Perché fare gli iPhone della Apple in America è così difficile | WSJ

Mentre Apple cerca di sfuggire alle tariffe e alla guerra commerciale, sta spostando la produzione dalla Cina, ma non negli Stati Uniti. Ecco come il gigante tecnologico è diventato così dipendente da una catena di fornitura globale.

Quale di questi gadget Apple è quello strano? L’hai capito? La risposta è questo Mac Pro 2013. Non perché sembra un cestino, ma perché è l’unico assemblato negli Stati Uniti. Gli altri sono stati assemblati in Cina. Perché è così importante?

– Apple produce i suoi prodotti in Cina. Ho detto a Tim Cook, che è un mio amico, che mi è piaciuto molto, “Fai il tuo prodotto negli Stati Uniti”. “Costruite qui quelle grandi e belle fabbriche che vanno avanti per chilometri, a quanto pare”.

Il presidente Trump, che attualmente è nel bel mezzo di una guerra commerciale con la Cina, vuole che questi prodotti Apple siano più simili a questo (il Mac Pro). In realtà, vuole che siano prodotti completamente made in USA. Ma Apple, una delle aziende più esposte alla guerra commerciale, ha una delle più grandi e più profondamente integrate catene di fornitura globale. Quindi, Apple potrebbe mai riportare la produzione negli Stati Uniti?

– Abbiamo tassato la Cina su beni e prodotti venduti nel nostro paese per un valore di 300 miliardi di dollari.

La minaccia di imporre nuove tariffe potrebbe far aumentare il costo dell’iPhone XS di circa 40 dollari. Fortunatamente per Apple, quella tariffa è stata rinviata al 15 dicembre, e un precedente ciclo di tariffe su circuiti stampati e chip per computer ha avuto un impatto minimo sull’azienda. Mentre Cina e Stati Uniti continuano a lottare per il commercio, Apple sta già spostando parte della sua produzione per evitare tariffe e dazi commerciali, come in India, ad esempio, dove molti dei principali fornitori di Apple si stanno trasferendo. Non è un’impresa da poco. L’azienda ha spostato la produzione dagli Stati Uniti anni fa, costruendo una rete di fornitura globale. Elenca fornitori in oltre 25 paesi, con alcune parti prodotte in Cina sin dall’inizio degli anni 2000.

– La maggior parte dei nostri prodotti, a mio avviso, sono realizzati ovunque. In gran parte penso che questo sarà il caso anche in futuro.

Altri prima di Trump hanno cercato di convincere Apple a riportare i posti di lavoro in America. Il presidente Obama, secondo quanto riferito, ha chiesto a Steve Jobs che cosa ci vorrebbe per fare gli iPhone negli Stati Uniti, a cui Jobs ha risposti: “Quei lavori non stanno tornando indietro”.

– Ci sarà mai più un prodotto Apple realizzato negli Stati Uniti? – Voglio che ci siano. – Così ci sarà mai la possibilità di leggere sul retro di un prodotto Apple, “Progettato in California, assemblato negli Stati Uniti”? – Può essere.

L’azienda ha già provato in precedenza. Ricordi quel Mac Pro?

– E ‘stato progettato da brillanti ingegneri in California e assemblato qui negli Stati Uniti. (applausi del pubblico)

Una serie di debiti nella fabbrica del suo principale fornitore ha sollevato dubbi sulle condizioni di lavoro in Asia, così l’azienda ha investito 100 milioni di dollari per assemblare il Mac Pro ad Austin, Texas.

– Il motivo per cui il Mac Pro è stato realizzato negli Stati Uniti? Questo perché è un prodotto a basso rischio. Non ne sta facendo una tonnellata di questi. Quindi potrebbe spostarlo qui, testarlo e vedere se è in grado di produrre negli Stati Uniti. E se è così, allora potrebbe esplorare l’opportunità per altri prodotti.

Ma la fabbrica di Austin aveva problemi quando si trattava di trovare localmente abbastanza componenti per la produzione del Mac Pro, con conseguenti ritardi. Che cosa ha fatto l’azienda? Hanno importato alcune delle parti dalla Cina, dove i produttori avevano capacità produttiva per stare al passo con le richieste.

– Quanti costruttori di utensili e stampi conoscete ora negli Stati Uniti? Potrei chiamare una riunione in giro per gli Stati Uniti e dire: “Ogni attrezzista e fabbricante di stampi venga in questa stanza stasera” e non riempiremmo la stanza. In Cina, avreste bisogno di diverse città.

Recentemente, la produzione nello stabilimento di Austin si è esaurita. E la produzione del nuovo Mac Pro…

– Questo è il nuovo Mac Pro.

….è stata trasferito in Cina, secondo persone che hanno familiarità con i piani dell’azienda.

– Con il nuovo Mac Pro, non è affatto difficile trasferire la produzione in Cina. Questo è il playbook di Apple, giusto? Hanno perfezionato l’arte di fare le cose in Cina. Quindi la transizione del Mac Pro o di qualsiasi altro prodotto verso la Cina ha molto senso per loro.

Quindi, quali sono le scelte di Apple se vogliono navigare tra le tariffe? Hanno tre opzioni. Dato quanto costoso e complesso in è uscirvi, Apple può decidere di rimanere in Cina e ad un certo punto potrebbe pagare le tariffe, il che probabilmente renderebbe i prodotti Apple più costosi. Oppure Apple potrebbe spostarsi, ma non negli Stati Uniti. India e Vietnam sono solo due dei paesi che sperano di attirare Apple e i suoi fornitori. Infine, l’azienda potrebbe stipulare un accordo con Trump.

– Tim mi stava parlando di tariffe. E una delle cose sui cui mi ha fatto un buon esempio è che Samsung è il loro concorrente numero uno, e Samsung non paga le tariffe perché hanno sede in Corea del Sud. È difficile per Apple pagare le tariffe se sono in competizione. E ho pensato che avesse usato un argomento molto convincente, quindi ci sto pensando.

In luglio, Cook ha detto che le esclusioni tariffarie sono la chiave per Apple per fare il nuovo Mac Pro in America.

– Ecco cosa c’è dietro le esclusioni. Quindi lo spieghiamo e speriamo in un risultato positivo.

Abbiamo contattato Apple dopo l’ultima tornata di tariffe, ma l’azienda ha rifiutato di commentare ulteriormente. Apple non ha recentemente spostato nessuna delle sue produzioni negli Stati Uniti, ma dice di aver speso 60 miliardi di dollari con 9.000 fornitori e aziende statunitensi lo scorso anno, sostenendo 450.000 posti di lavoro. Stanno anche costruendo un nuovo campus ad Austin, Texas, la stessa città dove quel Mac Pro non è più in fase di assemblaggio.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi