Stati Uniti contro Cina. La guerra che sta scuotendo il mondo della tecnologia

La battaglia della tecnologia tra gli Stati Uniti e la Cina ha colpito TikTok e Huawei e ha spaventato le aziende americane che producono e vendono in Cina. Il WSJ spiega come Pechino stia versando denaro in chip ad alta tecnologia perché vuole diventare autosufficiente.

**************

– Questo e’ un chip. È il cervello dei dispositivi elettronici, dei computer portatili, degli smartphone, dei televisori, e certamente il dispositivo su cui state guardando questo video in questo momento. Quasi la metà di questi chip sono venduti a livello globale da aziende americane come Qualcomm e Intel. Ma ora la Cina sta correndo per cambiare questa situazione. Il Paese ha aggiunto quasi 30 miliardi di dollari alle proprie aziende di semiconduttori, come il produttore cinese SMIC.

– SMIC è la speranza della Cina di vincere questa gara tecnologica con gli Stati Uniti.

– (Narratore) SMIC è una delle tante aziende tecnologiche cinesi poco conosciute che hanno visto aumentare le loro azioni quando l’amministrazione Trump ha annunciato una serie di mosse per chiudere efficacemente i giganti cinesi della tecnologia, tra cui TikTok e Huawei, fuori dal mercato statunitense.

– Huawei è qualcosa di molto pericoloso.

– Voglio dire, l’atteggiamento di Washington nei confronti della Cina, in particolare quando si tratta di tecnologia. è che i due Paesi devono separarsi. Potremmo ritrovarci con due ecosistemi diversi quando si tratta di tecnologia.

– (Narratore) Questo processo di separazione è stato chiamato disaccoppiamento. Come stanno cercando di diventare più autosufficienti gli Stati Uniti e la Cina? E cosa significa per i giganti della tecnologia in entrambi i paesi?

– Non possiamo assumerci i rischi per la sicurezza di nessuna di queste aziende, compresa la Huawei, alla quale, come sapete, abbiamo posto un freno.

– (Narratore) Huawei e l’applicazione video molto popolare, TikTok, sono stati entrambi accusati di essere potenziali strumenti per lo spionaggio cinese, e sono stati etichettati dagli Stati Uniti come una minaccia alla sicurezza.

– Vogliamo che le applicazioni cinesi non affidabili siano rimosse dagli app store statunitensi. Il presidente Trump ha menzionato un’azione imminente su TikTok, e per una buona ragione.

– (Narratore) Sia Huawei che TikTok hanno negato con veemenza queste accuse e hanno detto di operare indipendentemente dal governo cinese.

– E questa amministrazione ha ampliato la nozione di sicurezza nazionale ben al di là di qualsiasi altra amministrazione. E quando si tratta della Cina, definiscono la sicurezza nazionale come dati, tutta la tecnologia cinese è sospetta, secondo questa amministrazione.

– (Narratore) Poiché TikTok ha ricevuto la minaccia di essere bandito dagli Stati Uniti e il governo degli Stati Uniti ha detto che a Huawei sarebbe stato vietato l’acquisto di chip dagli Stati Uniti e da altri paesi, gli investimenti dalla Cina si sono quasi bloccati.

– Gli investimenti cinesi negli Stati Uniti sono scesi del 90 per cento circa.

– (Narratore) Le restrizioni hanno anche spaventato un certo numero di aziende americane, che hanno esercitato forti pressioni contro i cambiamenti. Huawei è un grande cliente per le aziende, tra cui Qualcomm e Intel. Come Bill Gates di Microsoft e Jack Ma di Alibaba. Che hanno detto che le recenti escalation sono controproducenti per entrambe le parti.

– Le aziende americane forniscono parti a Huawei, che possono andare tutte via, tutte. Voglio dire, il messaggio dell’amministrazione Trump alle aziende americane e alle aziende europee che vogliono fare affari in Cina è: non fatelo, venite negli Stati Uniti.

– Allora, come sta rispondendo la Cina? Pechino ha annunciato che non permetterà più che la propria tecnologia di intelligenza artificiale, pensate al riconoscimento facciale e all’elaborazione dei dati, sia esportata senza nuove licenze. Mentre Washington e Pechino si battono su più fronti, da Hong Kong a Taiwan e al Mar Cinese Meridionale, la tecnologia è emersa come una priorità strategica. È qui che entrano in gioco aziende come SMIC.

– La Cina ha da tempo il desiderio di ridurre la dipendenza delle aziende cinesi dall’estero. Tuttavia, non è davvero fino alla guerra commerciale di Trump che la leadership cinese si è resa conto che si tratta di una cosa davvero seria, dobbiamo davvero mettere insieme le nostre azioni adesso.

– (Narratore) La Cina ha lanciato la propria versione del NASDAQ l’anno scorso, il mercato STAR, e le sue azioni stanno salendo vertiginosamente. Questo riflette quanto gli investitori pensano che le aziende possano trarre vantaggio dalla ricerca di autosufficienza del Paese.

– Sotto Xi Jinping, c’è un nuovo slogan, si chiama circolazione interna. Questo slogan esoterico significa che la Cina in futuro darà priorità alle proprie aziende, ai propri mercati e ai consumi cinesi.

– I chip sono particolarmente importanti. La Cina è il più grande consumatore di chip al mondo. Spende più per i chip che per il petrolio, e l’anno scorso ha importato 300 miliardi di dollari di chip.

– I responsabili politici stanno usando SMIC come modello per altre aziende con ambizioni simili, in pratica stanno dicendo a queste aziende, siamo disposti a investire su di voi, siamo disposti ad aiutarvi, ma a patto che vi atteniate all’agenda politica.

– (Narratore) Pechino sta già ottenendo numerosi successi. Si prevede che l’economia cinese sarà l’unica grande economia a crescere quest’anno. E questo va a vantaggio dei suoi giganti della tecnologia. Huawei, che è già un campione globale nella tecnologia 5G, è diventato il numero uno nella vendita di smartphone a luglio, soprattutto grazie al suo mercato interno, dove vende oltre il 70% dei suoi telefoni. Ma porre fine alla sua dipendenza dalla tecnologia statunitense rimane complicato.

– Abbiamo un sacco di ingegneri e scienziati davvero intelligenti su entrambe le sponde del Pacifico. Se non lavorano insieme, è chiaro che questo ritarda l’innovazione.

– (Narratore) Huawei ha annunciato nel 2019 di poter produrre un telefono senza chip USA. Tuttavia, quelle parti sostitutive di se stesse sono realizzate con tecnologia e strumenti americani, e l’amministrazione ha preso provvedimenti per colmare la lacuna. E se la normativa statunitense non permette a Huawei di acquistare componenti chiave realizzati con tecnologia statunitense, Huawei potrebbe semplicemente non essere in grado di produrre il suo hardware. Gli analisti stimano che lo stock di Huawei di componenti USA durerà solo uno o due anni. Huawei ha rifiutato di commentare il suo inventario. La situazione di Huawei è vista come una conferma che, nonostante i pesanti investimenti, le aziende cinesi di chip come SMIC sono ancora in ritardo. Si dice che la Cina sia indietro di circa quattro anni rispetto agli Stati Uniti e a Taiwan. SMIC, che utilizza anche molta tecnologia statunitense, ha dichiarato di voler accelerare lo sviluppo della propria capacità di produzione di chip.

– La Cina è già stata qui in passato. Ha cercato di recuperare il ritardo rispetto agli Stati Uniti per decenni. E non è la prima volta che investe così tanto nell’industria dei semiconduttori. Tuttavia, ha ancora un enorme vuoto da colmare, e ora il tempo stringe.

– E anche gli Stati Uniti si stanno muovendo. La legislazione si sta facendo strada attraverso il Senato degli Stati Uniti, che potrebbe pompare altri 37 miliardi di dollari nella produzione di semiconduttori americani e nella ricerca e sviluppo. E, che Trump venga rieletto o meno, le azioni degli Stati Uniti non si fermeranno.

– Non credo che un’amministrazione Biden avrebbe una visione fondamentalmente diversa nei confronti della Cina. La Cina sarebbe ancora il concorrente numero uno. Ci sarebbero ancora problemi, sai, sui diritti umani, sulla sicurezza nazionale, sulla tecnologia.

– Non importa chi sarà il prossimo alla Casa Bianca, questo tipo di politica di ripiegamento verso l’interno della Cina è qui per restare. La leadership cinese si rende conto che gli Stati Uniti non sono più un partner affidabile.

– (Narratore) Così, dopo anni di crescenti tensioni tra gli Stati Uniti e la Cina, il disaccoppiamento delle loro industrie tecnologiche continuerà probabilmente anche in futuro.

– Voglio dire, quello che gli Stati Uniti in questo momento stanno facendo è dire al resto del mondo, scegliete, sapete, o andate con noi, o andate con loro.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi