FED. La spiegazione della sua svolta da colomba | PIMCO

Il perno accomodante della Fed a marzo ha indicato che la politica monetaria restrittiva non è più giustificata, ma cosa significa questo per i mercati? Gli esperti di PIMCO Tiffany Wilding e Joachim Fels discutono le implicazioni di questo cambiamento di politica e ciò che gli investitori dovrebbero sapere.

Tiffany: Pensiamo che la Fed potrebbe aver terminato il suo ciclo di restrizione, e nel complesso, più in generale, per l’ultimo anno, abbiamo caratterizzato l’equilibrio dei rischi che la Fed sta cercando di gestire come realmente duplice.

Il primo è il rischio che la Fed tenda eccessivamente ad aumentare i tassi di interesse forse un po ‘troppo rapidamente rispetto a ciò che l’economia può gestire, e quindi il secondo rischio è ovviamente che la Fed non si stringe abbastanza e si vede un aumento del rischio di inflazione. All’incontro più recente di marzo, i membri della Federal Reserve hanno avanzato una previsione che fondamentalmente aveva tassi di interesse in calo dell’attuale 2,4 percento. Così efficacemente, ciò che la Fed stava dicendo ai mercati è: “Non vediamo più la necessità di una politica monetaria restrittiva, e i tassi stanno andando a segno da qui”.

Joachim: il perno accomodante della fed ha implicazioni importanti per la nostra visione ciclica. Innanzi tutto, guardando agli Stati Uniti, penso che le piatteforme di quella che chiamiamo la “nuova neutrale” per i tassi di interesse riducano il rischio di overkill monetario, e quindi riducano in qualche modo il rischio di una recessione nei prossimi 12-18 mesi. La seconda implicazione riguarda le altre banche centrali. Un’alimentazione più accomodante significa che anche altre banche centrali dovranno semplificare un po ‘di più. E abbiamo già visto la Banca centrale europea da un lato, e la Banca del Giappone, dall’altro, come abbiano esteso la loro politica dei tassi di interesse estremamente bassa più a lungo. E ciò significa che c’è più sostegno all’economia globale. Aiuta a contrastare la recessione globale che vediamo svolgersi sul nostro orizzonte ciclico.

Tiffany: Quindi con tassi al 2,4% e attesi in linea di massima, molti clienti ci hanno chiesto se pensiamo che ci sia abbastanza spazio per la Fed per stimolare l’economia in caso di crisi, e pensiamo che sia una, sicuramente un domanda chiave. Quindi pensiamo che ci siano davvero due modi in cui la Fed può, può fare, assicurarsi di avere abbastanza potenza di fuoco per stimolare l’economia.

Il primo è, sta concentrando e rafforzando i suoi strumenti di politica non convenzionale, e questi sono stati davvero gli strumenti che hanno usato dopo la crisi finanziaria del 2008 e includono strumenti come i loro programmi di allentamento quantitativo dove essi, effettivamente, acquistano obbligazioni per deprimere i tassi di interesse a lungo termine. Includono anche i modi in cui deprimere i tassi di interesse, inclusi gli orientamenti a termine, e ci sono vari modi in cui la Fed potrebbe emanare orientamenti avanzati. Dopo la crisi, hanno usato le indicazioni per il futuro basate sul calendario, ma c’è stata più discussione più recentemente su quelle che chiamiamo strategie di “trucco”, una delle quali sarebbe l’inflazione, e se hai un certo periodo in cui l’inflazione è inferiore ai tuoi target del due percento, quindi si consente un periodo di overshoot per compensare tale undershoot.

Joachim: Quanto è probabile che ciò accada? Pensiamo che sia abbastanza probabile che la Fed alla fine ne incorpori un po ‘nella sua politica monetaria. Pensiamo che il loro approccio sarà evolutivo, piuttosto che rivoluzionario. Come possono ottenere questo? Beh, devono semplicemente gestire l’economia più a lungo. E per fare questo, devono mantenere bassi i tassi di interesse a lungo. Quindi, l’implicazione è se la Fed si muove verso queste strategie di trucco, il che probabilmente significa che in media in tempi normali i tassi di interesse saranno inferiori a quelli normali.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi