Biohacking. Perché vivremo fino a 180 anni | Big Think

Dall’hacking informatico al biohacking, Dave Asprey ha intrapreso una ricerca per invertire il processo di invecchiamento.

Da adolescente, il fondatore di Bulletproof, Dave Asprey, ha iniziato a sperimentare problemi di salute che in genere affliggono gli anziani. Dopo essersi circondato da ricercatori e scienziati anti-invecchiamento, ha scoperto che gli strumenti del biohacking potevano cambiare radicalmente la sua vita e migliorare la sua salute. Ora è fiducioso di vivere almeno 180 anni. “Si scopre che quegli strumenti che rendono giovani le persone anziane fanno esplodere i giovani”, dice.

Dave Asprey è un imprenditore tecnologico della Silicon Valley, un biohacker professionista, l’autore dei best seller del New York Times Game Changers, Head Strong e The Bulletproof Diet, il creatore di Bulletproof Coffee e l’host di Bulletproof Radio, il vincitore del Webby Award, numero uno dei podcast organizzati. Il suo nuovo libro è Super Human: The Bulletproof Plan to Age Backward e Maybe Even Live Forever.

Quando avevo 14 anni mi è stata diagnosticata l’artrite alle ginocchia. E ricordo che, tornando a casa, sono stato scosso. Perché nella mia mente, come quattordicenne, ho detto, guarda, questa è una malattia che hanno gli anziani. E ora che ho 46 anni, quando dico “anziani”, sto parlando di persone che rispetto e ammiro, le fonti della saggezza. E coltivo gli amici, quando li trovo, almeno due volte più vecchi di me, perché conoscono tutte le cose che non ho ancora imparato.

Ma a quel tempo, dissi, sono giovane. Sono un adolescente Non dovrei provare questo. E avevo a che fare con problemi metabolici. Avevo già delle smagliature che ancora mi ricoprono. Sono pesato 160 chili nei miei primi anni ’20. E ho iniziato ad avere la nebbia nel cervello a metà degli anni ’20. Mi è stato diagnosticato un alto rischio di ictus e infarto – rischio molto elevato – come cerchiato dal medico, quando avevo 29 anni. Si scopre che avevo a che fare con tutte le cose che normalmente ti colpiscono quando hai più di 60 anni. E lo stavo facendo da giovane. E mi ha spaventato a morte. E lo ha fatto perché a nessuno piace guardarsi allo specchio in un momento in cui dovresti far crescere la tua carriera e dire, non ricordo cosa sia successo in quell’incontro. È appena andato. E sono così stanco. Non riesco proprio a mettere un piede davanti all’altro. Ma lo farò comunque.

Si è scoperto che le persone che sapevano come risolvere questo non erano il mio medico né altri. Il mio medico mi ha detto che la vitamina C mi ucciderebbe davvero, che ci crediate o no. Quindi l’ho licenziato. E per quattro anni sono diventato il mio scienziato. Fortunatamente, sono un hacker di computer e so come fare questo tipo di cose. Ma poi ho fatto amicizia con un gruppo no profit anti-invecchiamento. E ho iniziato ad uscire con queste persone piene di saggezza che si stanno rendendo più giovani. E le cose che sapevano, le cose che stavo imparando da loro e dai migliori ricercatori del mondo, mi hanno reso migliore.

Mi hanno dato gli strumenti di ciò che è diventato biohacking, un movimento di persone che ora è persino una parola nel dizionario. Non esisteva otto anni fa. Bene, si scopre che quegli strumenti che rendono giovani le persone anziane fanno esplodere i giovani. E questa è stata una cosa fondamentale per quello che ho fatto con Bulletproof e per ciò che ha cambiato la mia vita in un modo molto drammatico. Ho circa il 10%, forse il 10,2% di grasso corporeo in questo momento. Non provo fame regolarmente. Adoro quello che mangio. Ho più energia a 46 anni che a 26. Mi sento benissimo. Il mio cervello funziona. Ricordo tutte le cose che voglio ricordare. Non faccio cadere le parole. Ed è stato assolutamente liberatorio. Inoltre è costato un milione di dollari lungo la strada. E questo è completamente ingiusto.

Ora, sono molto fortunato di essere stato in grado di farlo, perché ho lavorato presso l’azienda che deteneva i primi server di Google quando Google era composto da due server e due ragazzi. Quindi mi sono alzato presto e sono stato in grado di dedicarmi al benessere, di fare molti errori, di sprecare un sacco di soldi per diventare più giovane, e poi di dire, va bene, come posso andare oltre? Ed è quella profonda conoscenza di 20 anni di lavoro con i migliori ricercatori e scienziati anti-invecchiamento del mondo, la lettura dei documenti, lo svolgimento del lavoro e il tentativo da me stesso che mi ha portato a dire, con ragionevole sicurezza, che lo farò per almeno 180 anni, se voglio. E questa non è la fine, questo è l’inizio.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi