Temi chiave per un futuro sostenibile | Morningstar

Simon Clements di Lionstrust esamina le opportunità di investimento mentre l’economia globale diventa più sostenibile.

Holly Black: Benvenuti a Morningstar. Sono Holly Black. Con me c’è Simon Clements. È il gestore del Liontrust Sustainable Future Global Growth Fund. Salve.

Simon Clements: Buongiorno. Come stai?

Black: Sto bene. Vuoi iniziare dicendoci brevemente cosa fa il fondo?

Clements: Sì. Allora, il fondo è in funzione da quasi 20 anni, e investe in aziende che pensiamo beneficino di questa transizione che vediamo nell’economia globale diventare più sostenibile nel tempo. E investe in tre aree in cui l’economia diventa più sostenibile nel tempo: tendenze che rendono il mondo più pulito ed efficiente, tendenze che rendono il mondo più sano e migliorano la qualità della vita e, infine, temi che forniscono un’economia globale più sicura e resistente in futuro.

Black: Quindi, so che non hai gestito il fondo per 20 anni, ma l’accesso a questi temi è diventato più facile negli ultimi anni perché ci stiamo comunque muovendo tutti in quella direzione?

Clements: Sì, voglio dire, i temi o le tendenze su cui abbiamo investito – voglio dire, ho gestito il fondo – a novembre è stato il mio decimo anniversario del fondo. Ma sì, anche in questo periodo, abbiamo visto una vera accelerazione in molte delle aree dell’economia in cui investiamo. E ci aspettiamo che questo accada. Riteniamo che nel tempo si possa osservare che l’economia globale diventa più sostenibile. Ma è chiaro che recentemente, negli ultimi tre-cinque anni, c’è stata un’accelerazione sia nelle tendenze di fondo che abbiamo identificato, ma anche nell’interesse per il prodotto di cui tutti sono molto consapevoli, il che rende – porta sfide, ma anche enormi opportunità per gli investitori sostenibili a lungo termine come noi.

Black: Quindi, quali sono alcune delle aree più eccitanti per te al momento?

Clements: Sì. Voglio dire, pensiamo – vediamo molte aree in cui c’è una reale accelerazione in tutto il nostro processo. E ancora, abbiamo 21 temi di investimento e un po’ come i tuoi figli, non vuoi avere dei preferiti. Sono tutti importanti. Investiamo dietro a tutti. E la bellezza del processo è che abbiamo così tante aree diverse che possiamo davvero – possiamo identificare le opportunità. Ma alcuni esempi di aree in cui siamo davvero entusiasti sono chiaramente la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio, che è davvero importante ora, qualcosa che dobbiamo agire rapidamente, come economia abbiamo bisogno di dimezzare la quantità di carbonio che produciamo nei prossimi 10 anni e poi dimezzarla di nuovo e poi dimezzarla ancora e questa è davvero l’unica soluzione là fuori.

Quindi, per fare questo, ci sono enormi opportunità in termini di tecnologie che stanno arrivando e lo si vede attraverso cose come l’efficienza energetica, e anche l’energia rinnovabile ha davvero raggiunto un punto in cui è effettivamente la forma di energia più conveniente, oltre ad essere ovviamente grande per il pianeta. Spostandoci su cose come il trasporto, l’adozione di massa di veicoli elettrici e ibridi elettrici è davvero ad un punto critico, e sono sicuro che tutti possono vederlo, se ne vedono di più sulla strada e si vedono più punti di ricarica. Ma questo tipo di relazione tra le preferenze dei consumatori e l’infrastruttura necessaria è a un punto davvero eccitante. Vediamo delle opportunità entusiasmanti, sia in termini di veicoli che di infrastrutture che li circondano.

Black: E tu gestisci il fondo da 10 anni. Ci sono aree in cui lo sviluppo delle soluzioni sostenibili è stato più lento di quanto tu ti aspettassi?

Clements: Beh, voglio dire, penso che la più grande sfida che affrontiamo, che è quella che ho menzionato, che è la transizione verso una sorta di economia a basse emissioni di carbonio, sentiamo che probabilmente siamo stati più lenti di quanto avremmo dovuto essere come economia globale, e ci sono state molte parti del mondo in cui la transizione e la realizzazione e l’accettazione che questo è quello che dobbiamo fare è stato più lento, e questo è stato frustrante. Ma ora stiamo vedendo una più ampia accettazione. Abbiamo visto i cinesi e anche gli Stati Uniti entrare in gioco, cosa che pensiamo sia molto importante. Quindi, pensiamo che la risposta alla crisi climatica sia stata probabilmente più lenta di quanto vorremmo. E siamo davvero – questa è la più grande sfida che pensiamo di affrontare come economia e come persone nei prossimi decenni.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi