Perché i membri della Federal Reserve sono divisi sull’aumento dei tassi? I Financial Times

Brendan Greeley del FT esamina il motivo per cui la Federal Reserve ha deciso di tagliare i tassi, e cosa c’è dietro il disaccordo tra i membri del comitato di determinazione dei medesimi.

La Federal Reserve ha tagliato i tassi d’interesse americani di 25 punti base, ad un intervallo compreso tra l’1,75 e il 2%, e ha segnalato che potrebbe fermarsi lì nonostante l’incertezza sul commercio e la forte pressione della Casa Bianca per ulteriori sforbiciate. Il taglio, il secondo quest’anno, era in linea con le aspettative di investitori ed economisti, ma le proiezioni della banca centrale indicavano una linea più falsa di quanto i mercati avessero previsto. La previsione mediana del comitato di fissazione dei tassi era che i tassi sarebbero stati allo stesso livello alla fine del 2020. I dati sui futures elaborati da Bloomberg prima della riunione hanno mostrato che gli investitori si aspettavano altri due tagli entro la fine del 2020.

Nel trading mattutino in Asia, il benchmark giapponese Topix è salito dell’1,2 percento, mentre lo yen è scivolato contro il dollaro USA fino a 108,47 ¥, il dato più debole dall’inizio di agosto. L’indice Kospi della Corea del Sud ha guadagnato lo 0,8 per cento, mentre l’indice S&P/ASX 200 dell’Australia è salito dello 0,7 per cento. L’indice Hang Seng di Hong Kong e l’indice CSI 300 della Cina continentale sono cambiati di poco.

La dichiarazione della Fed ha attirato un attacco immediato da parte del presidente Donald Trump, che ha twittato: “Jay Powell e la Federal Reserve falliscono ancora. Nessun “coraggio”, nessun senso, nessuna visione! Un terribile comunicatore”. La Fed ha lasciato il senso della sua dichiarazione politica di luglio sostanzialmente invariato. Ha osservato che gli investimenti delle imprese e le esportazioni si sono indeboliti, ma ha detto, come aveva fatto durante l’estate, che avrebbe “agito in modo appropriato per sostenere l’espansione”. In mezzo al crescente disaccordo nel FOMC sul cambiamento delle condizioni economiche, ci sono stati tre dissensi. Jim Bullard, presidente della St Louis Fed, avrebbe preferito un taglio più robusto di 50 punti base. Come in luglio, Esther George ed Eric Rosengren hanno votato per mantenere invariati i tassi. “A volte la strada da percorrere è chiara, a volte meno”, ha detto Powell nella conferenza stampa che ha seguito la riunione. “Questo è un periodo di giudizi difficili, come potete vedere, da prospettive diverse. Penso davvero che non sia altro che sano”.

“È un po’ un taglio falso dato che ci sono stati quei dissensi”, ha detto Seema Shah, Chief strategist di Principal Global Investors. “I mercati possono aspettarsi di più, visto quello che è successo durante il fine settimana con i mercati petroliferi, ed è per questo che i mercati azionari non sono reattivi in modo particolarmente positivo”, riferendosi all’impennata dei prezzi del petrolio da quando gli impianti petroliferi dell’Arabia Saudita sono stati attaccati. Le azioni americane hanno esteso le perdite dopo la dichiarazione, ma hanno recuperato gran parte della mossa, dato che Powell ha dipinto un quadro roseo di un’economia statunitense che potrebbe aver bisogno solo di modesti aggiustamenti alla politica monetaria. Il dollaro è salito contro i suoi pari, con un aumento dello 0,28 per cento.

Il Treasury ha restituito i guadagni precedenti a seguito della dichiarazione della Fed. Il rendimento della banconota biennale, che si muove inversamente al suo prezzo, è balzato dall’1,66% prima dell’annuncio all’1,77%. Il rendimento della banconota decennale è salito dall’1,75% all’1,79%. La riunione della Fed ha seguito diversi giorni di perturbazioni del mercato, con i rendimenti dei prestiti overnight che hanno raggiunto il 10% martedì.

Nella sua “Implementation Note” sulle operazioni di mercato, la commissione ha autorizzato la Fed di New York a modificare leggermente i suoi due strumenti per mantenere la gamma dei tassi di interesse. L’interesse che la Fed paga sulle riserve in eccesso scenderà all’1,80 per cento, invece dell’1,85 per cento che ci si aspettava per mantenere l’obiettivo di politica monetaria. Allo stesso modo, la Fed offrirà riacquisti invertiti ad un tasso di offerta dell’1,70 per cento, anziché dell’1,75 per cento. Gli analisti si aspettavano o un meccanismo di riacquisto più esplicito per mantenere i tassi entro gli obiettivi, o addirittura un aumento degli acquisti di attività per aumentare il livello delle riserve bancarie nel sistema. Nel rifiutare di offrire l’una o l’altra, la Fed ha segnalato che stava ancora considerando la sua risposta alla volatilità dei prestiti overnight. Nella sua conferenza stampa, Powell ha dichiarato che discuterà la questione nella sua prossima riunione e presenterà una ripresa della crescita del bilancio.

Da quando la retorica commerciale si è accesa alla fine del 2018, i responsabili politici della Fed sono stati aperti sulla difficoltà di trovare segnali chiari nei dati economici. Il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti ha continuato a scendere e, con il 3,7 per cento, è basso come non lo è stato dal lontano 1969. La produzione manifatturiera è in calo da un anno, anche se in agosto ha registrato una leggera ripresa. Sebbene l’industria manifatturiera rappresenti solo l’11% del PIL, la Fed ha segnalato in discorsi e ricerche che l’incertezza sugli scambi commerciali pesa sugli investimenti delle imprese.

L’esitazione della Fed a segnalare pubblicamente di essere preoccupata per la recessione è diventata una sfida di comunicazione dopo la riunione di luglio, quando Powell ha definito il taglio di 25 punti base come una “correzione di metà ciclo”, deludendo gli investitori che si aspettavano un linguaggio più da colomba. Peter Tchir, responsabile della strategia macro dell’Academy Securities, prevedeva che il titolo decennale avrebbe potuto raggiungere il 2% nelle prossime settimane, dato che la Fed sarebbe rimasta più falco di quanto ci si aspettasse. “La gente esagera la debolezza dell’economia e la disponibilità della Fed”, ha detto. “L’economia non sta cadendo dalle rotaie, e potremmo avere un accordo commerciale con la Cina”.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi