a metà ottobre e metà dicembre – potrebbero essere tolte dal tavolo. “Ai margini, l’ebollizione sembra essersi un po’ attenuata sul tono commerciale tra i due paesi”, ha dichiarato, avvertendo che le tensioni rimangono ancora elevate, soprattutto rispetto a qualche mese fa. Le azioni “value” vanno forte La settimana del 9 settembre è stata positiva per i mercati azionari in generale, ha detto Eitelman, e in particolare per le azioni di valore. “Le aziende con valutazioni più basse hanno superato significativamente il mercato più ampio di questa settimana”, ha dichiarato, “soprattutto in confronto alla crescita e ai titoli difensivi, che hanno dominato la performance del mercato negli ultimi anni”. Eitelman ha spiegato che, in un contesto storico, la componente di valore del mercato è oggi quasi altrettanto economica di quanto lo era nell’era della bolla tecnologica della fine degli anni Novanta. “Credo che ci sia una grande opportunità per le azioni di valore per una potenziale sovraperformance se alcune cose vanno bene”, ha detto, sottolineando che c’è stata una discreta quantità di avversione al rischio incorporata nei prezzi a causa della continua incertezza commerciale.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi