Come i ricchi evitano di pagare le tasse | CNBC

Più soldi fai, più devi pagare le tasse, giusto? Non sempre. Gli ultra-ricchi tipicamente approfittano di regole nel codice fiscale che permettono loro di abbassare la loro aliquota fiscale effettiva. Warren Buffet ha spesso sottolineato che paga meno tasse della sua segretaria e Amazon ha notoriamente pagato zero tasse nel 2018. Quindi, esattamente, in che modo i più grandi ricchi del Paese stanno usando il codice fiscale per evitare di pagare le tasse?

**************

“In generale, i ricchi d’America sono diversi quando si tratta di pianificazione fiscale a causa delle opzioni che possono avere con la categorizzazione dei beni che detengono”, ha detto Ron Carson, fondatore e CEO di Carson Group e co-autore di “Avalanche: I 9 principi per scoprire la vera ricchezza”.

“Il loro patrimonio netto spesso presenta delle opportunità nella pianificazione fiscale per aiutare a proteggere i loro beni”, ha aggiunto.

Il miliardario Warren Buffett, amministratore delegato della Berkshire Hathaway, ha ripetutamente sottolineato la disparità, sostenendo che gli americani ricchi pagano tasse meno alte alte. Per fare questa argomentazione, ha notoriamente notato che paga meno tasse, su base percentuale, della sua segretaria e di altri impiegati, dato che la maggior parte della sua ricchezza è in azioni piuttosto che in reddito da lavoro dipendente.

La capacità dei ricchi di abbassare le loro tasse non è una novità, ma c’è stato un recente grido d’allarme per far pagare di più i ricchi. La senatrice Elizabeth Warren, che rappresenta il Massachusetts e ha lanciato la sua campagna per la nomination presidenziale democratica del 2020, ha proposto una tassa del 2% ogni anno sulle famiglie con beni oltre 50 milioni di dollari e del 3% sulle famiglie con beni oltre 1 miliardo di dollari. La rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez, D-New York, vuole applicare un’aliquota marginale del 70% sul reddito sopra i 10 milioni di dollari. E il senatore indipendente Bernie Sanders, del Vermont, sta cercando un aumento dell’imposta patrimoniale.

L’attuale codice fiscale, revisionato quando il Tax Cuts and Jobs Act è stato firmato in legge alla fine del 2017, ha portato giù la fascia d’imposta sui più alti guadagni. I più ricchi ora pagano un tasso massimo del 37% sul loro reddito imponibile, dal 39,6%. Eppure, potrebbe comunque prendere un grosso morso dal portafoglio di un miliardario – quindi questo significa pensare in anticipo su come risparmiare.

“Per le persone ricche, la pianificazione fiscale non è qualcosa che si fa alla fine dell’anno”, ha detto la CPA Lisa Featherngill, un membro del comitato esecutivo di pianificazione finanziaria personale dell’American Institute of CPAs. “È in cima alla mente durante tutto l’anno”.

Quindi, se volete trovare un modo per abbassare le vostre tasse come fanno i ricchi, potrebbe essere una buona idea incontrare un consulente finanziario o un CPA.

“Esplora le possibilità di categorizzare il tuo patrimonio in tre posizioni fiscali – imponibile, differito e esente da imposte – per proteggere al meglio ciò che hai costruito”, ha detto Carson, un membro del Consiglio dei consulenti della CNBC.

Mentre ci sono diversi modi creativi in cui i ricchi cercano di abbattere le loro tasse, ecco cinque delle strategie più comuni sul loro radar.

Donazioni caritatevoli

Dare soldi alle organizzazioni no-profit è stato a lungo un modo per i ricchi di ottenere una deduzione sulle loro tasse. E sotto la nuova legge fiscale, l’importo che si può dedurre è aumentato – al 60 per cento del reddito lordo corretto, dal 50 per cento.

Un modo in cui i ricchi hanno approfittato della deduzione è la creazione di servitù di conservazione, ha detto Featherngill, che è anche il capo nazionale di eredità e pianificazione patrimoniale presso Abbot Downing a Winston-Salem, North Carolina.

Un grande appezzamento di terreno può avere qualche valore intrinseco. “Forse si trova su un campo di migrazione per gli uccelli, forse confina con un fiume o forse è uno spazio verde in un’area troppo sviluppata”, ha spiegato. “Spesso si può lavorare con i fondi di conservazione della terra e si può prendere una deduzione caritatevole per il valore della servitù di conservazione che si mette sulla proprietà”.

Il pagatore medio può, naturalmente, anche prendere una deduzione per i contributi caritatevoli – ma hanno un ostacolo più alto da superare. Per farlo, devono categorizzare le loro tasse. Il Tax Cuts and Jobs Act ha quasi raddoppiato la deduzione standard a 12.000 dollari per gli individui e 24.000 dollari per le coppie sposate che depositano, quindi le deduzioni categorizzate dovrebbero superare questi importi.

Aumentare l’esposizione azionaria, gestire i guadagni

Ai ricchi piace investire in azioni perché quando arriva il momento di vendere, le tasse sono tipicamente più basse delle aliquote sul reddito da lavoro dipendente – se, cioè, l’azione è stata tenuta per più di un anno. Possono anche permettersi di correre rischi maggiori.

“Molti che hanno un patrimonio netto più elevato hanno anche preferenze di tolleranza al rischio e capacità di rischio più elevate, quindi i fondi a data definita e a basso rischio non hanno sempre senso”, ha detto Carson.

Le aliquote fiscali sui guadagni di capitale a lungo termine sono pari a zero, 15 percento e 20 percento, a seconda del tuo reddito. Gli scaglioni fiscali federali sui salari vanno dal 10 per cento per il salariato più basso al 37 per cento per il più alto. Le tasse sui guadagni di capitale a breve termine sulle azioni tenute per meno di un anno sono legate alla tua fascia fiscale federale.

I ricchi cercano anche di gestire quei guadagni e perdite di capitale a loro vantaggio fiscale, ha sottolineato Featherngill.

Per esempio, ci tende ad essere una “raffica di attività” alla fine dell’anno, con le persone che cercano di prendere le perdite per compensare alcuni dei guadagni che hanno raccolto all’inizio dell’anno. Sta anche vedendo persone che investono in programmi di zone di opportunità, che investono in comunità a basso reddito, come un modo per differire le plusvalenze.

È qualcosa che può essere fatto da chiunque, non solo dai ricchi. “Se il guadagno è abbastanza grande, in termini di materiale sufficiente per loro, possono cercare modi per differire le tasse sui guadagni”, ha detto.

Gestire i beni come un business

Un modo per risparmiare sulle tasse è creare una struttura – come una società a responsabilità limitata, o LLC – per gestire più investimenti, ha detto Featherngill. Potrebbe includere beni di portafoglio, immobili o un business.

Mentre potrebbe diventare complesso, ci possono essere opportunità per risparmiare denaro mentre allo stesso tempo si crea una struttura di governance per le tue attività, ha spiegato. “Se la LLC è una società di gestione che fornisce supervisione e consulenza ai proprietari delle attività, in determinate circostanze le spese sostenute dalla LLC saranno deducibili come spese aziendali”.

Esenzioni per successioni e donazioni

Le deduzioni per donazioni e successioni aiutano a ridurre il reddito imponibile, ma c’è ancora più motivo di approfittarne ora.

Grazie alla nuova legge fiscale, le deduzioni sono state temporaneamente raddoppiate. Gli individui possono ora richiedere fino a 11,18 milioni di dollari, rispetto al limite di 5,29 milioni di dollari a persona nel 2017. L’esenzione scade dopo la fine del 2025, quindi i ricchi ne stanno approfittando, ha detto Featherngill.

Molti di loro stanno istituendo trust a lungo termine, come un Delaware Dynasty Trust, che permette alla ricchezza di essere passata di generazione in generazione, ha detto. Mentre è soggetto alle imposte sul reddito lungo la strada, non sarà tassato come un dono se soddisfa il limite e non sarà soggetto all’imposta patrimoniale quando il denaro esce.

Tuttavia, dati i costi coinvolti nella creazione e gestione di un trust multigenerazionale, ha senso solo quando si hanno 5 milioni di dollari o più da impegnare, ha detto Featherngill.

Piano a benefici definiti

Un piano a benefici definiti, simile a una pensione vecchio stile, permette agli imprenditori di contribuire con una quantità sostanziale di denaro alla pensione.

Nella giusta situazione questo può significare “ben oltre 200.000 dollari all’anno” per un singolo proprietario, ha detto Carson. “Questo può essere un ottimo modo per un individuo con un alto patrimonio netto che gestisce un’azienda di successo per mettere da parte denaro defiscalizzato oltre a quello che possono mettere da parte in un 401(k)”.

È particolarmente attraente per i ricchi a causa delle limitazioni sulla deduzione del 20% del reddito d’impresa qualificato che è una parte della nuova legge fiscale. Il limite sul QBI è di 157.500 dollari di reddito rettificato per i single e di 315.000 dollari per le coppie sposate in comune.

Il contributo a un piano a benefici definiti “aiuterà a far scendere il reddito imponibile dell’individuo, riducendo le loro tasse per l’anno corrente”, ha notato Carson. Può anche portarli al di sotto delle soglie “per qualificarsi per la deduzione del 20 per cento”.

Tuttavia, i piani a benefici definiti non funzionano per tutti gli imprenditori ad alto reddito. Dovete capire se si adatta al vostro risparmio pensionistico e alle vostre esigenze operative aziendali, ha detto Carson.

“Devi assicurarti che si adatti ai tuoi risparmi pensionistici e alle tue esigenze operative aziendali”, ha detto. “Per altri, un SEP IRA, SIMPLE IRA, o 401 (k) potrebbe essere un modo più economico e più efficace per risparmiare e ridurre la tua fattura fiscale”.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi