Cina. L’economia torna a correre | Financial Times

Don Weinland del Financial Times guarda cosa c’è dietro le migliorate previsioni del PIL della Cina per il resto dell’anno.

Le cose stanno migliorando per la Cina. La seconda maggiore economia mondiale è cresciuta del 6,4 per cento nei primi tre mesi dell’anno, un po ‘più alta delle aspettative degli economisti del 6,3 per cento. Che cosa significa questo per la Cina? Per prima cosa, mostra che le preoccupazioni su una guerra commerciale con l’America stanno svanendo. Il presidente Donald Trump ha fatto marcia indietro il mese scorso sul promettere di aumentare le tariffe sui prodotti cinesi, e i due paesi mirano a concludere i colloqui entro un mese.

Sul fronte interno, i numeri del prodotto interno lordo roseo dimostrano che un piano di stimolo sta prendendo piede. La Cina di solito aspetta fino a marzo per allocare le quote dei titoli di stato locali. Quest’anno, Pechino ha fatto in modo che i governi locali stessero ottenendo il debito già a gennaio, per poterli spendere in progetti infrastrutturali. Per dimostrare che sono seriamente intenzionati a spendere, i leader locali hanno raccolto 1.2 trilioni di Rmb. Questo è circa $ 179 miliardi nel primo trimestre. Nello stesso periodo nel 2017 e nel 2018, non hanno ottenuto nulla. C’è anche un taglio delle tasse di 2 trilioni di Rmb in arrivo.

Gli economisti sono indecisi se le tasse avranno un impatto significativo quest’anno. Ci sono dei rischi? Assolutamente. Il più grande è una sorpresa indesiderata sui colloqui commerciali con gli Stati Uniti. Un cattivo accordo, o nessun accordo per la Cina, potrebbe distruggere il sentimento degli investitori e anche danneggiare gli esportatori, che sono la spina dorsale dell’economia cinese.

Gli economisti non sono troppo preoccupati per il settore immobiliare cinese, uno dei maggiori contribuenti alla crescita del PIL. Le vendite di immobili sono aumentate, così come i prezzi, secondo a un recente sondaggio. Ma ci sono alcuni segni di un rallentamento nella costruzione. Le vendite di terreni sono diminuite nei primi tre mesi del 2019. Ciò significa che gli sviluppatori non compreranno tanto, e probabilmente non costruiranno tanto quest’anno. Qualsiasi forte, inaspettata correzione del mercato sarebbe devastante per la crescita in Cina.

C’è anche una possibilità che lo stimolo possa avere la meglio sulla Cina. Se l’accordo commerciale con gli Stati Uniti produrrà un risultato positivo il prossimo mese, Pechino probabilmente dovrà attenuare la spesa per evitare una crescita eccessiva del debito.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi