Come i tassi di interesse negativi potrebbero influenzarci | TD Ameritrade

Scopri come i tassi di interesse negativi potrebbero influenzare la tua strategia e i tuoi investimenti. Gli Stati Uniti non hanno mai utilizzato tassi di interesse negativi, anche se questa cosa potrebbe cambiare. Nel settembre del 2019, il presidente Trump ha suggerito alla Federal Reserve di implementarli. I tassi di interesse negativi non sono sconosciuti, in quanto l’Europa e il Giappone li utilizzano nella speranza di ridare il via alla crescita economica.

Potreste aver sentito il Presidente Trump spingere la Fed a fissare tassi di interesse negativi, cosa che gli Stati Uniti non hanno mai fatto. Sembra inverosimile, ma in realtà è possibile. In realtà, la politica dei tassi d’interesse negativi è stata usata da altri paesi nel tentativo di rilanciare le loro economie. Potrebbero essere gli Stati Uniti i prossimi a farlo? Diamo un’occhiata a cosa significano effettivamente i tassi di interesse negativi ed a come possono influire sui vostri investimenti.

In primo luogo, un rapido promemoria su come la Federal Reserve utilizza i tassi di interesse per gestire l’economia. Quando la Fed aumenta i tassi, ciò significa costi più elevati per il prestito di denaro, il che significa che le imprese e le persone in genere spendono meno. Questo viene fatto per raffreddare un’economia surriscaldata e tenere sotto controllo l’inflazione. Quando la Fed abbassa i tassi, ha l’effetto opposto: più spesa. La speranza è che la gente prenda in prestito denaro e investa di più, dando inizio ad una ripresa dell’economia. Ad esempio, dal 2008 fino alla fine del 2015, durante e dopo la Grande Recessione, la Fed ha avuto il suo tasso di interesse di riferimento a breve termine vicino allo zero per aiutare l’economia a riprendersi.

Ma i tassi di interesse negativi? Questo non è mai successo negli Stati Uniti. Sembra quasi impossibile. Gli istituti di credito che chiedono una compensazione per il rischio di dare denaro ai mutuatari è un principio di base della finanza. Ma, in teoria, la politica negativa dei tassi d’interesse porta all’estremo l’idea dei tradizionali tagli dei tassi d’interesse: incentivare la spesa che stimola l’economia rendendo il denaro non redditizio. Ecco come funziona: un modo in cui le banche fanno soldi è quello di mantenere alcune delle loro partecipazioni extra nella propria banca centrale, dove guadagnano interessi. Ma con una politica dei tassi d’interesse negativa, le banche dovrebbero spendere per depositare i loro depositi di contanti nella banca centrale. La speranza è che le banche, perdendo denaro sulle riserve depositate nella banca centrale, cercherebbero invece di fare soldi prestando a più persone e imprese, stimolando l’espansione economica.

Mentre l’obiettivo è quello di stimolare la crescita economica, non tutti sono convinti che i tassi di interesse negativi siano una buona idea. Alcuni esperti ritengono che, poiché tassi d’interesse più bassi potrebbero rendere il prestito meno redditizio, le banche potrebbero effettivamente ridurre il prestito. Le banche che sono schiacciate da questa cosa potrebbero anche trasferire le commissioni ai loro clienti, o addebitargli il fatto di tenere i loro depositi. Alcuni economisti temono inoltre che il mercato obbligazionario possa subire un colpo, e che gli investitori alla ricerca di rendimenti più elevati possano creare bolle sul mercato azionario o immobiliare. C’è anche il timore che tassi di interesse negativi possano portare a un’inflazione incontrollata.

Ma non dobbiamo solo speculare su come sarebbe in pratica la politica negativa dei tassi d’interesse. Possiamo cercare indizi in Europa e in Giappone. La banca centrale europea ha istituito tassi di interesse negativi nel 2014. Il Giappone ha fatto lo stesso nel 2016. Non è stata la soluzione che le banche speravano. La crescita economica misurata dal prodotto interno lordo, o PIL, in Europa è aumentata del 2% nel 2016, del 2,4% nel 2017, dell’1,8% nel 2018 e dell’1,2% nel 2019. In Giappone la crescita è stata dello 0,6% nel 2016, dell’1,9% nel 2017, dello 0,8% nel 2018 e dovrebbe scendere allo 0,5% nel 2019. E’ importante notare che molti fattori incidono sul PIL, e l’arresto della crescita potrebbe non essere completamente o direttamente attribuibile ai soli tassi di interesse negativi. E nessuna delle banche centrali che hanno istituito tassi di interesse negativi dopo la Grande Recessione è riuscita a far ripartire una crescita sufficiente per uscire dai tassi di interesse negativi. Come ha detto al Wall Street Journal un dirigente finanziario con sede a Berlino, nel complesso stiamo continuando a prendere un antidolorifico, ed è molto difficile uscirne. Infine, secondo uno studio dell’Università di Bath, i prestiti bancari sono crollati in Europa e in Giappone, anche se non abbiamo visto l’inflazione incontrollata che alcuni temevano.

Cosa potrebbero significare per gli investitori i tassi di interesse negativi negli Stati Uniti? In primo luogo, Treasuries, considerati un rifugio sicuro, avrebbero un rendimento minimo o nullo. Lo stesso vale per le obbligazioni societarie investment-grade. Ci si può anche aspettare che il settore finanziario del mercato azionario subirebbe un colpo. Il denaro potrebbe confluire in azioni a basso rischio come utilities e beni di prima necessità, così come REITs e Treasuries a più lunga durata, che possono avere rendimenti più elevati. La gente può anche diversificare acquistando beni fisici come l’oro o i beni immobili. Non sappiamo se i tassi negativi saranno mai istituiti negli Stati Uniti, ma è una possibilità e gli investitori dovrebbero prepararsi.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi