Capitalismo. L’ideale sconosciuto? | EconClips

Capitalismo – L’ideale sconosciuto? Esiste un sistema politico basato interamente su interazioni volontarie interpersonali, in base alle quali un cittadino ha un completo e totale controllo sulla propria vita? Un sistema politico che non preveda né il signore né il servo, né il proprietario né lo schiavo? In base al quale una persona ha il diritto individuale di separare il bene dal male e di essere libero proprio come il piccolo principe?

Iniziamo affrontando una domanda importante: che cos’è la politica? Ci sono numerose definizioni. Una definizione enciclopedica afferma: “Secondo la filosofia politica, la politica è una lotta per attuare l’idea del Bene (Platone), per raggiungere la felicità intesa come eudaimonia (Aristotele), per ottenere, mantenere e rafforzare il potere (Niccolò Machiavelli), per introdurre e mantenere uno stato di pace sociale (francese les politiques del XVI secolo) o per realizzare il bene comune (la tradizione moderna repubblicana), la politica agisce anche come entità collettiva di fronte alla minaccia di un nemico (Carl Schmitt), o capacità di gruppi che influenzano la società per raggiungere un compromesso “.

Per dirla semplicemente, la politica stabilisce le regole dei comportamenti interpersonali, definendo così sia i modi in cui una persona può trattare un altro sia le istituzioni che custodiscono queste regole. Se ci fosse solo un individuo nel mondo intero, non avrebbero bisogno di politica. Non c’è governo né governato sull’asteroide chiamato B 612. Solo il piccolo principe vive lì, quindi è completamente libero e può vivere come gli pare. Dopotutto, la sua vita è sua e lui può decidere al meglio come viverlo. Il piccolo principe non si preoccupa della politica. È vero che dovrebbe ancora preoccuparsi della moralità per conoscere il bene dal male per amore della propria vita, ma concetti come i “diritti” sono inutili per lui. Anche le leggi ovvie come il diritto alla vita o il diritto alla proprietà sono relazionali, e come tali hanno un significato solo quando altre persone che possono rispettare questi diritti (o meno) sono coinvolti. E solo quando ci sono altre persone attorno al palcoscenico è impostato il concetto di sistema politico che governa le norme ei principi della convivenza nella società che consiste in individui interagenti.

Semplicemente parlando, le persone interagiscono in due modi: volontariamente e coercitivamente. Le interazioni volontarie sono quelle fatte dalle parti consenzienti: quando un fornaio impiega un aiutante; quando una coppia innamorata si sposa; quando acquisti un’auto usata trovata attraverso un annuncio. Ogni parte ritiene che la loro decisione sia stata buona per loro e migliorerà la loro vita. Altrimenti non lo farebbero. Le interazioni coercitive ricorrono alla violenza per imporre decisioni su altre persone senza il loro consenso: quando uno schiavo è costretto a lavorare; quando i genitori minacciano di usare violenza se il loro bambino non sposa una persona che hanno scelto; o quando un ladro ruba la tua auto. In tutti questi casi una parte usa o minaccia di usare la violenza contro un’altra parte. Questo è ciò che rende queste interazioni coercitive. Molte persone sostengono, tuttavia, che ci sono alcune interazioni sociali coercitive necessarie, come tasse, corsi obbligatori di storia nelle scuole o divieti di consumo pubblico. I sistemi politici che aderiscono a questa nozione sono chiamati interventisti, poiché i loro sostenitori si aspettano che il governo intervenga nelle scelte private dei suoi sudditi, limitando la loro libertà di agire.

Non discuteremo qui né lo scopo di tale intervento, né se sia appropriato. Ma pensiamo a qualcosa qui: esiste un sistema politico basato interamente su interazioni volontarie interpersonali, in base alle quali un cittadino ha un completo e totale controllo sulla propria vita? Un sistema politico che non preveda né il signore né il servo, né il proprietario né lo schiavo? In base al quale una persona ha il diritto individuale di separare il bene dal male e di essere libero proprio come il piccolo principe? Passiamo alla filosofia per le risposte: secondo Ayn ​​Rand, il filosofo americano e noto teorico della libertà, ogni individuo (adulto) ha lo stesso pieno diritto alla propria vita, e né le istituzioni governative né altre persone indipendentemente dal loro i bisogni possono esercitare potere sulle decisioni, sul corpo o sulla proprietà dell’individuo. In altre parole, nessuna persona può promuovere i propri obiettivi contro la volontà di altri individui trattandoli come oggetti o strumenti. Qualsiasi persona ha intrinsecamente diritti naturali al diritto alla vita (che è ovvio), accompagnata dal diritto alla proprietà necessario e al diritto alla libertà, cioè a scegliere il proprio modo di lottare per la felicità.

Quindi, cosa può violare i diritti naturali e limitare la libertà individuale? Solo la forza fisica o la sua minaccia credibile possono farlo (no, non siamo capaci di attività paranormali come la telecinesi!). Pertanto, un sistema politico ideale che protegga gli individui il più possibile in modo che possano vivere liberamente e secondo la loro volontà dovrebbe eliminare la violenza fisica dalle relazioni interpersonali. Secondo Rand: “In una società capitalista [che riconosce i diritti individuali], nessun uomo o gruppo può iniziare l’uso della forza fisica contro gli altri. L’unica funzione del governo, in una società del genere, è il compito di proteggere i diritti dell’uomo, cioè il compito di proteggerlo dalla forza fisica; il governo agisce come agente del diritto di autodifesa dell’uomo, e può usare la forza solo per rappresaglia e solo contro chi inizia il suo uso “.

La libertà è il concetto chiave nel sistema capitalista. Un uomo che vive su un pianeta vuoto è libero – non c’è nessun altro che gli impedisca di accendere un fuoco o scavare un tunnel dall’altra parte. In una società libera in cui la politica ha il suo posto, alcune attività devono essere proibite, in modo che tutti possano godere degli stessi diritti. La VIOLENZA (o meglio, la sua iniziazione! – non sarebbe saggio vietare azioni difensive contro l’attaccante) dovrebbe essere proibita. E, secondo molti sostenitori del capitalismo, questa regola è l’unico ruolo appropriato della politica e l’unico ruolo appropriato del governo – assicurandosi che tutte le relazioni tra individui siano, secondo la propria volontà, giudizi, credenze e interessi, volontarie e non violente.

La libertà non è il valore ultimo, né garantisce il bene universale; ma rende il raggiungimento degli obiettivi morali e l’essere buoni possibili. Parafrasando le parole di Lord Acton: “La libertà consiste non nel fare quello che ci piace, ma nel avere il diritto di fare ciò che dobbiamo”. La moralità può emergere solo quando le persone sono libere – dove regna la violenza, non può esserci nulla di buono. Il capitalismo è allora … il sistema perfetto? È difficile sapere – il capitalismo come definito radicalmente è ancora un ‘ideale sconosciuto’. Mai nella storia uno stato ha adottato coerentemente una politica basata sul principio di non-iniziazione della violenza (cioè la base etica del puro capitalismo). Ma ci sono paesi che possono vantare più interazioni volontarie (come Svizzera, Danimarca, Hong Kong o Stati Uniti), e poi ci sono quelli che intervengono molto nella vita delle persone (come Iran, Venezuela, Congo o Russia). L’esperienza mostra che maggiore è la libertà di cui gode una società, il più alto tasso di sviluppo e un più elevato tenore di vita che ha, perché le persone libere sono in grado di utilizzare tutto il potenziale della loro ragione, quindi “soggiogare la terra”; e quando sono minacciati di violenza, la gente smette di ragionare.

Le categorie di violenza e ragione sono contraddittorie. Il commercio, gli investimenti, lo scambio di beni e servizi, la libertà di impiego e gli affari che nell’ultimo quarto del secolo hanno ridotto la povertà mondiale del 75%, l’analfabetismo di quasi il 60%, la mortalità infantile del 55% e l’inquinamento del 65%. Quale termine useresti per separare più facilmente il mondo prima della fine del diciottesimo secolo da quello contemporaneo? Corea del Nord dalla Corea del Sud? Cina negli anni ’70 e Cina oggi? Polonia prima e dopo la “trasformazione economica”? È il capitalismo. “Un buon sistema per le persone cattive” – ​​incompreso e attaccato, il suo marchio viene costantemente attaccato alle sue antitesi, come i governi che stampano denaro, salvano le banche o introducono regolamenti per proteggere le grandi imprese.

Prova ad immaginare un mondo in cui le leggi dell’economia siano state scoperte 200 anni prima del loro tempo. O un mondo in cui la propaganda sarebbe stata sostituita da fatti, potere per libera scelta, guerra per il commercio e in cui la politica sarebbe stata limitata al minimo indispensabile. Prova ad immaginare un mondo governato dalla ragione, non dal pugno. Sarebbe un’utopia? Il puro capitalismo non è mai esistito, quindi significa che non può esistere? Si può essere fiduciosi – per centinaia di anni le persone non potevano immaginare un mondo senza divisioni ereditarie di classe o schiavitù (“utopia!” – erano d’accordo). Tuttavia, gradualmente la portata della libertà è aumentata e oggi celebriamo l’uguaglianza delle persone di fronte alla legge indipendentemente dal genere, dalla razza o dalla religione in quasi tutto il mondo. Forse un giorno in futuro raggiungeremo la pura libertà e la completa proprietà?

Ci sono molte ragioni sia teoriche che empiriche per affermare che tale direzione è e sarebbe vantaggiosa. Tuttavia, dobbiamo tenere a mente due cose: – Questo tipo di cambiamento non è automatico. Sia lo sviluppo ‘spirituale’ che quello materiale non sono ambientati nelle stelle, né si trovano in una sorta di natura geologica del pianeta. È conoscenza e idee degli uomini che possono risultare sia nel Terzo Reich che negli Stati Uniti. Pertanto, guidati dai fatti, dalla logica e dalle conclusioni tratte per esempio dalla storia dei sistemi politici, dovremmo rivalutare costantemente le nostre convinzioni.

Dobbiamo anche ricordare che l’obiettivo non è un sistema sociale, ma la vita umana; quindi dobbiamo mirare a condizioni che lo favoriscano meglio. Per quanto riguarda il piccolo principe, se si preoccupasse della politica, quale sistema considererebbe il migliore per se stesso? Uno basato sulla coercizione e che alla fine porta alla scarsità di cibo, alla propaganda o ai campi di lavoro, dove la vita di un individuo appartiene ad altri …? O uno basato sulla libertà, uno che produce tecnologia moderna, assistenza medica, diversità e disponibilità di beni, parchi di divertimento, veicoli e gadget elettronici, in cui la vita di un individuo appartiene a se stessa …?

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi