Israele. Come ha fatto ad essere una delle capitali tecnologiche del mondo? | PolyMatter

Israele. Deserto. Poca terra, ma altamente produttiva. Soprattutto in campo agricolo, sorprendentemente… e tecnologico. Come ci sono riusciti?

Tu, il coraggioso, il temerario che sei, apri Google Maps, lancia il tuo mouse in aria e atterra qui. Ci sono palme, un sacco di ventenni che parlano nei loro AirPods, e ovunque guardi, un logo familiare: Apple, Amazon, Intel, Yahoo, Microsoft, Google. Tutto a pochi isolati l’uno dall’altro. Dove sei? La tua prima ipotesi potrebbe essere San Jose, forse Palo Alto o Mountain View. Cioè, a meno che tu non abbia notato la mancanza di Tesla o l’odore di Hummus o il titolo di questo video.

Questo è Silicon Wadi, un gruppo di città in Israele con una delle più alte concentrazioni di aziende tecnologiche e start-up sulla Terra. È la patria di Waze, Wix, SodaStream e Fiverr, archivia più brevetti pro capite di tutti tranne 4 paesi, ed è classificata la quarta nazione più amichevole in assoluto, dietro solo a Canada, Regno Unito e Stati Uniti.

La differenza è che questi paesi non sono vicini alla guerra civile siriana. 30 membri delle Nazioni Unite continuano a non riconoscere l’esistenza di Israele, compresa la maggior parte dei suoi vicini. In effetti, qualsiasi prova di viaggiare lì, su qualsiasi passaporto, ti impedisce di visitare otto di questi paesi. Per questo motivo, i francobolli doganali israeliani non sono sul tuo passaporto, ma su un pezzo di carta separato. Ma, nonostante tutto, nonostante la costante minaccia del terrorismo, nonostante sia solo leggermente più grande delle Fiji e con appena il due e mezzo per cento della popolazione degli Stati Uniti, Israele crea alcune delle aziende e degli imprenditori tecnologici di maggiore successo al mondo. Perché?

Come uno dei più importanti leader mondiali che consulta il mio canale per un consiglio, vuoi sapere come avviare la tua Silicon Valley. Bene, sei fortunato. La ricetta è in realtà piuttosto semplice: in primo luogo, compra alcuni tavoli da ping-pong, butta giù un paio di sacchi di fagioli e, in pochi minuti, una cavalcata di ragazzi alcolizzati di Soylent, indossando smartwatch, si riuniranno alla tua porta. Ancora meglio, perché non costruire alcuni appartamenti, un negozio di alimentari e, mentre ci sei, una farmacia. Quindi non se ne andranno mai! Vita lavorativa cosa? Stavo solo scherzando! Soprattutto.

Molti paesi e città hanno provato ad attirare affascinanti compagnie tecnologiche con agevolazioni fiscali, sovvenzioni, cacti da 21 piedi gratuiti e altre cose totalmente normali, ma quasi altrettanti hanno fallito. Dall’altra parte della penisola arabica, Dubai ha costruito le cosiddette “Free Zones“, aree con incentivi speciali per attrarre alcuni tipi di aziende, come le ditte biotech, studi cinematografici e aziende tecnologiche. A prima vista, Dubai Internet City sembra un grande successo. E, in una certa misura, è vero. Convinse Microsoft, Cisco, IBM, HP e Canon a investire milioni di dollari nel bel mezzo del deserto, in un momento in cui il futuro di Dubai era molto più incerto. Ma avere bellissimi edifici con famosi loghi su di essi non è la stessa cosa della creazione un ambiente di innovazione. Ne troverai tantissimo nelle Isole Cayman, ma non è esattamente il primo posto che ti viene in mente quando pensi alla “ricerca d’avanguardia”.

Nel frattempo, la Silicon Valley lo è, nonostante il suo altissimo costo di fare affari. In altre parole, le agevolazioni fiscali possono portare le aziende, ma non necessariamente l’innovazione. Le aziende arrivano a Dubai in gran parte per la promessa di nessuna tassa sul reddito o sulle società per 50 anni, ma spesso solo per marketing, supporto e vendite, mentre assumono la maggior parte dei loro ingegneri negli Stati Uniti, in India e in Israele. Quindi, che cosa hanno quei paesi che altri no?

Ci sono tre ingredienti base per una scena tecnologica di successo. Il primo è Talento. Uno dei migliori predittori è, senza sorprese, l’educazione. Nelle parole di Scott Galloway, “Trova le università che stanno ottenendo la massima trazione in ingegneria o STEM, e troverai un ecosistema in grado di produrre un unicorno.” Fondamentalmente, metti un gruppo di persone intelligenti e ambiziose in un piccolo, spazio contenuto, cospargile di idealismo, le idee si scontreranno e accadranno cose buone. A livello di una nazione, le università parlano di prossimità, e ehi, se anche tu impari qualcosa lungo la strada, quello è un bonus! Che è una grande notizia per Israele, uno dei paesi più istruiti al mondo. Circa il 47% di quelli sopra i 25 anni ha un diploma universitario. L’Università Ebraica di Gerusalemme, l’Università di Tel-Aviv e l’Istituto israeliano di tecnologia sono tutte scuole competitive a livello mondiale. E poiché il Paese è così piccolo e la sua popolazione è così concentrata in poche regioni, ha lo stesso terreno fertile per l’imprenditorialità di un campus universitario, su scala molto più ampia. Circa il 92% degli israeliani vive in aree urbane, quasi interamente nella metà settentrionale del paese. Le startup, quindi, sono circondate da clienti, partner commerciali e concorrenti.

L’altro aspetto del Talento spesso trascurato, ma altrettanto importante, è la demografia. Non solo quanto è grande una popolazione, ma anche come è. Ad esempio, è fuorviante dire solo che il Giappone ha 126 milioni di persone e l’Etiopia 98. Ciò che quei numeri grezzi nascondono sono la loro età e il loro background, che può agire come un moltiplicatore economico libero o come una rovinosa e costosa disfatta. La popolazione del Giappone può essere grande, ma ha una forma sfortunata – troppa gente anziana per non abbastanza giovani. A meno che milioni di giapponesi non cambino improvvisamente idea e inizino ad avere figli domani, la terra del sol levante si adagerà lentamente, mentre l’Africa si trasformerà nel prossimo grande mercato di consumo.

Ora, la crescita di Israele non è così drammatica, ma sta crescendo, il che è più di quanto si possa dire sul futuro dei paesi più sviluppati, tra cui tutta l’Europa, gli Stati Uniti, il Canada, l’Australia e la Cina. Il problema non è che il Giappone non abbia persone in età lavorativa. Anche se la sua popolazione si restringe, ci saranno a lungo milioni e milioni di lavoratori. Ma saranno occupati a prendersi cura dei loro genitori, non a inventare la prossima grande cosa. Israele, nel frattempo, ha abbastanza persone per prendersi cura dei vecchi e dei giovani, con un sacco di cose da fare. Ha anche qualche aiuto in più: l’immigrazione. La Legge del Ritorno consente a qualsiasi ebreo, al suo coniuge, ai figli, ai nipoti e persino al coniuge non ebreo di venire in Israele e ottenere la cittadinanza. Ci sono persino borse di studio per coprire le tue spese mentre impari l’ebraico. Il risultato di tutto ciò è che ci sono 140 scienziati, tecnici e ingegneri per ogni 10.000 impiegati israeliani, rispetto a solo 85 negli Stati Uniti.

Il secondo ingrediente, molto più semplice, è il Capitale. Avviare un’impresa è costoso e qualcuno deve firmare gli assegni. La buona notizia è che l’unica cosa che Silicon Valley odia di più di alloggi a prezzi accessibili non è disponibile. Gli investitori versano denaro in società la cui unica abilità è migliorare la velocità con cui possono svuotare centinaia di banconote da un dollaro nel water semplicemente perché non vogliono la sensazione di aver perso un’opportunità. (Tosse) SoftBank. Una volta che la parola viene fuori che da qualche parte, come Israele, è bravo a produrre startup di alto valore, trovare investitori diventa esponenzialmente più facile. Più sono vere le verifiche, più le società di venture capital prestano attenzione. Il governo di Israele ha iniziato a far girare la cosa negli anni ’90 con grandi incentivi per chiunque sia disposto a venire a investire nel paese. Oggi, il 4,5% del suo PIL totale è destinato alla ricerca e allo sviluppo, che è appena inferiore al primo posto della Corea del Sud. Ora, produrre un sacco di giovani laureati intelligenti e dare loro pacchi di denaro è bello e tutto a meno che non prendano quelle competenze e quel capitale in California, dando agli americani i posti di lavoro e le tasse.

Il terzo ingrediente è, quindi, un alto standard di vita. Gli israeliani devono voler rimanere nel paese. È un fatto divertente per il Sudafrica che Elon Musk sia cresciuto lì, ma non è molto utile, perché Tesla e SpaceX sono aziende americane. E questo è più difficile di quanto sembri. Da un lato, imprenditori e dipendenti si occupano di assistenza sanitaria, criminalità, trasporto pubblico e così via. Ma è un equilibrio. Perché, mentre salgono gli stipendi, le aziende sono meno attratte dal costo inferiore di assumere un ingegnere israeliano – attualmente 73 mila dollari, per esempio, rispetto ad un californiano a 114 mila. I salari sono così alti nella San Francisco Bay Area, ad esempio, che, se ti senti particolarmente a buon mercato, potresti comprare un jet privato da $ 20 milioni per risparmiare denaro, quindi puoi assumere dipendenti a Houston meno costosi e farli volare fino lì per la giornata lavorativa. Israele deve essere abbastanza attraente per le persone ma non così costoso che le aziende guardino altrove.

Insieme, questi tre ingredienti fanno molto per rendere Israele una delle capitali tecnologiche del mondo. Ma c’è anche un altro fattore, più difficile da misurare, ma non meno reale da considerare: la cultura. Se ti sei laureato a Stanford in Scienze informatiche il venerdì, c’è una reale possibilità che tu possa entrare in una Facebook o una Microsoft lunedì e inizi a guadagnare $ 100+ migliaia di dollari all’anno. Oppure potresti passare le tue giornate a mendicare i soldi con la possibilità di perdere molto solo per tornare al punto di partenza. Quando la stragrande maggioranza delle nuove aziende fallisce, iniziare una è un rischio enorme, soprattutto considerando quanto sia redditizia l’alternativa. Ci vuole un certo tipo di personalità che è disposto a fallire – e lo fa molto pubblicamente.

In molti paesi asiatici, la cultura del risparmio fa diventare l’imprenditorialità impensabile per molti. Il danno alla reputazione del fallimento è semplicemente troppo grande. In Israele, tuttavia, uno spirito di Chutzpah – grosso modo, audacia o coraggio – ha solo l’effetto opposto. L’autrice del libro Start-up Nation scrive “Da qualche parte lungo la strada – a casa, a scuola o nell’esercito – gli israeliani apprendono che l’assertività è la norma, la reticenza qualcosa che rischia di rimanere indietro.” Israele è uno dei una manciata di paesi che richiedono un lungo servizio militare per tutti – 3 anni per gli uomini e 2 per le donne. Durante il loro servizio, gli israeliani imparano abilità che si applicano al posto di lavoro, formano amici e partner commerciali per tutta la vita e ricordano che il loro paese non può essere compiacente.

In definitiva, Israele dimostra che non c’è un singolo fattore per il successo economico. Ha alti tassi di istruzione, molti investimenti pubblici e, soprattutto considerando la sua geografia, un impressionante tenore di vita. Ma non è classificato al primo posto in nessuna di queste categorie. Invece, una combinazione di tutte queste cose, insieme a fattori come gli aiuti esteri americani, permettono al paese di prosperare. Mostra anche che le politiche governative dall’alto verso il basso sono così efficaci nell’incoraggiare l’imprenditorialità. I paesi possono distribuire il denaro a destra e a sinistra, ma l’innovazione avviene a livello individuale – la tua capacità di assumersi dei rischi, avviare nuovi progetti e apprendere nuove cose.

Altri post che potrebbero interessarti